Nascar-“Il ritorno di Papis”

0

max-papis.jpg

Pare proprio che dall’altra parte dell’oceano la Nascar sia diventata “la casa di molti”. Così capita di incontrare i grandi campioni della serie affiancati da tanti altri campioni provenienti dall’Europa e da ogni dove, dalle ruote scoperte o dalle coperte.

Max Papis, alle voci dell’America si era già affezzionato molti anni fa, dopo molti anni nel vecchio continente a mietere successi in F3, F3000 e addirittura qualche presenza in Formula 1. Poi il volo, la gloria ritrovata e l’agiatezza di una vita sfarzosa, divisa con la figlia di uno che di motori se ne intende: Emmo Fittipaldi. Il varesotto si è innamorato dell’America e probabilmente anche l’America si è innamorata di lui, per questo non poteva rimenere solo con un contratto Chevrolet- Corvette in tasca. Questa volta l’offerta si è fatta interessante: Nascar Busch Series, mica noccioline: tre gare, sugli stradali, per confermarsi al volante per tutta la stagione di una Chevy Monte Carlo SS del team Rusty Wallace Racing. Insomma, uno che di piloti e di corse se ne intende.

Giacomo Sgarbossa

Condividi in

Autore

Lascia un Commento

*
To prove you're a person (not a spam script), type the security word shown in the picture. Click on the picture to hear an audio file of the word.
Anti-spam image