Moto GP: Michelin non crede nell’eliminazione dei pneumatici da qualifica

0

jean-philippe-weber.jpg

Michelin dubita della possibilità di eliminare i pneumatici da qualifica sarà discussa nuovamente nel 2008, con il boss dei pneumatici Jean-Philippe Weber dubbioso su come il rispetto del divieto potrebbe essere controllato.

La questione del divieto di pneumatici morbidi per la qaulifiva è stato parte del dibattito svoltosi lo scorso anno tra la Michelin, Bridgestone e Dunlop, quando i colloqui si sono svolti circa la revisione del limite di 31 pneumatici nella classe regina.

E Jean-Philippe Weber ha detto che non annoterà in anticipo gli pneumatici da qualifica su qualsiasi futura agenda dei colloqui tra le società di pneumatici.

I pneumatici da qualifica sono un grande vantaggio che attualmente Michelin ha sui rivali Bridgestone, con Nicky Hayden che ha prodotto alcuni tempi sul giro impressionanti con la gomma morbida nei test invernali.

L’americano ha raggiunto la vetta della classifica nelle ultime tre sessioni di test invernali sui pneumatici da qualifica e Weber ha detto: “La nostra sensazione è che i pneumatici da qualifica sono difficili da controllare.

“Hanno già parlato molto di questo argomento in F1 e sappiamo che alcuni laboratori indipendenti hanno svolto test sui pneumatici.

“Sono molto diversi per controllare, perché ci sono molte soluzioni tecniche in questa zona – è possibile applicare un prodotto sul pneumatico per avere una gomma morbida o si può avere anche un sottile strato di gomma morbida sulla superficie del pneumatico che sparisce dopo pochi giri “.

Una proposta che è stata fatta nel 2007 era di far correre ai piloti la gara sullo stesso pneumatico che hanno utilizzato per fare il loro giro da qualifica, ma Jean-Philippe Weber ha detto che Michelin si è opposta.

Weber ha aggiunto: “Alcune persone suggeriscono che i piloti dovrebbero correre con il pneumatico con cui hanno fatto il loro miglior giro di qualifica, ma ancora una volta non è facile, perché non sai come sarà la temperatura il giorno di gara, e il modo in cui ogni moto si comporterà dipenderà dalla moto e dallo stile di guida del pilota.

“Se hai dieci gradi in meno sulla pista il giorno della corsa, saranno okay per piloti che stressano molto e scaldano velocemente le gomme, ma per gli altri piloti che le stressano meno si lotterà per scaldare gli pneumatici, il che potrebbe essere pericoloso.

“Forse su quattro ruote non è così pericoloso, ma su due ruote non è lo stesso gioco”.

[ via MCN.com ]

Condividi in

Autore

Lascia un Commento

*
To prove you're a person (not a spam script), type the security word shown in the picture. Click on the picture to hear an audio file of the word.
Anti-spam image