Wtcc- Gp del Brasile:”L’analisi dell’appuntamento di Curitiba”

0

img_00008.jpg

Dopo lo stupendo week end di Curitiba, cresce sempre di più la voglia di aggiungere un bel pagellone ai protagonisti del Wtcc, dopo il primo appuntamento mondiale in Brasile. Mettiamoci subito all’opera e commentiamo le gesta dei campioni del mondiale turismo.

Andy Priaulx voto 8: Non ha vinto, non ha convinto nelle libere e specialmente nelle qualifiche. In gara si è scatenato, ha tirato la belva che era in lui e si è scagliato contro gli attoniti avversari che quasi sembravano scherzare nei suoi confronti ed invece lui non si è mai scomposto, mai. In gara 1 ha dovuto affrontare 15 giri tutti in salita e dopo stupendi sorpassi e una grinta fuori dal comune, prende un quinto posto importantissimo, ricevendo punti che si riveleranno preziosi nel proseguio del mondiale. In gara 2 sfrutta la sua Bmw e si comporta da campione del mondo senza pietà, come se il vecchio Priaulx se ne fosse andato dalla veloce pista brasiliana. Purtroppo ha dovuto affrontare un maestoso Tarquini che non si è fatto mai sorprendere e lo ha battuto di poco. Grande la prova dell’inglese che sicuramente ci far divertire nelle prossime gare.

Yvan Muller voto 8,5: Anche lui un bel voto perchè ha dato tutto nelle qualifiche e in gara 1 facendo cose straordinarie. Ha inserito quel pizzico di classe e di tenacia che hanno fatto balzare la corta e procace Seat Tdi alla vittoria. Non ha avuto di che guardarsi negli specchietti perchè con un compagno di squadra come Rydell, se stai davanti puoi stare tranquillo. In gara 2 invece, non ha lottato, si è soffermato a guardare il maestoso Jorg Muller, un lesto e imperdonabile Farfus e non ha mai perso la calma. Ha pensato al mondiale, ha saputo gestitre una Seat che non sembrava la stessa di gara 1. Un voto meritato che si alzerà in futuro perchè uno come Yvan Muller non mollerà mai la presa e farà di tutto pur di battere i ben più aggressivi avversari della Bmw.

Augusto Farfus voto 7: Voto discreto per il padrone di casa, visto che Farfus è nato nella calda città di Curitiba. Nelle libere ha subito spiegato a tutti come dovevano andare le cose la Domenica, ma qualcosa è andato storto. Nelle qualifiche battere le Seat era impossibile ma è stato l’unico che si era aggrappato ad una speranza residua di poterle avvicinare. In gara 1 ha fatto il possibile e ha mostrato di avere gli attributi ma non è bastato, purtroppo è stato escluso dai commissari per irregolarità tecniche. Gara 2 ha rivelato la grande grinta e voglia di Farfus di lottare e di battere le Seat ma purtroppo non ha saputo ripetere l’impresa dell’anno scorso. Pazienza, vorrà dire che dovrà aspettare Puebla per guadagnarsi la meritata coppa del primo posto

Gabriele Tarquini voto 9: Eh sì, un voto straordinario per il cinghio della Seat. Nonostante l’età che non è più quella di uno speranzoso ed aspirante professionista, ha inanellato un fine settimana costellato di grandi prestazioni che neanche lui si aspettava. Libere opace sì ma già nelle qualifiche è entrato nella top 5 mostrando il suo solito stile di guida aggressivo e preciso. In gara 1 è partito come una fionda e si era addirittura precipitato in terza posizione. Non è riuscito a confermarsi ma pazienza, aspetta gara 2. Qui dà il meglio perchè parte una meraviglia e sorpassa in maniera estremamente facile. Riesce a rimanere calmo agli attacchi della volpe Priaulx, ha affrontato con classe e stile i cordoli della pista brasiliana e ha insistito con il solito passo di gara davvero ottimo. Risultato finale? Gabriele vince e si gode lo champagne e l’inglese “avversario” si merita quello che si merita ed a fatica allarga la sua bocca.
R. Rydell voto 7: Ha dato dimostrazione di avere classe e di poter aiutare i suoi compagni di squadra senza problemi. Bravo e ha dato prova del suo talento.

J. Muller voto 6.5: In gara 1 si è visto solo alla fine con la sfida fraterna con Farfus ma in gara 2 si trasforma e fa di tutto per raggiungere un sognato podio mancato.

A. Porteiro voto 6: Unica nota positiva da notare, è andato a punti in tutte e due le gare ha saputo tenere testa, seppur per pochi giri, ad un Priaulx scatenato.

Alla prossima carissimi amici di eracemotorblog per il Gp del Messico, che si disputerà per la fine di Marzo nella pista di Puebla.

Stefano Chinappi

Condividi in

Autore

Lascia un Commento

*
To prove you're a person (not a spam script), type the security word shown in the picture. Click on the picture to hear an audio file of the word.
Anti-spam image