New generation:”Lasciamolo crescere”

0

00323full213.jpg

Vieni dato alla Ferrari durante la settimana, ti ritrovi con un motore rotto la Domenica mentre lotti per posizioni che non ti competono. La settimana di fuoco di Vettel si è appena conclusa e il tedesco sembra che ne sia uscito frastornato, senza sapere dove andare, appesantito come una zavorra da quelle voci scottanti e anche dal caldo malese. In Australia era partito bene ma non a tutta perchè, ringraziando Piquet, ha dovuto abbandonare il parco di Alberto dopo soli 300 metri di percorrenza. Si sa che il giovane talento tedesco ha sempre avuto a che fare con questa grande pubblicità che lo accantona ad ogni buon risultato, sembra essere un predestinato ma invece non bisogna accanirlo. Ebbene sì, forse sarò l’unico a pensare questo o sarò uno dei tanti, ma secondo me Vettel non è pronto per una grande squadra, non è pronto per accumulare la pressione che ti viene imposta dai media, la fame di risultato che hanno i capi, la voglia del tifoso di vittoria, secondo me tutto questo ambaradan il giovanissimo ventenne, ora come ora, difficilmente riuscirebbe a sopportare. Eh bè, ha talento e ha anche il piede pesante, cose che servono in questo mondo, ma a 20 anni deve avere il tempo a disposizione per maturare, per crescere perchè ogni cosa ha il suo tempo e anche per Vettel verrà il momento di vincere, di salire sul podio, di arrabbiarsi per un guasto meccanico sul più bello. Insomma, lasciamolo crescere, lasciamolo sbagliare e anche lasciamolo agire con calma senza pressioni, perchè sappiamo tutti che Sebastian Vettel è un predestinato e non tradirà le attese riposte in lui.

Stefano Chinappi

[tags]Vettel, Sepang, Melbourne, Ferrari, F1[/tags]
Condividi in

Autore

Lascia un Commento

*
To prove you're a person (not a spam script), type the security word shown in the picture. Click on the picture to hear an audio file of the word.
Anti-spam image