Indycar- I nuovi arrivati prima di Miami- Tests collettivi a Sebring

0

power.jpg

I test di Sebring con Coyne, KV e Conquest senza NHL

Con l’assenza del team Newman/Haas/Lanigan dovuta all’impossibilità di preparare le vetture ed i materiali necessari in tempo, nella due giorni di test Indycar sul circuito di Sebring a metà Marzo hanno debuttato ufficialmente le nuove squadre provenienti dalla Indycar. nei test collettivi a Sebring. Tra i primi in pista nelle prove collettive il team Conquest, con Perera e Bernoldi, oltre al KV Racing, con Oriol Servia e Will Power e Coyne con Mario Moraes e Bruno Junqueira. La novità è stata l’ affiancare in una partnership tecnica un team esperto del campionato IRL ad uno dei nuovi, per porre rimedio all’inesperienza di questi ultimi. Questi di seguito gli abbinamenti:

Andretti Green Racing-Dale Coyne Racing;
Target Chip Ganassi Racing-KV Racing;
Vision Racing-Conquest Racing;


“Nonostante i grandi sforzi della Dallara e della IndyCar Series non siamo riusciti a mettere ad amalgamare il tutto per esserci in tempo a Sebring – le parole di Brian Lisles, general manager della NHL – Per noi questo rappresenta una grande delusione per la squadra, perché partiremo ancora di più in una posizione di svantaggio e perderemo tempo prezioso per valutare le nostre potenzialità. Ci saremo comunque ad Homestead per le prossime prove collettive.”

Le dichiarazioni di Wilson sono improntate alla massima delusione: ” Tremidavo per provare la Dallara per la prima volta ed iniziare a lavorare per il proseguio della stagione. Queste cause esterne forzate non ci permettono di essere in pista in questa occasione, ma certamente il team mi ha assicurato che per Miami , con il lasso di tempo a disposizione che intercorre tra questo ed i prossimi tests, avremmo pronta una vettura con i fiocchi. Questo mi conforta e mi ripaga della delusione ”.

Power ,all’opposto, è contento del lavoro sorprendente della sua nuova squadra “ Devo fare i miei più sentiti complimenti e ringraziamenti di stima alla squadra, perchè è riuscita in poco tempo a mettere a disposizione ben due vetture. Nei tests sarà importante imparare ad aver confidenza con la vettura, e capire il comportamento delle Dallara. Io cercherò di metterci tutta l’esperienza accumulata in questi anni per far crescere la squadra e sarà importante iniziare a prendere confidenza con le nuove velocità. Iniziamo completamente daccapo, dobbiamo addirittura prima imparare a tenere la vettura in pista per il maggior tempo possibile, solo cosi’ si potrà disporre di più tempo per migliorare ed incrementare le nostre prestazioni. Lavorare a aSebring è utile anche perchè rapprensenta un banco di prova per le gare stradali, ed in particolar modo per il cittadino di St Petersburg. “

Jimmy Vasser, comproprietario del KV Racing: “ Devo prima di tutto congratularmi con tutti per aver preparato in tempo per questo test le due vetture. Non abbiamo avuto molto tempo, ma la squadra ha lavorato duramente ogni giorno. Vorrei ringraziare anche il Target Ganassi con cui siamo gemellati, perchè senza di loro non ce l’avremmo fatta ad essere pronti per oggi.”
Alla fine L’australiano Will Power si è dimostrato il più veloce con il tempo di 52″9685 nelle prima delle due giornate di test , mentre Kv, Dale Coyne e Conquest sono scesi in pista per questa sessione di test fondamentalmente per trovare il feeling necessario con Dallara.

“La macchina è simile a quella della Champ Car – le prime impressioni dell’asutraliano Power – Stesse gomme, peso simile, un po’ meno cavalli e non molto grip. È stato bello tornare a girare visto che non guidavo ormai da sei mesi, per un pilota è il miglior modo di rimettersi in forma.”

Il duo della KV per la cronaca è quello che ha compiuto più giri, scendendo in pista sia nella sessione mattutina che nel pomeriggio , totalizzando centosettantatrè tornate complessive.

Alle spalle di Power, a meno di tre decimi, si è classificato Bruno Junqueira (Dale Coyne) che ha preceduto Franck Perera (Conquest) e Servia. Poi Mario Moraes (Dale Coyne), con un problema alle sospensioni che lo ha limitato a 15 giri, ed Enrique Bernoldi (Conquest), che ha compiuto solo 4 tornate.

I migliori tempi del primo giorno

1 – Will Power – KV – 52.9685
2 – Bruno Junqueira – Coyne – 53.2339
3 – Franck Perera – Conquest – 53.4917
4 – Oriol Servia – KV – 53.5855
5 – Mario Moraes – Coyne – 54.6123
6 – Enrique Bernoldi – Conquest – 58.7377

 

 


 

E’ stato invece Oriol Serviaa a chiudere in testa l’ultima sessione di test , tra l’altro con il miglior tempo sul circuito di Sebring. L’ iberico ha registrato un tempo di 52.035, a pochissimi decimi dal record ottenuto dai piloti IRL nella scorsa settimana. Alle sue spalle il compagno di squadra Power con 2 decimi di ritardo, poi le due vetture del Conquest Racing con Bernoldi davanti al debuttante assoluto Perera. In coda chiudono le due vetture del Dale Coyne con Junqueira quinto e Moraes sesto. Da segnalare anche un incidente per il brasiliano Bruno Junquera, uscito indenne da un forte schianto contro le barriere.

Sebring Test – Giorno 2

1- Oriol Servia – KV Racing – 52.7035 – 78 giri
2- Will Power – KV Racing – 52.9451 – 53 giri
3- Enrique Bernoldi – Conquest Racing – 53.2843 – 72 giri
4- Franck Perera – Conquest Racing – 53.3159 – 66 giri
5- Bruno Junqueira – Dale Coyne Racing – 53.6552 – 16 giri
6- Mario Moraes – Dale Coyne Racing – 53.9831 – 69 giri

MN

 

Condividi in

Autore

Lascia un Commento

*
To prove you're a person (not a spam script), type the security word shown in the picture. Click on the picture to hear an audio file of the word.
Anti-spam image