SBK: tutti a Valencia

0

podio-phillip-island-2008.jpg

Dopo le due gare al caldo del Qatar e nel veloce circuito di Phillip Island la Superbike torna in Europa per la gara di Valencia, tracciato su cui alcuni team hanno effettuato due giorni di test lo scorso mese, peccato per l’assenza di quelli più attesi, ovvero Ducati Xerox e Yamaha Motor Italia. Ma a parte questo tutti si chiedono una sola cosa: riuscirà qualcuno ad arginare la fuga di Troy Bayliss? L’australiano della Ducati è partito forte vincendo tre delle quattro manches sin qui disputate, dietro di lui tanti pretendenti ma nessuno si è ancora imposto al punto da essere consdierato come il vero antagonista del bicampione del mondo. Tra gli altri ci sono le Suzuki Alstare, specialmente quella di Nieto che gioca in casa ed è secondo in classifica con 27 punti di ritardo dalla testa. Ma non scordiamoci del duo Yamaha Corser-Haga, che non ha brillato particolarmente nei primi due appuntamenti del campionato. Altri outsdier si rivelano essere Michel Fabrizio con la seconda Ducati Xerox e Ruben Xaus con la Ducati Sterilgarda: uno ha tanta voglia di dimostrare ciò che vale, l’altro gioca in casa e vorrà ripetere le prestazioni dell’anno passato dove vinse gara 1. Piano piano sono arrivate alla vetta anche le Honda CBR 1000 degli olandesi del team Ten Kate, che punteranno in alto, magari con Carlos Checa. Tutta da vedere invece la condizione di Max Biaggi, reduce dalla caduta in gara 2 di Phillip Island dove si è fratturato la mano: in ogni caso il corsaro di Roma cercherà di non perdere troppi punti dalla testa del mondiale, perchè questo può essere davvero l’anno buono per lui. Attenzione anche alla miriade di Honda private, da Lavilla a Rolfo, senza scordarsi di Muggeridge che negli scorsi test ha stampato il miglior giro nella seconda giornata. Ci si aspetta anche la risalita delle due Kawasaki Zx-10 del team PSG-1, le uniche in versione 2008 del gruppo. Sempre restando in tema verdone Badovini sarà il solo alfiere del Team Pedercini: nessun pilota è stato scelto per sostituire l’infortunato Iannuzzo.

Andrea Massari

Condividi in

Autore

Lascia un Commento

*
To prove you're a person (not a spam script), type the security word shown in the picture. Click on the picture to hear an audio file of the word.
Anti-spam image