Indycar- St Petersburg Gara- Commenti del dopogara: NHL

1

rahal.jpg

Newman Haas Laningam

Graham Rahal vincendo la gara ha fissato un triplo record storico per le statistiche: prima vittoria degli ex- teams CCWS nel campionato Indycar Series , avvenuta alla seconda gara per la cronaca; primo pilota ad aver vinto con un’ età cosi’ giovane, diciannove anni; vittoria al gran premio di debutto (a Miami era assente).

“Sono strafelice! Sono orgoglioso dei miei meccanici ed un ringraziamento speciale va anche a mio padre che mi ha cresciuto caratterialmente e mi ha avviato alle corse. Helio è sempre stato un vincente ma sapevo di avere i mezzi necessari per arrivare fino in fondo spingendo al massimo e sfruttando tutte le mie potenzialità di guida. Quando ho passato Viso ho incrementato il mio vantaggio di tanto, ma la caution mi ha fatto perdere tutto il vantaggio che avevo su Helio che aveva passato anche lui Ernesto. Abbiamo conservato le gomme e la benzina e quando c’è stato il restart ho fatto gli ultimi sforzi negli ultimi cinque minuti di gara. Quando arrivi ad un punto in cui sei consapevole che mancano solo pochi giri, non puoi perdere la concentrazione nonostante gli avvenimenti a sfavore. E per me la Pace Car ha rappresentato un input per restare aggressivo fino alla fine ed avere la cattiveria necessaria per fare questo miracolo. Quando poi ho ripreso il vantaggio mi sono accorto di aver perso la carica andrenalitica e la tensione e mi sono detto “E’ quasi fatta..soltanto un ultimo sforzo”. Mio padre ed io ci siamo stretti in un caloroso abbraccio appena sono arrivato ai box. Che dire di più? Mi sento al settimo cielo.”

wilson1.jpg

Justin Wilson, con la NHL McDonald’s numero 2 è stato il secondo leader della gara , dopo la sosta ai box di Kanaan prima del ventesimo giro. La sua prima parte di gara è stata fantastica, ma poi le caution ed alcuni impedimenti lo hanno fatto sprofondare anche tra gli ultimi. Alla fine arriva ottavo.

” Sono un pò deluso per il risultato finale ma veramente contento per quello che abbiamo dimostrato come scuderi, il lavoro durante il week-end e poi la vittoria di Graham. Sentivo la mia vettura veloce e saremmo stati in grado di vincere ma le circostanze non ce lo hanno permesso. Questa è la scuderia in cui voglio correre, e Graham è un compagno di scuderia stupendo. Si merita veramente di aver vinto alla sua prima gara, è come se fosse stato scritto nel suo destino. Sono veramente felice per tutti noi, alla seconda gara abbiamo centrato un risultato insperato e storico appena un mese fa. ”

MN


Condividi in

Autore

1 commento

Lascia un Commento

*
To prove you're a person (not a spam script), type the security word shown in the picture. Click on the picture to hear an audio file of the word.
Anti-spam image