Vane22a’s world:”Un anno dopo…”

2

00_canada_ham.jpg

Un anno dopo. Sono passati 365 giorni dal primo trionfo di Lewis Hamilton in Canada, 365 giorni dal pauroso incidente che è costato a Kubica il turno di stop per Indianapolis, dove è stato sostituito egregiamente dal giovanissimo Sebastian Vettel. Sono passati davvero 365 giorni, nei quali sono cambiate tante cose… Sembra ieri che Alonso, al volante della McLaren, danneggia l’auto sorpassando Heidfeld e colleziona 3 uscite di pista nell’arco di 70 giri; sembra ieri che Hamilton, anche in Canada, è ancora chiamato da tutti l’ “enfant prodige”. Sembra ieri, eppure è passato un anno e lo scenario che si apre davanti alle porte di Montreal è estremamente diverso.
L’anno scorso tifavo per un pilota che portava con onore il numero 1 sulla sua monoposto, e intanto amavo veder crescere l’altro mio “cavaliere” al quale il numero 2 cominciava a stare un po’ stretto… L’avevo definita la gara della speranza, della paura del “rewind”… già perchè avevo ancora negli occhi l’immagine di Raikkonen e Montoya che si auto-eliminano alla prima curva… Quell’episodio deve avermi segnato molto… forse perchè un tempo una gara senza Kimi per me non aveva alcun senso.. La Formula 1 in generale, senza di lui, non significava niente… Ma gli anni sono volati e traguardo dopo traguardo, tra un guasto e un’uscita di pista, ho imparato ad amare l’ “argento” e non solo chi lo guida… Così il GP del Canada, anche quest’anno, assumerà una sfumatura diversa ma, nel suo piccolo, comunque unica… Perchè credo nella mia squadra, nei miei piloti, ho fiducia in loro ogni volta che il cuore sussulta, quando, incantata davanti alla più grande meraviglia, guardo il luccichio di quella macchina che ormai è diventata la mia vita…
Così con uno sguardo al passato e uno al presente, cerco di analizzare i pretendenti al trono canadese, consapevole che oltre ai 2 arcieri delle frecce d’argento, c’è un “mio ex”, che sarebbe in grado di farmi sorridere e di farmi cantare quell’inno bianco-azzurro che mi è entrato nelle orecchie e nel cuore… La roulette è pronta, il croupier della F1 osserva i giocatori dinnanzi a lui.. ci sono piloti assetati di vittorie, di punti, di sfide: c’è un Raikkonen che è fermamente deciso a riprendersi la testa del mondiale, c’è un Kubica inviperito che non intende abbassare la guardia, e tanto meno, “prendere il volo” un altra volta; c’è un Felipe Massa che ha voglia di riscatto, di rivincita, che ha voglia di conquistare quel primo posto che Hamilton gli ha strappato dalle mani a Monaco… e poi appunto c’è Lewis, l’enfant prodige ormai cresciuto, l’inglesino color-cioccolato che sa essere amico del compagno, Kovalainen, come invece non era riuscito a fare con l’ex, Fernando Alonso. Il pilota di punta della McLaren appare rinvigorito dal circuito cittadino di Montecarlo, dove, dopo il primo pit-stop, ha letteralmente dominato la gara, creando il vuoto dietro di sè
In Canada 2007 era il 10 giugno e la pista di Montreal vedeva trionfare sul podio rispettivamente Hamilton, Heidfeld e Alex Wurz. La Ferrari arrancava, tra squalifiche e cali di prestazione, dopo che nel Principato, appena due settimane prima, il mondo aveva visto la prima doppietta del 2007 delle frecce d’argento. Quest’anno si corre l’8 giugno e nella speranza di essere graziati da quel muretto che, negli anni scorsi, ha assistito e partecipato allo scoppio di anteriori e posteriori destre, i piloti del 2008 si apprestano a correre il 7° GP della stagione; il giro di boa non è poi così lontano, la gara oltreoceano si preannuncia ricca di emozioni e di colpi di scena, e non sarà di certo la programmazione in fascia “pre-serale” a togliere fascino alla corsa canadese che il prossimo week-end accenderà i motori tra il San Lorenzo e l’Outaouais.

Vanessa Sacchi

Condividi in

Autore

2 commenti

  1. Monaco 2007 non era la prima doppietta McLaren, bensì la seconda dopo quella del Gp di Malaysia. Io spero in una prima vittoria di Heikki Kovalainen… 🙄

  2. Hai ragione.. chiedo scusa! 😳 Errore imperdonabile… e pensare che sulla Malesia avevo scritto e scritto e scritto… Chiedo venia… 🙂

Lascia un Commento

*
To prove you're a person (not a spam script), type the security word shown in the picture. Click on the picture to hear an audio file of the word.
Anti-spam image