24h Le Mans- Arrivo:”La storia chiama, Audi risponde”

0

00_le-mans13

Una gara così bella, nessuno se la sarebbe mai immaginata. Nel pomeriggio di Sabato eravamo già pronti a inneggiare quelle stratosferische ed inarrivabili Peugeot ed invece, basta un niente, uno sprazzo di pioggia e il mondo cambia. L’Audi ha trionfato nella 76esima edizione della 24 ore di Le Mans, ma lo ha fatto con astuzia, con esperienza e fiducia nei propri mezzi. Sin dalla domenica mattina, quando uno scroscio d’acqua fulmina il circuito francese, un certo Jacques Villeneuve si è trovato in difficoltà, non ha saputo gestire una situazione che lo vedeva star lì, primo e a godersi i meravigliosi attimi di una nottata tanto semplice da far addormentare chiunque. Ma non si è accorto che un certo danese che da anni domina in questo atipico circuito, non ha nulla a che vedere con le altri Audi e la festa per i francesi da qui, tarda nottata, in poi è finita. La mattina è tutto un gioco di tempi, scontri a distanza tra cavalieri del rischio che hanno nelle vene il sangue sporco d’olio, di passione con tanto di sogni che si devono avverare. Ma la fase clou è quella pomeridiana, dalle 14 alle 15 è puro gioco di emozioni, spettacolo con la pioggia che è stata l’artefice magistrale di quest’appuntamento, dove azzardi ai box, tattiche, strategie non avevano più un senso. In conclusione, nonostante ci siano stati periodi in cui ha diluviato in modo incredibile, Kristensen ha saputo portare a casa un trionfo prestigioso, forse il più bello della sua carriera e ovviamente non può che ringraziare Capello e Mcnish, autori di un capolavoro di pura bravura ed esperienza. A seguire, secondo posto per la Peugeot n°7 guidata da Minassian/ Genè/ Villeneuve, quest’ultimo scontento perchè la Triple Crown non è ancora sua ma che, aspettando, potrà  ancora conquistare. Terzo il trio rivelazione formato da Zonta/ Montagny/ Klien. Molti problemi per l’Audi n° 1 di Pirro/ Werner/ Biela che si sono presi una bastonata anche dai giovani colleghi con l’R10 n°3 e dalla Peugeot n°8, la più sfortunata di tutte. Per quanto riguarda la classifica della Lmp2, successo per la Porsche del team Van Merkstejin, secondi i cugini del team Essex. Infine, nella classe Gt1 l’Aston Martin meno indicata tra le favorite, con Turner/ Brabham/ Garcia, ha portato a casa la vittoria sulle due Corvette, e in gt2 la Ferrari ha dominato sin da ieri pomeriggio. Trionfo per il trio Salo/ Bruni/ Melo su F430 del team Risi Competizione, seguiti dalla vettura gemella della Bms Scuderia Italia.

La Classifica Finale della 76esima edizione della 24 ore di Le Mans:

1 – Capello-Kristensen-McNish (Audi R10) – Audi – 381 giri in 24.00’24″085
2 – Gene-Minassian-Villeneuve (Peugeot 908) – Peugeot – 4’31″094
3 – Montagny-Klien-Zonta (Peugeot 908) – Peugeot – 2 giri
4 – Luhr-Premat-Rockenfeller (Audi R10) – Audi – 7 giri
5 – Lamy-Sarrazin-Wurz (Peugeot 908) – Peugeot – 13 giri
6 – Biela-Pirro-Werner (Audi R10) – Audi – 14 giri
7 – Primat-Tinseau-Treluyer (Pescarolo-Judd) – Pescarolo – 19 giri
8 – Ayari-Duval-Groppi (Courage-Judd) – Oreca – 24 giri
9 – Mucke-Enge-Charouz (Lola Aston Martin) – Charouz – 27 giri
10 – Van Merksteijn-Verstappen-Bleekemolen (Porsche RS Spyder) – Van Merksteijn – 27 giri
11 – Barbosa-Ickx-Gregoire (Pescarolo-Judd) – Rollcentre – 29 giri
12 – Elgaard-Nielsen-Maassen (Porsche RS Spyder) – Essex – 34 giri
13 – Brabham-A.Garcia-Turner (Aston Martin DBR9) – Aston Martin – 37 giri
14 – Fellows-O’Connell-Magnussen (Corvette C6R) – Corvette – 37 giri
15 – Gavin-Beretta-Papis (Corvette C6R) – Corvette – 40 giri
16 – Frentzen-Piccini-Wendlinger (Aston Martin DBR9) – Aston Martin – 42 giri
17 – Alphand-Moreau-Policand (Corvette C6R) – Alphand – 46 giri
18 – Ragues-Lahaye-Cong Fu (Pescarolo-Judd) – Saulnier – 48 giri
19 – Melo-Salo-Bruni (Ferrari 430) – Risi – 55 giri
20 – Amaral-Pla-Smith (Lola-AER) – ASM – 56 giri
21 – Blanchemain-Goueslard-Pasquali (Corvette C6R) – Alphand – 56 giri
22 – Malucelli-Ruberti-Babini (Ferrari 430) – BMS – 63 giri
23 – Ehret-Kaffer-Nielsen (Ferrari 430) – Farnbacher – 64 giri
24 – Hall-Mowlem-Goosens (Creation-Aim) – Creation – 65 giri
25 – Aucott-Fertè-Daoudi (Ferrari 430) – JMB – 69 giri
26 – Nicolet-Faggionato-Hein (Pescarolo-Judd) – Saulnier – 72 giri
27 – Davison-Henzler-Felbermayr (Porsche 997) – Felbermayr – 72 giri
28 – Bouchut-Bornhauser-Smet (Saleen S7R) – Larbre – 75 giri
29 – Barazi-Vergers-Moseley (Zytek 07S) – Barazi Epsilon – 77 giri
30 – Fittipaldi-Borcheller-Menten (Aston Martin DBR9) – Modena – 79 giri
31 – Rostan-Devlin-Jeannette (Radical-AER) – Bruichladdich – 84 giri
32 – Neiman-Bergmeister-Van Overbeek (Porsche 997) – Flying Lizard – 92 giri
33 – Ito-Tachikawa-Kataoka (Dome S102-Judd) – Dome – 109 giri
34 – Rusinov-Kox-Hezemans (Lamborghini) – Spartak – 115 giri

Non classificato:
Terada-Takahashi-Katoh (Courage-Mugen) – Terramos – 157 giri

Giro più veloce: Lamy-Sarrazin-Wurz 3’19″934

Ritirati:
Bell-Mullen-Sugden (Ferrari 430) – Virgo – 289 giri
Collard-Boullion-Dumas (Pescarolo-Judd) – Pescarolo – 238 giri
Lewis-Willman-McMurry (Creation-Judd) – Autocon – 224 giri
Hughes-Kane-Foster (WF01 Zytek) – Embassy – 213 giri
Belicchi-Pompidou-Zacchia (Lola Judd) – Speedy – 194 giri
Burgueno-Valles-De Castro (Epsilon-Judd) – Epsilon – 189
Suzuki-Kageyama-Kurosawa (Courage Oreca YGK) – Tokai – 97 giri
Gounon-Johansson-Nakano (Epsilon Euskadi Judd) – Epsilon Euskadi – 130 giri
Panis-Fassler-Pagenaud (Courage-Judd) – Oreca – 147 giri

De Pourtales-Noda-Simonsen (Courage-Judd) – Oreca – 147 giri

Pickett-Graf-Lammers (Lola Judd) – Charouz – 146 giri
Vilander-Biagi-Montanari (Ferrari F430 GT) – AF Corse – 111 giri
Erdos-Newton-Wallace (Lola MG) – RML – 100 giri
Evans-Berridge-Streton (Lola AER) – Chamberlain – 87 giri
Hardman-Leventis-Negrao (Aston Martin DBR9) – Vitaphone – 82 giri
Chiesa-Leuenberger-Alexander David (Spyker C8 Laviolette) – Speedy – 72 giri
Dumbreck-Kelleners-Vasiliev (Spyker C8 Laviolette) – Speedy – 43 giri
Narac-Lietz-Long (Porsche 997 GT3) – Imsa Performance – 26 giri
Ojjeh-Gosselin-Sharpe (Zytek 07S) – Trading Performance – 22 giri
Krohn-Jonsson-Van De Poele (Ferrari F430 GT) – Risi – 12 giri

Stefano Chinappi

Condividi in

Autore

Lascia un Commento

*
To prove you're a person (not a spam script), type the security word shown in the picture. Click on the picture to hear an audio file of the word.
Anti-spam image