Perchè molti “Italiani” non tifano Ferrari? scopriamone i motivi…

5

La mia rubrica oggi affronta un enigma insolito: come è possibile che in Italia ci siano persone che si estraneano dalla massa e decidono di tifare altre scuderie che non sono la Ferrari? Si potrebbe parlare di ciò all’infinito, e probabilmente la spiegazione rimarrebbe fine a se stessa, ma tentar non nuoce, ed io provo a dire la mia. Ognuno nella vita ha un proprio ideale, una propria filosofia, che si può immedesimare con un grande spirito patriottico ma anche con una voglia di evadere dagli schemi, sensa un vero e proprio motivo, senza un perchè. Ne sanno qualcosa tanti piloti di Formula 1 che nonostante fossero di nazionalità tedesca o inglese hanno corso tra le file italiote, ottenendo (e dando) grandissima fama e successo; ma ne sanno qualcosa anche quei centauri Italiani che in motogp per un motivo o per un altro hanno battuto scuderie del loro paese tramite mezzi stranieri. Li possiamo definire antipatriottici? Possiamo dire che non avendo possibilità di affermarsi tra scuderie nazionali hanno scelto altro? Può darsi, ma almeno il 50% potrà rispondervi: ho fatto ciò per un ideale. Per lo stesso ideale in cui moltissimi appassionati dei motori scelgono di uscire dagli schemi ed abbracciare la filosofia del “tifo straniero”. Riporto un commento di un filosofo contemporaneo, un grande esperto di f1 che si chiama Fabio ma nel web è conosciuto come “AmanteMclaren” :

“Non potrei mai tifare per la Ferrari, è una questione di filosofia. penso che se non esistessero i team garagisti la f1 sarebbe un mondo totalmente estraneo a me. Non sopporto solo una cosa, quando bollano il mio tifo come una cosa bizzarra, come uno sfizio, come un modo per distinguermi dalla massa rossa o, peggio, come un atto di opportunismo. Per me la McLaren è piu di una squadra, è qualcosa cui sento di appartenere. La McLaren è un ideale, qualcosa che o condividi o non condividi. Non è indossare l’apparenza di un mito e farne un vanto, è credere in alcuni valori e avere il coraggio di sopportare tutto per essi”.

E questa la filosofia di un qualsiasi “non” Ferrarista. Il senso di appartenenza, il desiderio di amare un qualcosa contro tutto e tutti, a scapito del proprio paese, del proprio essere. Vedete amici, è proprio questo quello che rende unici chi è “diverso” da noi, avere un ideale. Lo stesso ideale che ha sostenuto per anni un altro utente del forum di Erace, un certo Team Lotus, che tempo fa disse:

“La Lotus è la casa automobilistica inglese fondata da Colin Chapman , che ha rivoluzionato e innovato il concetto di automobile da corsa e da strada, se non fosse mai esistita, la formula 1 oggi non sarebbe cosi interessante, e di tutto questo c’è da ringraziare Colin, l’uomo dell’evoluzione. La scuderia mori non appena lui chiuse gli occhi, l’innovazione anche.”

Vorrei infine commentare le parole di un altro grandissimo “Poeta della formula 1” uno da cui ho imparato tanto, e spero di imparare ancora molto, questa mia guida spirituale, un certo Skarry, tempo fa mi disse:

“Per me esiste solo la Ferrari in F1, gli altri sono solo un contorno, un riempimento per le gare ”

Su questo non batto chiodo. La Ferrari è e resterà il fulcro del circus in modo inevitabile, c’è però da dire, che se Williams e Mclaren avessero abbandonato la scena, la f1 sarebbe morta con essa, ma non certo perchè queste due scuderie sono il traino di questo sport, semplicemente perchè un bel pezzo di storia, nonchè di ideali, sarebbe sepolto con essi.

Antonio Borsa

Condividi in

Autore

5 commenti

  1. patrick depailler on tyrrell p34 il

    il tifo nel motorsport non deve prescindere dalla nazionalità…anche perchè questo discorso potrebbe essere fatto a tanti stranieri che tifano ferrari invece di williams o bmw…
    La ferrari non è una nazionale (in a1gp si che tifo italia e non mi sognerei mai di tifare per l’inghilterra ad esempio).
    Io sono1 di quelli che non tifano ferrari..ma attenzione non sono antiferrarista…solo che ho sempre seguito la f1 senza mai innamorarmi della scuderia di maranello…non mi pare ci sia niente di male. E’ dal 1997 che tifo Trulli..prima c’era per me il grande senna.,,ma devo dire che prima di tutto anche della f1,sono un grandissimo fan di Dindo Capello (perchè non esiste solo f1) e ne sono fiero visto quante volte ha fatto suonare l’inno italiano in giro per i circuiti di tutto il mondo!
    questo è un argomento su cui mi son confrontato altre volte su altri forum…c’era chi dava dell’idiota ad esempio a chi tifava minardi perchè minardi non vinceva mai ed era sempre ultima…non sapendo che in realtà gli idioti erano loro che dicevano così.Io non ci vedo niente di male a non tifare ferrari..perchè il motorsport è prima di tutto emozione..e l’emozione per me non ha bandiera..italiano=tifoso ferrari per forza non esiste.

  2. Io tifo Ferrari, ma sono sincero: se la Toro Rosso andasse forte, tiferei la Toro Rosso (per la quale comunque simpatizzo, al pari della Red Bull per l’ enorme apporto che danno anche nelle formule minori al motorsport ). Lo stile Ferrari più passa il tempo e meno mi piace. Mi ricorda sempre più il modo di fare della Juventus pre-Calciopoli. A buon intenditor…

Lascia un Commento

*
To prove you're a person (not a spam script), type the security word shown in the picture. Click on the picture to hear an audio file of the word.
Anti-spam image