Alms – Mosport:“Doppietta e titolo P1 per Audi”

0

00_werner

Week end pieno di soddisfazioni in casa Audi. Dopo la doppietta nelle qualifiche del sabato si sono ripetuti anche nella gara di Mosport e con la vittoria del duo tedesco Luhr-Werner (la terza di fila per i due in Alms dopo Mid-Ohio e Road America) per loro è arrivato anche il titolo di classe.

Iniziamo dal sabato con una pole scoppiettante messa a segno da Dindo Capello distruggendo il precedente record della pista facendo segnare un 1’04”094, seguito dalla gemella di pochissimi millesimi con tempo di 1’04”188; la prima delle P2 è l’RS Spyder del Team Penske con Dumas-Bernhard in 1’04”318 seguiti dall’Acura Highcroft di Brabham-Sharp. In GT1 solito monologo Corvette con il duo O’Connell-Magnussen davanti ai compagni Beretta-Gavin. Nella classe GT2 pole per la Ferrari di Salo-Melo in 1’16”863 seguiti da Werner-Kaffer in 1’17”073.

Ed eccoci alla gara con una partenza abbastanza calma e posizioni cristallizzate. Nella seconda parte, la corsa si è animata con le P2 saldamente al comando grazie a diverse strategie e caution sfruttate. Proprio grazie a questa strategia a dieci minuti dalla fine Gil De Ferran con la sua Acura si è ritrovato al comando seguito dall’Audi di Pirro-Capello ma Luhr ha dato il via alla rimonta della sua Audi numero 2 superando facilmente l’italiano abbastanza anonimo in questa gara e con una serie di giri fantastici ha ricucito il distacco dalla capolista, superandola poi grazie ai doppiaggi.

La sfortuna per De Ferran non si è conclusa qui, infatti all’ultimo giro ha terminato la benzina ed è stato costretto a cedere prima posizione di classe P2 e seconda assoluta, regalando così la doppietta Audi e una inaspettata vittoria di classe per Brabham-Sharp. Problemi di benzina anche per la Penske RS Spyder di Bernhard-Dumas che hanno perso così la terza posizione di classe e permettendo una doppietta Acura con Fernandez-Diaz secondi seguiti dall’altra Penske di Long-Maassen.

In GT1 vittoria per i pole men O’Connell-Magnussen sulla gemella guidata da Gavin-Beretta e sull’Aston Martin di Borcheller-Ducote.

Infine in GT2 anche qui vittoria per la Ferrari partita al palo con Melo-Salo seguiti dalla Porsche di Werner-Kaffer e un’altra Ferrari di Muller-Farnbacher.

L’ordine di arrivo, domenica 24 agosto 2008

1 – Luhr-M.Werner (Audi R10) – Audi – 127 giri 2.48’06”
2 – Pirro-Capello (Audi R10) – Audi – 21”392
3 – Brabham-Sharp (Acura ARX-01b) – Highcroft – 22”156
4 – Fernandez-Diaz (Acura ARX-01b) – Fernandez – 31”233
5 – Maassen-Long (Porsche RS Spyder) – Penske – 44”132
6 – Montagny-Rossiter (Acura ARX-01b) – Andretti/Green – 52”635
7 – De Ferran-Pagenaud (Acura ARX-01b) – De Ferran – 1 lap
8 – Dumas-Bernhard (Porsche RS Spyder) – Penske – 1 lap
9 – Smith-Dyson (Porsche RS Spyder) – Dyson – 2 laps
10 – Leitzinger-Dyson (Porsche RS Spyder) – Dyson – 2 laps
11 – Devlin-Bonilla (Lola B07/46-Mazda) – BK – 6 laps
12 – Magnussen-O’Connell (Corvette C6-R) – Corvette – 10 laps
13 – Beretta-Gavin (Corvette C6-R) – Corvette – 10 laps
14 – Borcheller-Ducote (Aston Martin DBR9) – Bell – 12 laps
15 – Melo-Salo (Ferrari 430) – Risi – 14 laps
16 – D.Werner-Kaffer (Porsche 997) – Farnbacher – 14 laps
17 – D.Muller-Farnbacher (Ferrari 430) – Tafel – 14 laps
18 – Bergmeister-Henzler (Porsche 997) – Flying Lizard – 14 laps
19 – Sutherland-Sellers-Milner (Panoz Esperante) – Panoz – 15 laps
20 – Figge-Tafel (Ferrari 430) – Tafel – 16 laps

Matteo Mozzanica

Condividi in

Autore

Lascia un Commento

*
To prove you're a person (not a spam script), type the security word shown in the picture. Click on the picture to hear an audio file of the word.
Anti-spam image