Gp2 Test Paul Ricard 1° Giorno – Kobayashi il più veloce, sorprende Turvey

0

00_kobayashi

Finalmente è di scena la Gp2 versione 2009 sul tracciato di Le Castellet per due giornate di test che si preannunciano ricche di colpi di scena. Tanto per cominciare, in testa al primo turno troviamo un baldanzoso Kobayashi, sempre su Dams, in odore di riconferma con il team francese. Alle sue spalle uno scatenato Valerio, il quale ha l’occasione di mettersi in mostra con un team competitivo come il Piquet Sports, orfana di Zuber e Maldonado ma allo stesso tempo speranzosa con il regenerato da Monza, Rodriguez, terzo dopo la sessione mattutina.

A proposito di Zuber, l’arabo si sta rendendo super attivo nel corso di questa parte finale di stagione ( vedi Superleague con l’Al Ain). Anch’esso in pista ed il quarto tempo generale alla guida di una Dallara Fms rende gran parte del merito al suo talento, aggiunto ad un mix di esperienza che non guasta mai.

Ottima impressione ci viene data da Bird con l’ottimo quinto crono, appena avanti a Perez di qualche millesimo (difatti stesso tempo per entrambi), a conferma che la F3 sa dare garanzie in queste occasioni. Invece, per quanto riguarda Valsecchi, eccellente settimo tempo.

Piloti famosi, esperti e meno quotati in pista al Ricard, ma un certo Di Resta non poteva mancare, anche se le vetture del Dtm sono sicuramente ben diverse dalle monoposto che ora si ritrova a gestire. Infine, decisamente discreto il debutto di Onidi, ventunesimo, sulla Dallara targata Bcn, il quale ha bisogno di un giovane all’altezza che sappia contribuire al fattore sorpresa, visti i risultati raggiunti nella stagione appena conclusasi.

GP2 – Test Paul Ricard – 1° turno:

1 – Kamui Kobayashi – Dams – 1’13″278 – 25 laps
2 – Alberto Valerio – Piquet/GP – 1’13″586 – 31
3 – Roldan Rodriguez – Piquet/GP – 1’13″648 – 36
4 – Andreas Zuber – FMSI – 1’13″672 – 37
5 – Sam Bird – Dams – 1’14″075 – 42
6 – Sergio Perez – Campos – 1’14″075 – 51
7 – Davide Valsecchi – Durango – 1’14″113 – 23
8 – Michael Herck – DPR – 1’14″149 – 42
9 – Diego Nunes – iSport – 1’14″154 – 43
10 – Nelson Philippe – iSport – 1’14″203 – 36
11 – Carlos Iaconelli – Durango – 1’14″588 – 32
12 – Paul Di Resta – ART – 1’14″620 – 29
13 – Oliver Turvey – ART – 1’15″091 – 25
14 – Bertrand Baguette – BCN – 1’15″125 – 53
15 – Renger Van der Zande – Arden – 1’15″158 – 32
16 – Vitaly Petrov – Campos – 1’15″169 – 14
17 – Kodai Tsukakoshi – Arden – 1’15″175 – 31
18 – Vladimir Arabadzhiev – Super Nova – 1’15″334 – 46
19 – Will Bratt – DPR – 1’15″340 – 55
20 – Luiz Razia – Racing Engineering – 1’15″351 – 33
21 – Fabio Onidi – BCN – 1’15″369 – 39
22 – Narain Karthikeyan – Trident – 1’15″407 – 39
23 – Christian Ebbesvik – Racing Engineering – 1’15″692 – 30
24 – James Jakes – Super Nova – 1’15″722 – 34
25 – Kevin Nai Chia Chen – FMSI – 1’18″580 – 34


2° turno

Nel pomeriggio la situazione rimane pressochè invariata con Kobayashi in testa seguito rispettivamente da: Valerio e un fenomenale Valsecchi. Giunge nuovo ai più appassionati tifosi di Gp2, il quarto crono fatto segnare da Diego Nunes, sempre fuori dai giochi con Dpr, ma in netta ascesa grazie al super appoggio fornitogli da ISport, il quale vedrà all’opera nella giornata di domani il prodigio britannico, Turvey; in effetti, il sesto tempo del quasi campione della F3 britannica con la Dallara del team Art, impressiona e non poco gli addetti al lavoro, pronti a giocarsi il possibile d’ora in poi per accapararselo. Voci di mercato lo danno in forza nel team inglese in Gp2 Asia, ma le possibilità sono ampie e non è detto che le carte in tavola rimarrano le stesse.

Ritorna sui propri passi Petrov con il quinto crono, sempre su Dallara del team Campos. A crescere è soprattutto Di Resta, il quale entra nella top 10 grazie al nono tempo, dinanzi a Razia che dovrà difendere i colori del Racing Engineering nel corso della stagione che sta per rientrare nel vivo con la Gp2 Asia Series. Buon lavoro fatto segnare da Crestani, 19° alle spalle dell’ennesimo prodigio di nome Van der Drift. Infine, retrocede di una posizione il nostro Onidi, solo 22°.

GP2 – Test Paul Ricard – 2° turno:


1 – Kamui Kobayashi – Dams – 1’13″158 – 34
2 – Alberto Valerio – Piquet/GP – 1’13″393 – 38
3 – Davide Valsecchi – Durango – 1’13″514 – 30
4 – Diego Nunes – iSport – 1’13″530 – 38
5 – Vitaly Petrov – Campos – 1’13″596 – 49
6 – Oliver Turvey – ART – 1’13″695 – 40
7 – Roldan Rodriguez – Piquet/GP – 1’13″779 – 38
8 – Sergio Perez – Campos – 1’13″835 – 40
9 – Paul Di Resta – ART – 1’13″854 – 36
10 – Luiz Razia – Racing Engineering – 1’13″878 – 43
11 – Renger Van der Zande – Arden – 1’13″958 – 42
12 – Sam Bird – Dams – 1’14″006 – 36
13 – Will Bratt – DPR – 1’14″047 – 45
14 – Carlos Iaconelli – Durango – 1’14″062 – 39
15 – Kodai Tsukakoshi – Arden – 1’14″096 – 46
16 – Nelson Philippe – iSport – 1’14″106 – 34
17 – Dani Clos – BCN – 1’14″217 – 55
18 – Chris Van der Drift – Trident – 1’14″225 – 18
19 – Fabrizio Crestani – FMSI – 1’14″296 – 58
20 – Michael Herck – DPR – 1’14″314 – 53
21 – James Jakes – Super Nova – 1’14″573 – 50
22 – Fabio Onidi – BCN – 1’14″626 – 55
23 – Christian Ebbesvik – Racing Engineering – 1’14″692 – 29
24 – Narain Karthikeyan – Trident – 1’15″025 – 34
25 – Vladimir Arabadzhiev – Super Nova – 1’15″237 – 40
26 – Kevin Nai Chia Chen – FMSI – 1’19″179 – 18

Stefano Chinappi

Condividi in

Autore

Lascia un Commento

*
To prove you're a person (not a spam script), type the security word shown in the picture. Click on the picture to hear an audio file of the word.
Anti-spam image