F1 Brasile Qualifiche Cronaca – Massa, la pole della speranza

1

00_massainterview

SAN PAOLO (BRASILE) 01.11.2008 Saluta la Torcida brasiliana con quel gesto che in Italia significa “Vado”, come a dire “Vado all’attacco”, mentre vicino a lui Trulli gesticola eloquentemente come a dire: “non so se avete capito”. Appunto, lo abbiamo capito che Felipe Massa è in pole, che Trulli è secondo ed Hamilton arranca un po’ tra la pressione della Torcida, di Raikkonen e di Alonso che certo non gli sono amici. Si chiude così l’ultima qualifica dell’anno, la più bella, la più emozionante, la più decisiva.

TORCIDA Giocano un ruolo importante i tifosi di Massa giunti come un fiume in piena per riempire gli spalti con cori e tifo da stadio. L’immagine di Hamilton viene sempre sonoramente fischiata, mentre quando appare il loro idolo le tribune si infiammano come non si vedeva da tempo. Troppo Tempo. Sì, perché l’ultimo brasiliano ad esser stato seriamente in lotta per il mondiale si chiamava Ayrton Senna. Altri tempi, un’altra era.

Già prima delle qualifiche l’atmosfera è molto calda, e fin da subito Massa vuol mettere pressione al rivale, facendo segnare il miglior tempo in 1’11”830, mentre Sutil, Fisico, Rosberg, Button e Nakajima vengono eliminati.

Nel corso della seconda sessione cambia poco, ma le sorprese non mancano. Robert Kubica viene clamorosamente eliminato, e per Hamilton è un bel vantaggio. Con il polacco vanno fuori: Barrichello, Coulthard, Webber e Piquet. Heikki Kovalainen segna il miglior tempo in 1’11”768 riaccendo qualche chance McLaren per la pole.

POLE Ed è proprio la terza sessione a regalare le emozioni più grandi. Massa è il primo a scendere in pista, convinto di sé, al punto di lasciare Hamilton ad 8 decimi al primo tentativo, mentre Trulli, Raikkonen, Alonso e Kovalainen si ponevano tra i due rivali.

Al secondo tentativo è di nuovo Massa a scender per primo in pista. Il brasiliano si migliora di 85 millesimi, mentre Hamilton, inizialmente secondo, viene scavalcato prima da Raikkonen, poi da Trulli. Alonso chiude sesto, dopo Kovalainen.

Esplode così la festa brasiliana con un mega striscione che si cala dalle tribune.

TRAVEL TO ELDORADO Mancano gli ultimi 305Km per sancire il vincitore di questo mondiale e già da oggi le emozioni non sono mancate. Si prospetta una grande gara domani, ma il titolo sembra esser nelle mani di Hamilton. Sì, perché gli unici che lo posson ostacolare sono Raikkonen, Alonso e Trulli, e nel caso gli finissero davanti chiuderebbe quinto, vincitore.

Ma la Formula Uno non lascia mai niente al caso. La pioggia incombe e le probabilità di una gara bagnata non sono minime. Vedremo come andrà a finire, vedremo chi sventolerà la bandiera a scacchi. Sì, perché ci sarà questa novità: la bandiera che sancirà la fine del mondiale sarà sbandierata dai familiari del vincitore del mondiale.

Un occhio al tempo quindi, uno pista, ed un occhio alla sorte. Sì, perché entrambi i piloti con essa sono in credito.

Onlysicily per eRace

Valerio Lo Muzzo

Condividi in

Autore

1 commento

  1. Massa's Brasilian Dream il

    Tempo stratosferico, 4 decimi a tutti. Nel mio cuore ha gia vinto lui… Grazie Felipe per averci fatto sognare

Lascia un Commento

*
To prove you're a person (not a spam script), type the security word shown in the picture. Click on the picture to hear an audio file of the word.
Anti-spam image