Indycar – Servia-KV Racing e secondo pilota HVM per Indy?

0

wiggins

Oriol Servia è confidente di poter agguantare l’accordo per correre la 500 Miglia di Indianapolis del prossimo Maggio. Secondo lo spagnolo, lo scorso anno titolare nel team di Vasser e Kalkhoven , potrebbe profilarsi proprio un ritorno nel team KV Racing. Quest ‘inverno Servia è  stato costretto forzatamente ad abbandonare il suo sedile  da titolare, nonostante il talento dimostrato anche nell’arco del campionato 2008 dove è risultato il miglior “debuttante” della serie fra i piloti delle scuderie ex-Cart/Champ Car, settimo assoluto. Proprio la  mancanza di sponsorizzazioni adeguate  hanno finito con il mettere in difficoltà la stessa scuderia che ha ridotto il suo schieramento ad una sola vettura.

“Il cielo  si sta schiarendo, la tempesta è passata ed ora che sta tornando il sereno ho soltanto bisogno di fare un piccolo sforzo per raggiungere questo traguardo” – fa sapere Servia che è in trattative anche con un’altra scuderia – “Spero di poter disporre di un volante per la 500 Miglia e per le gare che verranno dopo. Non voglio abbandonare la Indycar, voglio correre ancora  dove sono cresciuto come pilota”.

Nel frattempo  Keith Wiggins, nonostante i tentativi scioltisi come neve al sole proprio all’ultimo momento, non demorde nell’idea di costruire una scuderia che possa allargare il suo parco vetture al numero di due monoposto. Dopo aver perso prima Doornbos e poi Hunter-Reay, il titolare del team di EJ Viso è fortemente intenzionato a schierare una ulteriore macchina in vista della gara dell’ Indiana.

“E’ incredibile quanto buffa questa situazione. Però devi accettare l’idea  che nel mondo delle corse questi avvenimenti sono di norma. Non ho una spiegazione precisa per tutto ciò. Posso solo dire che siamo dispiaciuti di come si siano evoluti entrambi i rapporti, perchè c’è sempre stato un qualcosa che ha determinato una virata proprio all’ultimo momento ed un cambio radicale delle nostre e delle  prospettive dei piloti con cui abbiamo intavolato dei discorsi contrattuali. Però non demordiamo ed è nostra ferma intenzione essere li’ ad Indianapolis con due vetture.  La nostra esperienza ci mostra come ci siano stati buoni propositi in passato, gli stesi che per un motivo o per l’altro non si sono concretizzati. Nel caso di Hunter-Reay il richiamo della Vision  è stato più forte, potevano offrire una solida base dal punto di vista economico. Dopotutto siamo ben felici di aver aiutato entrambe le parti. Loro hanno investito su Ryan, sia perchè la serie non poteva perdere un pilota tanto forte, sia perchè il patron della serie ha il programma della sua scuderia da portare avanti, team che gode di una salute di ferro rispetto alla nostra in quanto a finanziamenti. Si sono addossati l’onere , a parti invertite anche io avrei fatto lo stesso.

In più Wiggins fa sapere che è in atto una trattativa separata da quella che riguarda Indianapolis. Di fatti il team HVM potrebbe avere una seconda vettura anche per altre gare , non tutte, che si disputeranno da Giugno fino a fine campionato. Non si sa se il pilota e lo sponsor siano gli stessi di entrambi gli eventuali contratti su cui si sta lavorando.

“Stiamo lavorando a lungo termine su qualcos’altro. Non saremo un team che disporrà permanentemente  di due vetture, però siamo in grado di poter schierare un altro pilota per alcuni restanti appuntamenti in programma nel 2009”.

Per Long Beach è stato ufficializzato anche l’accordo fra il team 3G ed il pilota Thomas Scheckter.

MN

Condividi in

Autore

Lascia un Commento

*
To prove you're a person (not a spam script), type the security word shown in the picture. Click on the picture to hear an audio file of the word.
Anti-spam image