TARGA FLORIO 2009: Storia ed appuntamenti della 93esima edizione

0

targa_florio

PALERMO 04.05.2009 Son passati 50 anni dalla morte di Don Vincenzo Florio, e Venerdì 8 Maggio, alle 21,01, immersa nella meravigliosa cornice offerta dalla piazza principe palermitana, Piazza Politeama, prenderà il via la 93esima edizione della Targa Florio: la corsa più antica del mondo.

LA TARGA Le origini di questo meraviglioso evento risalgono al 6 Maggio 1906, quando cominciarono a prendere vita le curve del “Grande Circuito delle Madonie” . Dire Madonie significa dire tanto: l’uomo a contatto con la natura, la natura al servizio dell’uomo. Saliscendi unici, odori primaverili siciliani ineguagliabili. Ecco cosa significava dire Targa Florio. Da Cerda a Cerda, passando per Caltavuturo, Castellana, Petralia Sottana, Petralia Soprana, Geraci, Castelbuono, Isnello, Collegano e Campofelice, per chiudere il cerchio di 148Km, a detta dei piloti più duro della Mille Miglia.

Nei paesi il passaggio delle auto da corsa era sinonimo di festa. Le strade erano un trionfo di bandiere, cesti di limoni e di aranci, perché abbellire il proprio quartiere era una gara nella gara. I nobili per l’occasione commissionavano vestiti, e ricoprivano il paese di stemmi nobiliari.

Dal 1912 al 1914 dire Targa significava dire Giro di Sicilia. Millecinquanta chilometri per compiere un giro quasi completo dell’isola, più di sedici ore per coprirli tutti. Altre 3 edizioni del Giro di Sicilia verranno corse dal 1948 al 1950.

Dopo la Grande Guerra, la Targa riprende nel 1919, ancora nelle Madonie, da un circuito ricavato da quello iniziale, avente lunghezza pari a 108Km. Fino al 1930 nessun cambiamento, se non quelli tecnologici. La Targa, infatti, era rappresentava una vetrina d’eccezione molto considerata nel panorama internazionale. Le strade siciliane hanno visto rottami di ferro diventare macchine, macchine diventare auto da corsa ed auto da corsa diventare bolidi.

Dopo un ritorno sul “Grande Circuito delle Madonie” nel 1931, dal 1932 la Targa si limitò a correre in una porzione di 72Km ricavata dal tracciato originale. Dal 1937 al 1940 il “Circuito della Favorita” a Palermo ha ospitato la gara principe dell’Isola, la quale tornò a correre, nel 1951, nel “Piccolo Circuito delle Madonie” fino al 1977, data in cui fu disputata l’ultima Targa valevole per il Campionato Italiano. Dal 1955 al 1973 la Targa valeva come gara per il campionato mondiale marche, mentre dal 1978 ad oggi la Targa vale come prova del Campionato Italiano Rally.

GRANDI NOMI La Targa Florio è sempre stata una corsa ambita ed un banco di prova sia per i piloti che per le marche. Case come Bugatti, Ferrari, Alfa Romeo, Lancia, Porche, Maserati, Mercedes, Fiat e Pegout hanno testato prima il Fix (olio bituminoso), poi l’asfalto, le curve e le frenate delle Madonie. Bugatti, a detta sua, avrebbe comunque provato le sue auto in Sicilia viste le notevoli indicazioni che venivano offerti dell’evento isolano. Tra i piloti basta citare nomi come Ascari, Fangio, Varzi, Bandini, Enzo Ferrari, Graham Hill, Moss, Collins, Ickx, Phil Hill, De Adamich, Lancia, Taruffi e l’incommensurabile Tazio Nuvolari.

Ma il pilota più amato dal pubblico è stato Nino Vaccarella, palermitano di nascita e vincitore di tre Targhe (1965,1971,1975). Vaccarella, inoltre, vinse la 24 ore di Le Mans, la 12 ore di Sebring e la 1000Km del Nurburgring, ma il successo della Targa era ineguagliabile.

APPUNTAMENTI Ai nostri giorni la Targa assume un fascino più storico che utile. Vale per il campionato italiano di rally, ma quel prestigio internazionale si è perso, perché vincere nelle Madonie era sinonimo di talento.

L’evento in se per sé si correrà Sabato 9 Maggio, con la partenza fissata alle ore 7.00 del mattino dal porto di Termini Imprese (nel Palermitano) e l’arrivo previsto per le ore 20.00 sempre nello stesso paese. Nel corso della gara sono  previste 9 Prove Speciali, tre da ripetersi tre volte: “Targa” (17,30 km), “Lascari” (13,09 km) e “Santa Lucia” (18,26 km), mentre lo “shake down”, ovvero il test con le vetture da gara, si disputerà Venerdì 8 nei pressi di Trabia dalle 10.00 alle 17.30.

In questa edizione Paolo Andreucci (con Pegout) proverà a conquistare la sesta Targa della sua carriera.

Questa novantatreesima edizione è quindi un’ appuntamento da non mancare, perché dietro il nome Targa Florio c’è il cinquantenario della morte di Don Vincenzo, il cuore di una regione, e quello della gente che tra le strade urla, scalcia e gesticola nella giornata in cui l’automobilismo siciliano dice ancora la sua.

Valerio Lo Muzzo

Fonti:

http://www.latargaflorio.it

http://www.targaflorio-1906-1977.it

Condividi in

Autore

Lascia un Commento

*
To prove you're a person (not a spam script), type the security word shown in the picture. Click on the picture to hear an audio file of the word.
Anti-spam image