DTM – Gp Zandvoort: Paffett vince il duello con Jarvis e si rilancia per il mondiale, Ekström secondo

1

DTM 4. Lauf Zandvoort

Gary Paffett vince la gara di Zandvoort, dopo esser stato bloccato per quasi metà gara da un ottimo Oliver Jarvis, che nella giornata di ieri ha realizzato il record di essere il primo pilota a conquistare una pole position nel Dtm con una vettura dell’anno precedente.

Il pilota Audi parte benissimo con Paffett a ruota, subito molto aggressivo sin dalla prime fasi di gara, senza mai riuscire a trovare il varco giusto per il sorpasso soprattutto perché Jarvis si difende in maniera impeccabile.

Appena aperta la finestra dei pit stop, la Mercedes intelligentemente pensa di anticipare la sosta con Paffett, ma l’Audi replicando al team rivale attua la stessa scelta, per cui entrambi i due contendenti rientrano uno dietro l’altro nella corsia dei box. I meccanici di entrambi i team svolgono un ottimo lavoro, con Jarvis che mantiene la posizione su Paffett e sfruttando il prezioso aiuto delle Audi che si trovavano nelle retrovie, che lasciano al loro compagno di squadra strada libera cercando di rallentare l’inglese della Mercedes, riesce a distanziare il pilota Mercedes.

Quando tutto sembrava mettersi nella direzione giusta per il pilota Audi, commette un errore arrivando lungo e finendo nella sabbia, permettendo a Paffett di riavvicinarsi e di passarlo facilmente, mentre Jarvis con quell’uscita di pista è costretto ad anticipare la seconda sosta lasciando la leadership della gara a Paffett.

Grande vittoria per Paffett che con questo successo diventa uno dei favoriti per il titolo, insieme a Ekström che grazie al gioco di squadra dell’Audi termina al secondo posto, scavalcando i suoi compagni di team che lo precedevano, compreso Jarvis che a causa di quell’errore oltre a perdere la vittoria, deve cedere anche il secondo posto sacrificandosi per il suo capitano.

Un podio comunque meritato per Jarvis che ha fatto una grandissima gara dall’inizio alla fine e che è stato a lungo la prima Audi in pista, considerato che l’inglese guida una vettura del 2008 è un risultato sorprendente.

Senza la vittoria di Paffett sarebbe stata una giornata da dimenticare per la Mercedes che oltre l’inglese piazza Spengler settimo, Di Resta nono e Engel decimo, un dominio in questa pista per l’Audi che non è riuscita a conquistare il successo, anche se ci è andata molto vicino con Jarvis.

Jamie Green in lizza per il campionato non ottiene di più di un dodicesimo posto, appena davanti a Ralf Schumacher, che chiude tredicesimo qui a Zandvoort, dove non ha mai trovato il giusto set up e si è reso protagonista di diversi controlli in controsterzo ed uscite di pista.

Vincenzo Carlesimo

Risultati Gp Zandvoort Tempo
1. Gary Paffett (Mercedes Salzgitter) 1:05:52.688
2. Mattias Ekström (Audi Team Abt Sportsline) + 1.431
3. Oliver Jarvis (Audi Team Phoenix) + 6.235
4. Alexandre Prémat (Audi Team Phoenix) + 8.970
5. Martin Tomczyk (Audi Team Abt Sportsline) + 10.984
6. Markus Winkelhock (Audi Team Rosberg Playboy) + 12.850
7. Bruno Spengler ( Mercedes-Benz Financial) + 13.353
8. Timo Scheider (Audi Team Abt GW:plus/Top Service) + 13.806
9. Paul Di Resta (Mercedes AMG) + 14.319
10. Maro Engel (Mercedes GQ) + 14.655
11. Tom Kristensen (Audi Team Abt 100 Jahre) + 27.609
12. Jamie Green (Mercedes Junge Sterne) + 28.778
13. Ralf Schumacher (Trilux Mercedes) + 41.108
14. Susie Stoddart (TV Mercedes Spielfim) + 41.826
15. Christian Bakkerud (Audi Kolles Futurecom-TME) +48.873
16. Mike Rockenfeller ( Audi Team Rosberg S line) Ritirato
17. Tomas Kostka (Audi Kolles Futurecom-BRT) Ritirato
18. Katherine Legge (Audi Team Abt Lady Power) Ritirato
19. Mathias Lauda (Mercedes stern) Ritirato
Condividi in

Autore

1 commento

  1. ottimo gary! sono stra contenta per lui!
    e bravo mattias 😉 su, riportiamo su questa audi!!!

Lascia un Commento

*
To prove you're a person (not a spam script), type the security word shown in the picture. Click on the picture to hear an audio file of the word.
Anti-spam image