Indycar – Dominio Penske a Edmonton

0

power2

Dopo aver dominato l’intero weekend, il Team Penske domina anche la gara ad Edmonton. Will Power conquista la prima vittoria della sua carriera in Indycar, precedendo il compagno di squadra Helio Castroneves. La tripletta, che sarebbe stata la prima dal 1994, è sfumata grazie a Scott Dixon, che si inserito in terza posizione e ha preceduto il terzo pilota di Penske, Ryan Briscoe. Questo è vicino ad essere un week-end perfetto, una pole position e una vittoria. Sono davvero molto felice per i ragazzi“, ha detto Power. “Sono davvero contento di essere una parte del Penske Racing. Non soffro la pressione. Sto solo prendendo una gara alla volta e facendo del mio meglio. Devo ringraziare Roger (Penske) per l’opportunità che mi sta dando. Oggi è stato un grande giorno.” Per Castroneves si è trattato invece del miglior risultato del 2009 su un circuito stradale. “Quando è entrato nella nostra squadra, non abbiamo mai avuto dubbi che lui fosse un ottimo pilota e che avrebbe potuto darci una mano nel campionato“, ha detto Castroneves. “E’ stata una vittoria meritata. La squadra ha fatto un lavoro incredibile“. La terza posizione finale consente invece a Dixon di tornare in testa alla classifica.

Tony Kanaan ha invece subito ustioni sulle mani e sul viso a causa delle fiamme sprigionatisi durante un pit stop. Il problema si è verificato al giro 34, quando il tubo del rifornimento è rimasto aperto dopo la sosta, inondando tutta la vettura e l’abitacolo. Dopo pochi metri si sono così sprigionate le fiamme, ma il pronto intervento dei membri del Team Penske e del Panther Racing hanno permesso di spegnere le fiamme e aiutare Kanaan ad uscire indenne dalla macchina. “Sono lieto di stare bene, ma sono stati momenti di paura“, ha detto il brasiliano. “Devo ringraziare tutte i ragazzi delle altre squadre, Penske e Panther in particolar modo, e tutti coloro che mi hanno aiutato. Ci diamo battaglia durante tutto il fine settimana, ma alla fine siamo una grande famiglia e quando qualcuno ha bisogno di aiuto c’è subito qualcuno pronto a dargli una mano. Sono lieto di stare bene, ma avrei voluto finire la corsa. E’ un peccato perché stavamo facendo una buona corsa, in crescendo.” Kanaan sarà valutato dai medici della Indycar in vista della prossima gara, in Kentucky.

Al via Power prende la leadership sui due compagni di squadra. Dietro, una toccata tra Mike Conway e Raphael Matos rovina la gara di entrambi i rookie, che continueranno la gara ma molto attardati. Dietro, un toccata con il compagno di squadra Tracy mette ko Mario Moraes. Power mantiene il controllo della gara fin dall’inizio, allungando costantemente su Briscoe e Castroneves nei primi giri, col duo di duo Ganassi nella loro scia, come bene. Al primo pit stop Castroneves riesce a superare Briscoe mentre la corsa di Power continua senza problemi fino a metà gara. A quel punto l’australiano perde molto tempo nel doppiare il duo dell’Andretti Green Racing Danica Patrick e Marco Andretti, rallentamento che permette a Castroneves, Briscoe e Dixon di riavvicinarsi e formare un trenino di quattro vetture. Una volta sbarazzatosi dei doppiati però Power riesce ad allungare di nuovo. Si infiamma invece la lotta per il secondo posto. Dixon, grazie ad un grande pit stop, riesce a salire in seconda posizione, ma Briscoe lo super immediatamente approfittando della gomme fredde del neozelandese. L’australiano poco dopo tocca però un muretto, danneggiando lievemente la vettura e scendendo al quarto posto. Tocca così a Castroneves attaccare Dixon, attacco che va a buon fine a pochi giri dalla fine, approfittando del doppiaggio di Carpenter e Hunter-Reay, grazie ad uno spettacolare sorpasso. L’unica bandiera gialla della corsa arriva al penultimo giro, quando Tomas Scheckter finisce a muro. Sotto la bandiera a scacchi, il primo non Penske e Ganassi è così Paul Tracy, sesto alla fine. Migliore dei rookie Robert Doornbos, nono, che torna in testa alla classifica degli esordienti.

Classifica finale:

Pos Driver Team Time/Gap

1. Will Power Penske 1h42m42.3773s

2. Helio Castroneves Penske + 1.0936s

3. Scott Dixon Ganassi + 1.3213s

4. Ryan Briscoe Penske + 1.8266s

5. Dario Franchitti Ganassi + 4.4652s

6. Paul Tracy KV + 6.3941s

7. Graham Rahal Newman/Haas/Lanigan + 26.5700s

8. Justin Wilson Coyne + 26.9169s

9. Robert Doornbos Newman/Haas/Lanigan + 1 lap

10. Marco Andretti Andretti Green + 1 lap

11. Danica Patrick Andretti Green + 1 lap

12. EJ Viso HVM + 1 lap

13. Alex Tagliani Conquest + 1 lap

14. Hideki Mutoh Andretti Green + 1 lap

15. Dan Wheldon Panther + 1 lap

16. Ed Carpenter Vision + 2 laps

17. Ryan Hunter-Reay Foyt + 8 laps

18. Raphael Matos Luczo Dragon + 10 laps

19. Tomas Scheckter Dreyer & Reinbold + 22 laps

20. Mike Conway Dreyer & Reinbold + 32 laps

Ritiri:

Tony Kanaan Andretti Green 34 laps

Richard Antinucci 3G 20 laps

Mario Moraes KV 0 laps

Condividi in

Autore

Lascia un Commento

*
To prove you're a person (not a spam script), type the security word shown in the picture. Click on the picture to hear an audio file of the word.
Anti-spam image