LMS – A Portimao Pole per l’Oreca di Lapierre e Panis

0

3075279427_751219a2051

La gara della Le Mans Series che si disputerà questa sera sul nuovo tracciato di Portimao vedrà partire in Pole Position l’Oreca  AIM 01 #11 del Team Oreca Matmut di Nicolas Lapierre (nella foto) ed Olivier Panis, al termine della sessione di qualifica disputata nella tarda serata di ieri. Alle spalle del prototipo francese partiranno la Lola Aston Martin #007 dell’Aston Martin Racing guidata da Jan Charouz, Thomas Enge e Stephane Mucke e l’Oreca Matmut AIM 01 #10 di Bruno Senna Lalli e Thiago Monteiro.

L’Oreca #11 condotta in qualifica da Nicolas Lapierre ha ottenuto come miglior riscontro cronometrico 1′ 31” 020, staccando di appena 14 centesimi di secondo l’Aston Martin #007 accreditata di un tempo di 1′ 31” 160 e di poco più di due decimi l’Oreca #10 terza classificata con 1′ 31” 236. Al quarto posto troviamo la Ginetta Zytek #23 dello Strakka Racing di Dany Watts e Nick Leventis con 1′ 31” 468 ed al quinto la Lola Aston Martin #009 di Harold Primat, Miguel Ramos e Darren Turner, con quest’ultima classificatasi a poco più di mezzo secondo dalla Pole. Quindi si può affermare che in gara ci sarà sicuramente una bella lotta fra i prototipi LM P1 per aggiudicarsi la 1000 km portoghese, viste le prestazioni sul giro veloce parecchio equilibrate fra la principali concorrenti, tenendo conto anche della presenza della Pescarolo Judd e delle Audi R10 TDI private che, nonostante il distacco in qualifica superiore al secondo, in gara potranno sicuramente dire la loro.

Fra i prototipi leggeri della LM P2, la miglior prestazione in qualifica è stata ottenuta dalla Ginetta Zytek #40 del Quifel ASM Team guidata da Miguel Amaral e Olivier Pla con un tempo di 1′ 34” 296, seguita dalla Lola Mazda #25 del Team RML condotta da Tommy Erdos e Mike Newton con 1′ 34” 728 e dalla Zytek #41 del G.A.C. Racing Team pilotata da Karim Oijeh, Claude Gosselin e Philip Peter con 1′ 34” 752. Nonostante la pista di Portimao sia tutto sommato non eccessivamente lunga, sorprende un po’ il fatto che la migliore LM P2 si trovi solo al decimo posto della classifica generale delle qualifiche, senza incursioni fra le prime cinque-sei posizioni come spesso accade in piste ove non conti esclusivamente la potenza del motore.

La sessione di qualifica delle granturismo di classe LM GT1, riservata putroppo a soli due equipaggi, ha visto prevalere la Corvette C6R #72 dell’Alphand Adventures guidata da Yann Clairay, Julien Jousse e Patrice Goueslard con un tempo di 1′ 42” 052 davanti alla Saleen S7R #50 del Larbre Competition condotta da Roland Berville, Sebastien Dumez e Stephane Lemeret con 1′ 44” 028, staccata quindi di quasi due secondi dalla Corvette. Inutile ribadire che, rimanendo queste le forze in campo, la vettura #72 non dovrebbe avere grosse difficoltà a concludere in modo vittorioso la trasferta portoghese.

Fra le granturismo meno potenti della LM GT2, la Pole di categoria è stata appannaggio della Porsche 997 GT3 RSR #77 del Team Felbermayr Proton guidata da Marc Lieb e Richard Lietz con un miglior passaggio di 1′ 44” 804 seguita dalla Ferrari F430 GT #92 del JMW Motorsport pilotata da Robert Bell e Gian Maria Bruni con 1′ 44” 868 e dalla Ferrari F430 GT #84 del Team Modena che ha visto al volante Antonio Garcia, Jaime Melo e Leo Mansell, figlio del Leone con 1′ 54” 436.

Appuntamento quindi a stasera per la 1000 km dell’Algarve.

             C.J.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Condividi in

Autore

Lascia un Commento

*
To prove you're a person (not a spam script), type the security word shown in the picture. Click on the picture to hear an audio file of the word.
Anti-spam image