F1- La Fia sapeva della vicenda Piquet

4

573647

A pochi giorni dall’udienza davanti al Consiglio mondiale della FIA a Parigi, continuano ad emergere particolari sulla vicenda Piquet Jr. Oggi il quotidiano inglese Daily Mirror ha pubblicato degli estratti del colloquio che Piquet Senior  ha tenuto lo scorso 17 agosto con Martin Smith, rappresentante della Commissione d’Inchiesta della FIA, in cui l’ex iridato ha rivelato di aver parlato dell’incidente di Singapore già ad Interlagos con il direttore di gara Charlie Whiting.

Questo, quanto ha riportato il giornale britannico,”Non potevo credere a quello che mi era stato raccontato della gara di Singapore ed ho frequentato il mondo dei motori per tutta la vita. Ho chiamato Nelsinho e lui mi ha confermato, mi ha detto che glielo avevano chiesto. Io gli ho detto che con un’azione del genere poteva fare male a se stesso, ma anche agli altri. Alla fine si è reso conto dell’errore, ad ogni modo in Brasile ne ho parlato con Charlie Whiting, gli ho anche domandato cosa sarebbe accaduto a mio figlio se la storia fosse venuta a galla”. Argomento della conversazione anche il consiglio chiesto a Bernie Ecclestone in occasione del Gp d’Ungheria dello scorso luglio proprio in merito alla vicenda, alla richiesta di papà Piquet, “Che cosa devo fare?”, il “buon” Bernie avrebbe risposto, “Fottilo!”, ovviamente riferendosi a Flavio Briatore. Immancabile la richiesta del parere anche  a Max Mosley, il quale gli avrebbe detto di essere a conoscenza di tutto, ma di non avere prove, “…a meno che non arrivi qualcuno a dirmi come stanno i fatti…”

Oltre che per vie traverse e per trascrizioni di colloqui, la voce di Piquet è arrivata alla luce del giorno al magazine tedesco Auto Motor und Sport,  a cui ha detto di non temere l’azione legale avanzata da Briatore nei confronti suoi e del figlio affermando, “Lasciamolo fare, posso permettermi i migliori avvocati”.

Condividi in

Autore

4 commenti

  1. Che amarezza!!!!!! Dopo aver letto questa cosa che ha fatto Nelsigno, veramente mi sento indignato da tutto il mondo della Formula Uno. Spero e mi auguro che cose del genere non devono più ri accadere nel mondo dei motori. Sinceramente parlando devono essere presi seri e duri provvedimenti in merito a questa vicenda.

Lascia un Commento

*
To prove you're a person (not a spam script), type the security word shown in the picture. Click on the picture to hear an audio file of the word.
Anti-spam image