F1 – L’OPINIONE: Mosley-Briatore, un fatto personale

26

maxmosleyb4602

Di questa amministrazione Mosley sinceramente ci siamo stancati. E da un pezzo. Si son stancati un po’ tutti di Max. Delle sue ultime lampate di genio, della sue ultime uscite. Il tutto ha cominciato ad incrinarsi dopo lo scandalo sessuale che vide coinvolto il presidente FIA nel marzo 2008.

In quel periodo proprio Briatore e Ron Dennis chiesero la testa di Max.  Richiesta respinta. Con interessi.
Appunto, gli interessi. Nel mese di giugno le nuove modifiche introdotte da Mosley per il 2010 non sono state gradite dai grandi team. Montezemolo e Briatore in testa. Tanto fumo e niente arrosto. L’unica certezza riguardava la non candidatura di Mosley alle prossime elezioni FIA. Apparentemente niente di che, ma l’inglese l’aveva promesso. Si sarebbe dato da fare e avrebbe continuato la sua linea. O meglio il suo piano. Fare fuori Briatore.

Poi Piquet, la confessione, le accuse. La Renault, le dimissioni, l’ammissione di colpa. Tutto organizzato come un’opera teatrale, dove la colpa è di tutti ma paga solo uno. Come se Piquet non sia stato allo stesso tempo la vittima e l’assassino. D’altronde è facile parlare adesso che non ha più niente da perdere. Adesso che c’è da vendicarsi. Vendetta appunto. Quella di Mosley che commenta: “E’ triste vedere una carriera finire ma cos’altro potevamo fare? Il problema di Briatore e’ che ha negato e ha continuato a negare anche quando era chiaro che lui era implicato”.  Implicato da un pilota che ha voluto vendicarsi. Implicato da un team che si è lavato le mani, senza nemmeno un tanto di grazie per i mondiali che senza Flavio non sarebbero arrivati. Implicato da un presidente della FIA che adesso si è vendicato, trasformando un caso pubblico in una faccenda personale. Ecco il male della Formula Uno. Mosley siamo stufi. Adesso basta. Via. Sciò.

Valerio Lo Muzzo

Condividi in

Autore

26 commenti

  1. Vincenzo Carlesimo il

    Non convidivo nemmeno un po’ questo articolo. Lo trovo molto disgustoso nei confronti di una carica politica. Questo blog, fortunatamente non è sportmediaset, quindi chiedo all’admin del blog di analizzare bene questo articolo e nel caso sia sopra le righe di rimuoverlo. Mi aspettavo un commento diverso da te Valerio, smettila di leggere Terruzzi.

  2. La questione è molto delicata. Briatore è stato tagliato per questioni politiche, non certo per un episodio ( a mio avviso ) meno grave di quel che si crede. Posso garantire che furbate del genere non sono nuove a chi conosce bene il mondo dei motori… Perchè nelle corse, come dice il buon vecchio Enzo Coloni “chi frega è un fregone, ma chi non frega è un coglione”. Detto un po’ volgare, ma molto efficace nel nostro caso. Lo stesso Briatore si è reso in passato complice di innumerevoli furbate, soprattuto nel periodo Schumacher-Benetton, che vinse il primo mondiale a bordo di una vettura palesemente irregolare ( si arrivò addirittura a parlare di 4 ruote sterzanti… ma non so quanto fosse vero ). Mosley si è indubbiamente vendicato nei confronti di un suo storico “rompicoglioni”. Detto questo, non getterei troppo fango addosso a Mosley, che ha fatto anche molte cose buone per questo sport. Vedrete che comunque questa squalifica durerà poco: giusto il tempo che cambi il presidente FIA. Proprio come 25 anni fà ( ma li si trattava di una ben più grave vicenda giudiziaria ) “Tribula” si godrà le vacanze in attesa dell’ amnistia.

  3. Che sia un commento, un invito alla riflessione è chiaro. Già nel titolo la parola opinione dice tutto. Poi la si può pensare liberamente, chiunque può venire qua a dire che la pensa diversamente o quant’altro. Chiedere di mettere al vaglio un simil articolo penso sia troppo. L’opinione, appunto, tende a sottolinerare il fatto che briatore sia stato l’unica persona seriamente punita da questa faccenda. Nessun altro è il colpevole? Solo lui? Da qui la riflessione…

  4. P.S: Hanno fatto bene a scagionare Piquet… il giusto premio per aver portato alla luca una scomoda verità. Nelle sue condizioni, probabilmente il 90% dei piloti a Singapore avrebbe fatto la stessa cosa…

  5. Davide sul primo commento concordo alla grande. Nell’articolo non ho gettato fango sulla gestione Mosley (che ha fatto davvero tanto sorpattutto nel fattore sicurezza) ma ho voluto sottolineare che gli ultimi due anni da presidente per Max non hanno giovato all’immagine dello sport. Su Piquet scagionato non la penso allo stesso modo. Anche se credo che un team prima di mettersi dentro un Piquet ci pensarà più di una volta…

  6. Vincenzo Carlesimo il

    Piquet è stato l’unico pilota a lottare alla pari nella Gp2 2006 con Lewis Hamilton. Ha già dimostrato di essere un buonissimo talento, non avrà difficoltà a trovare una scuderia nel 2010.

  7. Tu sarai stufo, ma come dicono i saggi, Mosley non sta perdendo una battaglia…. a Monaco disse che i costruttori avrebbero abbandonato, e BMW e Toyota sono nel baratro…. Bravo, stancati di Mosley, tanto con Todt l’anno prossimo problema risolto con un monomarca F1 con monoposto tutte rosse e che dovranno avere nel nome SCUDERIA…. dai dai che con Todt arriva il cambiamento!!

  8. Vincenzo Carlesimo il

    Il casino lo fa Alonso, dove va Fernando succede sempre qualcosa. Piquet è solo la vittima di questo brutto episodio della F1. Nelsinho è una persona fragile e si è fatta “sottomettere” dalla forte personalità di Briatore. Briatore ha sempre fregato nella F1 dal 1994 ad oggi. E’ giusto che sia fuori. Mosley ha solo reso giustizia.

  9. MOsley ha reso giustizia. Giusto, ma non in modo uniforme. Penso ne abbia fatto più una questione personale. Briatore ha combinato furbate da quando è nel motorsport, e per un evento del genere la radiazione ci sta. Ma non così. Non solo lui. Anche i complici devono avere la loro punizione, altrimenti la situazione passa per un regolamento di conti.
    @Evaristo: Mosley dal 2008 si è dato al protagonismo. Negli anni precedenti ha fatto molto bene come presidente. Todt non credo porterà cambiamenti in positivo, anzi…

  10. Come ha giustamente ricordato Vincenzo, Piquet ha un palmares nelle formule minori da non sottovalutare. Purtroppo, la sua avventura finisce qui. Quando un pilota di un driver program esce dalla “culla”, fa la fine dei cani abbandonati in autostrada…

  11. Vincenzo Carlesimo il

    Non penso, Piquet è nettamente più forte di gente che è in F1 per raccomandazioni. Sarà preso da una delle nuove squadre iscritte o da qualche squadra che cerca una buona seconda guida. Al massimo torna in Gp2 lol

  12. Certo, con 13 scuderie in gioco non è escluso che Piquet trovi un volante, ma per molti ormai è un nome scomodo, la vedo difficile per lui…

  13. Max Mosley, da qualche anno, sta tentando di destabilizzare la Formula 1 ! 😈
    Questo è un fatto ed è per questo che la sua dipartita dalla Federazione non sarà una grossa perdita.
    Valerio ha semplicemente evideziato un’opinione largamente diffusa.

  14. Dato che questo è una pagina di opinioni, mi sento abbastanza sicuro di poter dire la mia. Non ha mai creduto che Briatore fosse una brava persona (sportivamente parlando), sempre un po’ troppo sopra le righe, spesso polemico e “traffichino”. Ma sicuramente non si può mettere in discussione la sua capacità di stare al mondo. E mi sembra proibitivo incastrare una persona come lui… Questa sentenza mi sa tantotanto di vendetta personale, in nessun processo del mondo il pentito viene scagionato… Ma poi, scagionato di che? Dove stanno le prove del broglio? Le chiacchiere di un ragazzino sono sufficienti? E l’ammissione di colpa della Renault può bastare? Ripeto, DOVE STANNO LE PROVE? Ed anche se fosse vero, perchè deve pagare solo uno? Briatore non rappresenta forse il team? O la responsabilità sportiva è individuale come quella penale? Se così non fosse, vorrei vedere estromesso pure il povero pilotino costretto ad andare a sbattere sotto la minaccia di una pistola (che, fortunatamente, non vederemo mai più su una formula 1), e pure la Renault, che per ringraziare il suo direttore sportivo dei mondiali vinti l’ha consegnato da giuda come se fosse il primo che passa… Ma staremo a vedere. Se è vero che Mosley non è caduto da solo, neanche Briatore sarà l’unico… è troppo difficile far fuori una persona come lui senza preoccuparsi delle conseguenze…

  15. Beh, in effetti la questione delle prove sollevata da mojhan è rimasta insoluta. Quando questa storia è venuta alla luce si è detto che le condanne ci sarebbero state solamente se fossero uscite prove certe tipo conversazioni via radio… Visto che non si è detto nulla a riguardo, ho pensato che forse la certezza della volontarietà si fosse ottenuta analizzando il modo in cui il testacoda è stato provocato da Piquet. Magari analizzando la telemetria. Ma questo è quello che, da ignorante sui fatti, ho pensato io. In effetti non ho sentito o letto roba del tipo:”Briatore è stato condannato alla luce delle prove venute fuori dalla telemetria e delle conversazioni radio”. Boh!!! 😕

  16. Vincenzo Carlesimo il

    La telemetria dimostra che Piquet quando la vettura sbandava ha continuato ad accelerare per andare a sbattere e nel team radio Pat Symonds dice a Briatore dopo il pit stop di Alonso, concentriamoci su Piquet che deve fare ciò che deve fare e Flavio cambia argomento. Le prove ci sono.

  17. Beh, se le cose stanno così non c’è altro da aggiungere… Semplicemente i giornalisti non ne avranno parlato o mi sarò perso io la notizia.

  18. La telemetria è anomala, ma non dimostra niente. Ai box alcune conversazioni si possono associare al fatto come non le si possono associare. Sulla frase “Piquet deve fare ciò che deve fare” ti chiedo di citare la fonte.
    In ogni caso nella sentenza queste prove non sono emerse. Ci si è basati sulle dichiarazioni. Ma IPOTIZZANDO che la cosa sia stata provata a DOVERE (cosa non fatta) ciò non giustifica l’immunità data a Piquet, lo sconto a Pat Symonds e la condizionale alla Renault. Il trattamento è impari. Da quando in qua chi spara è tenuto libero mentre il mandante viene punito. Da qui la conclusione che NON è una difesa a Briatore, ma una riflessione sul fatto che tra i puniti lui sia stato il Capo espiatorio. Il che rende la situazione più un regolamento di conti tra Mosley e Flavio (vedi titolo).

  19. Giordano Ghio il

    MA ERA ORA ! UN CALCIO IN FACCIA A BRIATORE ! NON SE NE POTEVA PIù DI QUEL TRAFFICONE ! SPERO SIA ECCLESTONE IL PROSSIMO !

  20. La mia opinione, da appassionato di motori, è che questo sia il momento più basso della storia della Formula 1…provo pena per la Formula 1 che ormai si è ridotta peggio del Wrestling, dove per fare spettacolo si devono inscenare incidenti, fare partire campionati con vetture regolari e altre regolari (ehm no, ora sono tutte regolari, ma lo hanno detto dopo quasi metà stagione), inventarsi delle penalità solo per tenere aperti i campionati, metter sù false battaglie quando in realtà ciò a cui si punta è il potere e il denaro…a me di chi vinca e chi perda, per fortuna, non frega più niente, anche perchè penso che seguire uno sport senza l’ansia del tifo te lo fa godere di più…ma sinceramente io adesso quando guardo alla Formula 1 provo due sensazioni: una è la pena per come si è ridotta questa categoria, l’altra è la tranquillità perchè penso alla fortuna che ho a rendermi conto che la Formula 1 non è che una categoria dell’automobilismo, ma ce ne sono tante altre molto più belle, divertenti e “sportive”…se penso che molta gente per pigrizia, per mancanza di tempo, o semplicemente per passione, considera la Formula 1 l’unica forma di automobilismo esistente, mi viene un grosso dispiacere a pensare a quello che possano provare in questi ultimi anni…per questo ogni volta io cerco di tranquillizzare questi appossionati cercando di far capire loro che ci sono tante forme di automobilismo che possono seguire e con cui possono divertirsi…penso che se questi appassionati lasciassero un pò da parte la Formula 1 e si dedicassero ad altre corse (quelle americane, il granturismo, i rally, ecc.ecc.) secondo me farebbero un bene a se stessi e anche alla Formula 1, che magari vedendo il calo di appassionati potrebbe capire qualcosa…sulle pene inflitte, dobbiamo anche ragionare pensando a come va il mondo…è ovvio che io avrei radiato tutti, ma è altrettanto ovvio che con questo atteggiamento allora non confesserebbe nessuno, e noi molte storie non le verremmo mai a sapere…ad esempio, se Piquet avesse saputo che sarebeb stato radiato non avrebbe mai parlato, e noi di questa vicenda non avremmo saputo mai niente…così in futuro, se riaccadrà una vicenda simile, se X vedesse Piquet radiato dopo aver confessato non parlerebbe mai…e quindi non saremmo venuti a conoscenza di una truffa…sullo sconto a Piquet, io dico che persino i mafiosi e i terroristi se si pentono e confessano hanno la pena mitigata, quindi non vedo perchè scandalizzarsi per un semplice atleta…

  21. Vincenzo Carlesimo il

    su sport mediaset c’era un articolo dove metteva come allegato la telemetria e i team radio tra ingegneri, Briatore e Piquet. E’ in inglese, ma più o meno Pat Symonds dice quelle parole e Briatore cambia discorso..

  22. Mi spiace, Vincenzo, ma non sono mai state pronunciate le parole “[…]che deve fare ciò che deve fare “. Le comunicazioni radio sono sul sito della FIA a disposizione di tutti.

  23. Vincenzo Carlesimo il

    quando Piquet dice What lap are we in? Pat Symonds dice ad un ingegnere Yeah, tell him that he’s about to complete lap 8. Is that correct? E l’altro risponde: That’s correct yeah. I think he was asking what lap are we in though but, which he already knows.

    Tradotto penso che non stesse chiedendo in che giro pensiamo di entrare ma, in quale lui lo sa già.
    E Pat Symonds risponde: No just tell him, he is about, he’s just completing, he is about to complete lap 8.

    Per me è chiaro.

Lascia un Commento

*
To prove you're a person (not a spam script), type the security word shown in the picture. Click on the picture to hear an audio file of the word.
Anti-spam image