Indycar – Franchitti è il campione 2009

0

Immagine

Dario Franchitti è il campione Indycar Series 2009. Lo scozzese (al secondo in titolo in carriera) ha vinto una storica Firestone Indy 300 sull’Homestead-Miami Speedway, la prima gara di sempre della Indycar senza una caution. La media di 324,085 kmh è stata la seconda più veloce nella storia della categoria. La chiave della gara sono stati i consumi. A sette giri dalla fine la lotta sembrava ristretta tra Ryan Briscoe, leader della corsa e leader virtuale del campionato, e Scott Dixon, secondo, mentre Franchitti era staccato di quasi un giro. Ma la giro 193 i due leader della gara sono dovuti rientrare ai box per un rabbocco di etanolo, mentre Franchitti, più parsimonioso, è riuscito ad arrivare alla fine senza dover rifornire. “Questo è stato un grande anno per il nostro team“, ha detto Franchitti. “E’ stato così divertente farne parte. Sono stato davvero fortunato in tutta la mia carriera ad avere la possibilità di correre per una grande squadra. Questi ragazzi volevano vincere e hanno vinto. Non riesco a ringraziare abbastanza la squadra. Scott e io abbiamo dato il massimo per tutta la stagione per arrivare a questo punto.” Lo scenario è stato simile a quello del 2007, quando Franchitti e Dixon si giocarono il titolo fino all’ultima curva della stagione, quando Dixon rimase a secco consegnando il titolo all’ allora pilota dell’Andretti Green Racing. “Come nel 2007, ho dovuto cercare di risparmiare un po’ di carburante e rimanere all’interno della strategia“, ha detto Franchitti. “Abbiamo sempre cercato di andare il più lunghi possibile. La macchina era un po’ squilibrata nel primo stint e questo ha permesso Scott e Ryan allontanarsi un pò. Dal secondo stint la macchina era davvero buona, ma da allora abbiamo cercato di conservare carburante. Sono andato il più veloce possibile, ma sempre il più parsimonioso possibile.

Briscoe ha fatto tutto il necessario per portare a casa il suo primo grande titolo: 103 giri in testa e i due punti di bonus, leadership della gara e del campionato a pochi giri dalla fine. “E’ abbastanza frustrante“, ha detto Briscoe, che per otto volte ha terminato al secondo posto in questa stagione. “E’ stata una delle gare più belle che io abbia mai disputato. Mi dispiace che sia stata decisa dalla strategia. Alla fine pensavo che fosse una storia tra me e Scott, invece il vantaggio ce lo aveva Dario.” Dixon, come Briscoe, si era fermato al giro 144 ed è stato costretto ad un veloce rabbocco nel finale (al giro 192 Dixon, al giro 194 per Briscoe). “All’inizio della gara non pensavo potesse finire così“, ha detto Dixon. “Ma alla fine questi sono i fatti. Pensi sempre che ci sarà qualche caution. Quello che posso fare è farmene una ragione e riprovarci l’anno prossimo.” Un’altra particolarità della corsa è stata che soltanto i tre contenders per il titolo hanno terminato la corsa a pieni giri. Quarto ha terminato Tony Kanaan, che partiva dalla quindicesima posizione. “Abbiamo fatto quello che potevamo stasera“, ha detto Kanaan. “La vettura è andata bene, ma semplicemente non era abbastanza veloce. Volevo vincere in quella che orma è la mia città, ci riproveremo l’anno prossimo. Questi tre ragazzi sono stati davvero imbattibili. Io mi prendo il quarto posto. Dopo la stagione che abbiamo avuto, essere tra i primi quattro è un ottimo modo di terminare. Devo dire che la parte migliore del mio anno è vedere il mio migliore amico vincere il campionato un’altra volta.” L’unico incidente della corsa è avvenuto al giro 152 ai box, e non ha comportato l’uscita delle bandiere gialle, quando Dan Wheldon, rientrando per il suo pit, ha toccato Danica Patrick che stava uscendo, mandandola in testacoda.

Commentando questa vittoria, Franchitti ha detto: “Non avrei mai pensato che avrei vinto cinque gare e il campionato subito al mio ritorno. Voglio ringraziare Chip (Ganassi) per avermi dato un lavoro. Inoltre, ho avuto fortuna, e sì, bisogno avere un po’ di fortuna per vincere un campionato. Dalla vittoria nella seconda gara, a Long Beach, ho capito che avremmo potuto farcela. Nel 2007 c’era un sacco di soddisfazione per ave ottenuto il primo titolo. Ma questo è ancora migliore, perché adesso la categoria è stata riunificata e ci sono tutti i migliori. Questo mi dà davvero molta soddisfazione. Delle scelte fatte in passato non cambierei nulla. Ho avuto modo di andare a fare qualcosa di completamente diverso e di imparare cose nuove. E questo ha fatto di me un pilota migliore, credo. Adesso sono assolutamente dove dovrei essere. Questo è ciò per cui sono cresciuto, gareggiare nella IndyCar Series.” Poi lo scozzese ha voluto fare una dedica speciale: “In questo stesso periodo di 10 anni fa ero a giocarmi il titolo CART con Montoya, quando successe l’incidente di Greg Moore. Quando ho tagliato il traguardo ho pensato a Greg, e questo è per lui.” Raphael Matos, terminando quattordicesimo, ha conquistato il titolo di Rookie Of The Year. “Il mio primo anno non poteva essere migliore“, ha detto Matos, campione Firestone Indy Lights nel 2008. “Questo titolo significa molto per me e molto per la squadra. Ci sono un sacco di nomi famosi tra i Rookie Of The Year e sognavo di potermi unire a loro. Credo che questo dimostra che siamo pronti a fare il sato per ottenere qualcosa di migliore il prossimo anno.

Classifica finale:

Pos  Driver             Team                      Time/Gap

1.  Dario Franchitti   Ganassi              1h28m28.3117s

2.  Ryan Briscoe       Penske                   + 4.7888s

3.  Scott Dixon        Ganassi                  + 6.0206s

4.  Tony Kanaan        Andretti Green             + 1 lap

5.  Helio Castroneves  Penske                     + 1 lap

6.  Hideki Mutoh       Andretti Green            + 2 laps

7.  Mario Moraes       KV                        + 2 laps

8.  Alex Lloyd         Newman/Haas/Lanigan       + 2 laps

9.  Tomas Scheckter    Dreyer & Reinbold         + 3 laps

10.  Justin Wilson      Coyne                     + 3 laps

11.  Graham Rahal       Newman/Haas/Lanigan       + 3 laps

12.  Ed Carpenter       Vision                    + 3 laps

13.  Ryan Hunter-Reay   Foyt                      + 4 laps

14.  Raphael Matos      Luczo Dragon              + 4 laps

15.  Mike Conway        Dreyer & Reinbold         + 5 laps

16.  EJ Viso            HVM                       + 6 laps

17.  Milka Duno         Dreyer & Reinbold         + 6 laps

18.  Sarah Fisher       Fisher                   + 13 laps

19.  Danica Patrick     Andretti Green           + 15 laps

Ritiri:

Robert Doornbos    HVM                  166 laps

Dan Wheldon        Panther              150 laps

Marco Andretti     Andretti Green       58 laps

Jaques Lazier      3G                   23 laps

Condividi in

Autore

Lascia un Commento

*
To prove you're a person (not a spam script), type the security word shown in the picture. Click on the picture to hear an audio file of the word.
Anti-spam image