F1 – Ungheria, analisi gara: Gira la ruota

0

HUNGARORING 01.08.2010 Gira la ruota e gira la classifica. Gira tutto bene per Mark Webber, nel giorno della sua quarta vittoria stagionale, nel giorno in cui riconquista la vetta dalla classifica iridata. E pensare che il dominio di Vettel sembrava imbarazzante e d’altronde lo è stato, almeno in parte. Per il tedesco la ruota gira al contrario, perchè un gesto d’aiuto a volte torna indietro come un boomerang e può rivelarsi letale. Capita quindi che per aiutare il proprio compagno di squadra si finisce col penalizzare se stessi, magari senza capirlo, o perchè qualcuno al muretto non conosce nel dettaglio il regolamento.

ALTALENA Si è così aperta la strada al secondo posto di Alonso e al rilancio della Ferrari che dopo la prestazione in terra tedesca è più forte e convinta dei propri mezzi. Chi, invece, del proprio mezzo sembra debba preoccuparsi per il futuro è la McLaren. La casa di Woking esce dal week-end ungherese con le ossa rotte. Il carismatico Hamilton ha sì perso la testa della classifica, ma non la calma. “Queste sono le corse, dobbiamo lavorare per recuperare”, come a dire, siamo indietro ma insieme ce la faremo. Parole da leader. Confortanti perchè le frecce d’argento hanno speso i loro bonus nel fine primavera inizio estate, e la loro ruota al momento gira verso il basso.

SC A proposito di ruote vaganti, quanto visto in pita lane è stato uno spettacolo da circo. I meccanici Mercedes commettono un errore nell’avvitare la posteriore sinistra di Rosberg, la quale si stacca immediatamente dal mozzo e rimbalza pericolosamente in pit lane. Un meccanico Williams ne fa le spese con una costola fratturata, mentre il tedesco si ferma sul finire della pit.

Nello stesso istante in casa Renault la commettono grossa. Il lecca-lecca giallo-nero si alza proprio mentre sopraggiunge Sutil ed il crash è inevitabile. Ad ogni modo Kubica riesce a proseguire la propria gara, seppur, dopo uno stop&go di penalità è costretto al ritiro.

Sembra essere una punizione il regime di sicurezza, e la parola sicurezza viene meno ogni qual volta la vettura guidata da Maylander scende in pista. Pur di non perdere l’attimo giusto Sebastian Vettel entra in pit-lane saltando il cordolo che delimita quest’ultima dalla pista. Poi il tedesco lascia andare Webber quando ls safety-car abbandona la pista, quindi la penalità e la frustazione.

DUELLO Non c’è pace per il “biondo mervaglia”. Al 32esimo giro Sebastian sconta il drive-trough gesticolando come a dire, spiegatemi perchè. Intanto Alonso è secondo, e Webber vola con gomme morbide. L’australiano guadagna tanto, al punto di mantenere la testa della corsa anche dopo il cambio gomme. Intanto Vettel attacca Alonso e lo farà per trenta giri senza successo. Chi, invece, ha successo è Rubens Barrichello. Il brasiliano percorre ben 56 giri con gomme dure, per poi dare il meglio con le morbide. Al momento del pit-stop Rubens è quinto, al suo rientro è undicesimo alle spalle del rivale di vecchia data Schumacher. La superiorità dettata dalle gomme è evidente, ma il sette volte campione del mondo non demorde. Dopo cinque giri al limite, il brasiliano esce dall’ultima curva e sul rettifilo attacca Schumacher che cerca di difendere l’interno. La carreggiata si stringe come un imbuto e Barrichello è un sandwicth tra la grigia mercedes e il muretto. Michael stringe troppo, ma Rusbens riesce a spuntarla. Il tempo passa, ma la ruota gira. Anche per Barrichello.

Valerio Lo Muzzo

Classifiche iridate:                

Piloti:                      Costruttori:
 1.  Webber       161        1.  Red Bull-Renault          312
 2.  Hamilton     157        2.  McLaren-Mercedes          304
 3.  Vettel       151        3.  Ferrari                   238
 4.  Button       147        4.  Mercedes                  132
 5.  Alonso       141        5.  Renault                   106
 6.  Massa         97        6.  Force India-Mercedes       47
 7.  Rosberg       94        7.  Williams-Cosworth          40
 8.  Kubica        89        8.  Sauber-Ferrari             23
 9.  Schumacher    38        9.  Toro Rosso-Ferrari         10
10.  Sutil         35
11.  Barrichello   30
12.  Petrov        17
13.  Kobayashi     17
14.  Liuzzi        12
15.  Hulkenberg    10
16.  Buemi          7
17.  De la Rosa     6
18.  Alguersuari    3
Condividi in

Autore

Lascia un Commento

*
To prove you're a person (not a spam script), type the security word shown in the picture. Click on the picture to hear an audio file of the word.
Anti-spam image