F1 – Singapore – Analisi gara: Ottimismo spagnolo

1

SINGAPORE 26.09.2010 E’ passato quasi un mese dal ritiro di Alonso in Belgio, e dopo la vittoria di Hamilton l’ottimismo dello spagnolo sembrava essere un presa un giro, un modo di dire, un lumicino accesso perchè la speranza è l’ultima a morire. Lui, invece, ci credeva davvero. Non era un bluff. Non erano parole buttate al vento. Sta di fatto che a ventotto giorni di distanza dalla gara di Spa, le parole son diventate fatti e i fatti vanno a braccetto con la linea ottimista sposata da quell’Alonso indovino, capace di crede in questa Ferrari, più di quanto la rossa credeva in sé stessa.

INCERTEZZE Va sottolineato che il recupero di Alonso e della Ferrari, dipende anche e soprattutto dalle incertezze degli avversari. Per la prima volta in quattro stagioni, Lewis Hamilton colleziona due ritiri consecutivi, dettati dalla troppa foga, e da errori strategici, come quello di oggi, che lo hanno costretto al recupero su Webber. L’australiano, a proposito, è riuscito a conquistare il podio grazie alla strategia attuata in RedBull. Il team austriaco, come più volte dichiarato, ha lasciato liberi i propri piloti anche in questa gara, cosa che ha penalizzato la leadership dell’australiano in favore del recupero di Alonso. A trarne vantaggio anche il prediletto Vettel, ancora poco concreto nelle gare che contano, ma anche lui tornato sotto dopo l’estate da psicopatico vissuta tra errori e polemiche all’interno del team stesso.

JOLLY Un capitolo a parte va riservato a Jenson Button. Il pilota inglese, forse fin troppo diverso da Hamilton, ha sempre guidato in modo pulito, ma senza mai impensierire né il compagno di squadra, né Mark Webber che nel finale guidava su pneumatici molto più usurati dal campione del mondo in carica, e andava quanto meno pressato.

Dovrebbe, invece, essere più decisivo Felipe Massa. Il brasiliano, unico pilota tagliato fuori tra i tre top team, potrebbe tornare utile alla causa Ferrari, proprio come fatto, almeno in parte, a Monza. In una gara come quella odierna, in cui i primi cinque posti occupati dai pretendenti al titolo, il pilota di San Paolo potrebbe giocare un ruolo fondamentale per tutti, tranne che per se stesso.

Valerio Lo Muzzo

Piloti:                      Costruttori:             
 1.  Webber       202        1.  Red Bull-Renault          383
 2.  Alonso       191        2.  McLaren-Mercedes          359
 3.  Hamilton     182        3.  Ferrari                   316
 4.  Vettel       181        4.  Mercedes                  168
 5.  Button       177        5.  Renault                   133
 6.  Massa        125        6.  Force India-Mercedes       62
 7.  Rosberg      122        7.  Williams-Cosworth          57
 8.  Kubica       114        8.  Sauber-Ferrari             27
 9.  Sutil         49        9.  Toro Rosso-Ferrari         10
10.  Schumacher    46       
11.  Barrichello   39       
12.  Kobayashi     21       
13.  Petrov        19       
14.  Hulkenberg    18       
15.  Liuzzi        13       
16.  Buemi          7       
17.  De la Rosa     6       
18.  Alguersuari    3

Condividi in

Autore

1 commento

  1. :mrgreen:

    HAMILTON e il gatto nero si saranno incrociati per strada?

    io penso di si visto che 2 gare 2 episodi identici (a monza massa “chiude” hamilton, a singapore hamilton “chiude” webber) ma hamilton ha avuto sempre la peggio anche cambiando “ruolo”

    un mio giudizio su questi incidenti: sono semplici incidenti di gara, non penalizzabili, ma chi è dietro dovrebbe frenare per evitare il contatto….vedi Kubica su Sutil in cui la forceindia frena per non toccare la renault

Lascia un Commento

*
To prove you're a person (not a spam script), type the security word shown in the picture. Click on the picture to hear an audio file of the word.
Anti-spam image