V8 Supercars – Ad Adelaide si impone Tander, Winchup vola sul bagnato

0

Il circuito cittadino di Adelaide, noto agli appassionati per aver ospitato la Formula 1 nei primi anni ’90, è stato il teatro del secondo appuntamento della V8 Supercars. Il tracciato che si affaccia sul Golfo di St. Vincent ha regalato due gare emozionanti e combattute, in particolar modo la seconda che si è svolta sotto la pioggia. James Courtney, dopo il trionfale week-end di Abu Dhabi, non è riuscito a ripetersi lasciando la scena a Garth Tander e ai sempre arrembanti alfieri del team Vodafone, ovvero Jamie Winchup e Craig Lowndes, quest’ultimo galvanizzato dalla recente esibizione a bordo della McLaren di Formula 1 a Mount Panorama. La V8 Supercars tornerà subito in pista domenica per la classica gara fuori campionato all’Albert Park di Melbourne, a contorno del GP d’Australia. Ma vediamo nel dettaglio cosa è accaduto ad Adelaide.

QUALIFICHE – I due turni di qualifica per determinare le griglie di partenza vedono imporsi Tander e Davison. Il primo conquista la pole di gara 1 seguito dai compagni di marca Winchup, Holdsworth e Kelly. Il secondo partirà al palo nella seconda manche seguito da Winchup, ancora una volta secondo, Winterbottom e Holdsworth. Il vincitore di Abu Dhabi e leader del campionato James Courtney partirà ottavo e quinto.

GARA 1 – Al via Tander scatta bene e mantiene la leadership seguito da Rick Kelly e Lee Holdsworth che al via brucia Winchup. Quest’ultimo nel corso di qualche giro recupera subito le due posizioni perse riportandosi alle spalle del leader, ma è solo al 14° che sferra l’attacco vincente che gli permette di passare Tander e portarsi al comando. Due giri dopo Courtney tocca il muro alla curva 7 ed è costretto a rientrare ai box, per il vincitore di Abu Dhabi non c’è nulla da fare e, nonostante riesca a riprendere la pista, concluderà solo al 24° posto. Al 25° giro inizia il valzer dei pit-stop, quasi tutti si fermano subito ad eccezione di Dumbrell e Bright che si fermeranno solo al 29° passaggio. Al giro 30 entra per la prima volta la safety-car dopo l’incidente occorso a Reynolds, al restart Tander beffa Kelly che gli aveva soffiato la seconda posizione durante la fase di pit-stop. Poco dopo Dumbrell tocca il muro e viene imitato anche da Steve Owen che al giro 46 perde la ruota posteriore sinistra e causa il secondo ingresso della safety-car. Molti ne approfittano per rifornire per l’ultima volta, nonostante mancassero ancora 32 giri alla fine. Alla ripartenza troviamo al comando tre dei piloti che non hanno effettuato la sosta, ovvero Will Davison, Greg Murphy e Steve Johnson. A breve tornerà in pista la vettura di sicurezza per consentire lo spostamento delle vetture incidentate di James Moffat e Tony D’Alberto, entrati in contatto qualche giro prima. A 11 giri dalla fine la pace-car rientra ai box e Winchup prova ad attaccare Tander mentre il suo compagno Lowndes si porta in terza posizione dopo aver sopravanzato Ingall e Coulthard, con questi ultimi due che poco dopo entreranno in contatto causando la quarta fase di neutralizzazione. Al 73° giro rientra la safety car, quando alla fine mancano solo tre giri, e a questo punto inizia una battaglia a suon di sportellate tra Tander e Winchup. Al traguardo il primo si imporrà sul secondo con Lowndes che completa il podio, Bright e Coulthard completano la top five.

Classifica gara 1:

1 Garth Tander Holden 76 Laps
2 Jamie Whincup Holden +0.542
3 Craig Lowndes Holden +2.472
4 Jason Bright Holden +3.324
5 Fabian Coulthard Holden +4.814
6 Mark Winterbottom Ford +5.124
7 Todd Kelly Holden +5.766
8 Tim Slade Ford +7.021
9 Will Davison Ford +7.493
10 Jason Bargwanna Holden +8.806

GARA 2 – Sin dal via è subito battaglia tra Will Davison e Jamie Winchup che nei primi giri si scambiano continuamente le posizioni su una pista resa viscida dalla pioggia. Al giro 23 Winchup va largo alla curva 11 e perde la posizione a favore di Courtney che poco dopo raggiunge e sorpassa anche Davison conquistando la leadership. Durante la fase dei pit-stop proprio Davison perde del tempo a causa dell’indecisione del suo team su un eventuale cambio di gomme. La pioggia resta copiosa e a farne le spese è Lee Holdsworth che va a sbattere alla curva 8 causando l’ingresso della safety-car. Al restart in testa c’è Kelly che durante la fase dei pit-stop ha sopravanzato Courtney, il quale, dopo un po’ perderà la seconda posizione a favore di Webb. Al 35° passaggio impatta alla curva 2 lasciando detriti in pista e proprio su uno di questi detriti Craig Lowndes fora una gomma ed è costretto a fermarsi ai box, da quinto si ritrova ventiduesimo. Dopo un’altra breve fase di neutralizzazione inizia la cavalcata vincente di Winchup che dalla quarta posizione passa in sequenza Courtney, Webb e Kelly portandosi in testa e restandoci fino alla fine. Al 50° ritorna in pista la vettura di sicurezza per recuperare l’auto di Warren Luff ferma lungo il tracciato e tutti ne approfittano per effettuare l’ultima sosta ai box e montare le gomme slick. Durante questa fase molto concitata Lowndes viene urtato da Murphy all’uscita della corsia dei box, la sua vettura va in testacoda e sfiora un commissario di pista che si trovava alla fine della pit-lane; nel riallinearsi il pilota del team Vodafone percorre parte della corsia d’uscita contromano e per questo motivo verrà punito con un drive-through retrocedendo in dodicesima posizione. Al 64° giro Dumbrell passa Courtney per la quarta posizione e si porta dietro al compagno di team Mark Winterbottom ma poco dopo va largo 4 e ritorna in quinta posizione, da li in poi inizia a battagliare con Tander e concluderà al sesto posto. Gli ultimi giri non regalano particolare emozioni, Winchup vince una gara emozionante accompagnato sul podio da Kelly e Winterbottom.

La classifica di gara 2:

1 Jamie Whincup Holden 77 Laps
2 Rick Kelly Holden +1.320
3 Mark Winterbottom Ford +2.123
4 James Courtney Holden +6.089
5 Garth Tander Holden +8.285
6 Paul Dumbrell Ford +9.121
7 Will Davison Ford +9.821
8 Steven Johnson Ford +13.174
9 Fabian Coulthard Holden +15.178
10 Alex Davison Ford +16.599

CAMPIONATO – Jamie Whincup 567, Mark Winterbottom 423, Garth Tander 363, Alex Davison 348, Fabian Coulthard 345, Craig Lowndes 336, Shane Van Gisbergen 327, Rick Kelly 321, Will Davison 306, Jason Bright 294, James Courtney 280, David Reynolds 276, Michael Caruso 270, Tim Slade 267, Steven Johnson 260, Jonathon Webb 257, Paul Dumbrell 240, Greg Murphy 225, Dean Fiore 204, Jason Bargwanna 195.

 

Silvano Taormina

 

Condividi in

Autore

Lascia un Commento

*
To prove you're a person (not a spam script), type the security word shown in the picture. Click on the picture to hear an audio file of the word.
Anti-spam image