F3 Italia – Misano, gara 1: Liberati vince in scioltezza dalla pole, poi Lewis e Campana

0

Non ha avuto rivali il romano Edoardo Liberati sul tracciato di Misano. Partito dalla pole, il pilota del team Ghinzani ha fatto sua gara 2 conducendo in solitaria i 20 giri ai quali ha imposto il suo ritmo, guadagnando su Lewis, scattato bene al traguardo e su Campana, terzo alla fine dopo un duello con il compagno di squadra Jousse finito sulla ghiaia.

La Cronaca

Al via Liberati si installa al comando mentre Campana al suo fianco non ha un ottimo spunto. Giovesi nel tentativo di superarlo all’esterno deve desistere dopo averci provato mettendo due ruote sull’erba. Liberati quindi precede Lewis e Jousse, che hanno guadagnato la posizione su Campana, poi Giovesi, Regalia, Cheever, Maisano, Iaquinta, Krohn, Marciello, Roda e Guerin. Mentre Regalia prepara l’attacco a Giovesi per la quinta posizione, Campana pressa Jousse per la terza posizione. Primo ritiro intanto ad opera di Mancinelli, fermo con la sospensione posteriore sinistra divelta.

Inizia la cavalcata di Liberati, che al quinto giro segna già il giro veloce della gara. Campana continua a seguire da vicino Jousse. Dietro vi è un quartetto di piloti in lotta tra loro, con Marciello che soffia sul collo di Krohn, e Roda alle sue spalle che vorrebbe scrollarsi di dosso Guerin, che però finisce in testacoda in un tentativo d’attacco al milanese.

Krohn, con ancora Marciello vicinissimo e minaccioso, raggiunge Iaquinta che ha problemi con le velocità di punta. C’è poco da fare per il debuttante che in poche curve deve cedere a Krohn, Marciello e Roda. Mentre Guerin dal fondo supera Spiga, Iaquinta si ferma ai box. Al comando Liberati conduce con oltre due secondi sul Lewis, staccato di un secondo da Jousse e Campana in perenne battaglia. I primi quattro si sono così staccati dal resto del gruppo, con Giovesi che segue a cinque secondi da Campana.

Il modenese tenta il tutto per tutto negli ultimi giri, ma ormai ha le gomme consumate e ci mette pure del suo per rovinarle in un paio di lunghi in frenata. Anche Jousse davanti sente la pressione del compagno e ha delle esitazioni in ingresso di curva. A due giri dal termine Campana rompe gli indugi e si butta all’interno su Jousse, ma allargando molto, forse troppo, la traiettoria finisce col dare una toccatina al compagno che gira largo sulla ghiaia e viene superato anche da Giovesi. La vittoria va quindi a Liberati davanti a Lewis e Campana che ha artigliato il podio proprio sul finale. Rimane però da chiarire se la manovra del modenese sarà ritenuta regolare. Dalle immagini infatti si vede che dopo aver preso la curva con la traiettoria interna, Campana si allarga fino a superare leggermente la riga bianca esterna con le ruote di sinistra. Semplicemente troppa velocità in curva?

Misano, gara 1

1. Edoardo Liberati – Team Ghinzani – 20 giri in 30.57.608
2. Michael Lewis – Prema Junior – 2.605
3. Sergio Campana – BVM Target – 4.321
4. Kevin Giovesi – Lucidi Motors – 9.902
5. Maxime Jousse – BVM Target – 11.329
6. Facundo Regalia – Team Ghinzani – 12.086
7. Eddie Cheever – Lucidi Motors – 12.534
8. Brandon Maisano – BVM Target – 20.249
9. Jesse Krohn – RP Motorsport – 25.996
10. Raffaele Marciello – Prema Junior – 26.646
11. Andrea Roda – Prema Junior – 28.190
12. Federico Vecchi – Linerace – 39.405
13. Luca Marco Spiga – GTR – 1’09.521
Giro Veloce – Edoardo Liberati – 1’31.973 – 5

Ritirati

11 giri – Victor Guerin
6 giri – Simone Iaquinta
1 giro – Daniel Mancinelli

Marco Borgo

Condividi in

Autore

Nato nel 1987, a Treviso, percussionista e cornista, appassionato di automobilismo sportivo segue per eracemotorblog: World Series by Renault, F2, GP3, F3 Italia e A1GP.

Lascia un Commento

*
To prove you're a person (not a spam script), type the security word shown in the picture. Click on the picture to hear an audio file of the word.
Anti-spam image