Renault ALPS – Zeltweg, gara 2: Hansen vince al debutto nella serie

0

Lo svedese Timmy Hansen ha vinto la seconda gara di Zeltweg, gara contrassegnata da un problema al semaforo dello start. Un problema di natura elettrica infatti non ha permesso lo svolgimento usuale dell’accensione e spegnimento delle luci, con i piloti che hanno mal interpretato la situazione. Alcuni infatti sono scattati come se niente fosse, altri invece si sono mossi e subito arrestati, credendo si trattasse di una partenza abortita dal direttore di corsa. Nonostante questo maldestro avvio, la gara ha vissuto subito forti emozioni, con la De Zen e Niccolò Rocca che son entrati in contatto alla prima curva richiedendo l’ingresso della safety car. Al comando in quel momento si trovava Tarancon, ma al restart Hansen gli si è fatto sotto e si è involato verso la vittoria.

Scaramucce invece tra Chatin e Zimmer, protrattesi anche nel post gara. Zimmer sarà quindi sotto osservazione nel prossimo week end, anche se la direzione di gara non ha trovato gli estremi per una penalizzazione vera e propria. Finisce al quarto posto la gara di Tarancon, in un week end non particolarmente esaltante per lo spagnolo. Ambivano al podio sia Riberas che McKee, il vincitore di gara 1, ma entrambi si sono dovuti piegare dinanzi a problemi della vettura. Quinto il tenace Gilardoni davanti a Colombo e a Marcellan. Ottavo invece Vittorio Ghirelli. Il più piccolo di casa Ghirelli è stato penalizzato dall’interpretazione del semaforo al via, e dopo essere scivolato ultimo ha cominciato una furiosa rimonta fino a giungere all’ottavo posto. Ottavo posto cedutogli dal fratello maggiore Edolo, che in gara 1 lo aveva spinto in un testacoda. In gara 2, un po’ per farsi perdonare, Edolo ha lasciato subito strada al più arrembante fratellino quando se l’è rivisto negli specchietti.

Zeltweg, gara 2

1 – Timmy Hansen – Interwetten – 16 giri 26’47″856
2 – Yann Zimmer – ARTA – 2″510
3 – Paul Loup Chatin – Tech 1 – 3″054
4 – Javier Tarancon – Tech 1 – 4″638
5 – Kevin Gilardoni – Torino – 5″271
6 – Stefano Colombo – Epic – 7″010
7 – Cristiano Marcellan – Tech 1 – 14″514.
8 – Vittorio Ghirelli – One – 18″926
9 – Edolo Ghirelli – One – 18″984
10 – Mauro Calamia – Daltec/Interwetten – 21″911
11 – Roman Mavlanov – Boetti – 23″094
12 – Alexandre Cougnaud – ARTA – 27″823
13 – Federico Gibbin – Viola – 28″245
14 – Amir Mesny – ARTA – 34″890.
15 – Patrick Gobbo – Torino – 40″066
16 – Gregoire Demoustier – Tech 1 – 46″354
17 – Alex Riberas – Epic – 1’05″832

Giro veloce: Alex Riberas 1’30″929

Ritirati
0 giri – Giada De Zen
0 giri – Nicolò Rocca
13° giro – Melville McKee
14° giro – Thomas Jager

Marco Borgo

Condividi in

Autore

Nato nel 1987, a Treviso, percussionista e cornista, appassionato di automobilismo sportivo segue per eracemotorblog: World Series by Renault, F2, GP3, F3 Italia e A1GP.

Lascia un Commento

*
To prove you're a person (not a spam script), type the security word shown in the picture. Click on the picture to hear an audio file of the word.
Anti-spam image