WSR – Silverstone, gara 2: Wickens si aggiudica anche la seconda corsa e allunga, week end storto per Vergne

0

a cura di Marco Borgo

Robert Wickens è stato davvero incontenibile sul tracciato di Silverstone. Il canadese ha infatti siglato entrambe le pole (anche questa mattina mentre gli altri giravano e lui bloccato nel traffico cercava di raggiungere la pista), entrambe tramutate poi in vittoria. Week end decisamente al di sotto delle aspettative invece per Vergne. Oggi partiva dalla seconda posizione, ma al traguardo è solo quinto per un pit stop non perfetto. Sul podio salgono nuovamente Ricciardo e Rossi, a ruoli invertiti rispetto a ieri.

La cronaca

Alla partenza Wickens tiene il comando, mentre Vergne lo segue minaccioso. Dietro Ricciardo precede Costa, Berthon, Rossi e Korjus. Si ferma subito McKenzie. I primi quattro formano un trenino molto compatto, in particolare Vergne è minaccioso su Wickens. Al quinto giro rossi decide di giocare d’astuzia e si ferma per primo al pit obbligatorio. Al giro successivo si ferma Costa, ma la ruota posteriore destra gli fa perdere tempo.

All’ottavo Giro si fermano Vergne e Ricciardo (2° e 3°) mentre Wickens prosegue. Anche Vergne ha problemi al pit stop e Ricciardo lo passa. Al giro successivo è il leader della corsa a fermarsi. Al comando vi sono Berthon e Korjus che hanno deciso di ritardare la sosta. Quando il canadese ritorna in pista è davanti a Rossi e a Ricciardo. Quest’ultimo è intanto costretto a difendersi da Vergne alle sue spalle. Quando anche Berthon va al pit rientra tra Ricciardo e Vergne, ovvero in quarta posizione.

La gara prosegue quindi senza particolari colpi di scena, con Wickens che incrementa il suo vantaggio su Rossi. Più indietro il trenino Ricciardo-Berthon-Vergne-Costa. La vittoria di Wickens lo proietta quindi al vertice della classifica di campionato, dopo che già nella gara di ieri aveva preso le redini del campionato superando Vergne.

Silverstone, gara 2

1. Robert Wickens – Carlin – 25 giri in 45’55.935
2. Alexander Rossi – Fortec – 2.034
3. Daniel Ricciardo – ISR – 14.576
4. Nathanael Berthon – ISR – 15.833
5. Jean Eric Vergne – Carlin – 16.210
6. Albert Costa – Epic – 17.015
7. Jake Rosenzweig – Mofaz – 18.400
8. Brendon Hartley – Charouz – 19.154
9. Cesar Ramos – Fortec – 19.702
10. Kevin Korjus – Tech1 – 22.927
11. Jan Charouz – Charouz – 23.718
12. Sten Pentus – Epic – 25.501
13. Walter Grubmuller – P1 – 30.769
14. Oliver Webb – Pons – 31.101
15. Daniel Zampieri – BVM – 41.822
16. Nick Yelloly – Pons – 42.105
17. Anton Nebylitskiy – KMP – 50.853
18. André Negrao – Draco – 51.330
19. Nelson Panciatici – KMP – 52.265
20. Fairuz Fauzy – Mofaz – 55.416
21. Sergio Canamasas – BV M – 55.970
22. Stephane Richelmi – Draco – 1’00.227
23. Arthur Pic – Tech1 – 1’26.734

Giro veloce: Jan charouz – 1’48.081

Ritirati

21° giro – Daniil Move
10° giro – Daniel DeJong
1° giro – Daniel McKenzie
Condividi in

Autore

Nato nel 1987, a Treviso, percussionista e cornista, appassionato di automobilismo sportivo segue per eracemotorblog: World Series by Renault, F2, GP3, F3 Italia e A1GP.

Lascia un Commento

*
To prove you're a person (not a spam script), type the security word shown in the picture. Click on the picture to hear an audio file of the word.
Anti-spam image