L’Editoriale – Spiegare l’inspiegabile

1

Domenica e lunedì. Sono due giorni che fisso un foglio bianco di Word in cerca delle parole giuste. Ormai è da un po’ di tempo che da queste pagine virtuali scrivo di due ruote, e sono abituata a spiegare molte cose. Spiegare come sono andate le qualifiche, riportare le notizie, scrivere le cronache di gara. Le moto e le parole: due cose, un unico mondo, il mio. Ma ora davvero non riesco ad esprimermi in nessun modo. Ho pensato molto a queste righe, a cosa scrivere, a come scrivere. Che parole usare. Che banalità non scrivere.

Ma il fatto è che non sono in grado di spiegarvi nulla questa volta. Spiegarvi la morte: no, non me l’hanno insegnato. Non sono in grado di farlo. E neanche ci provo.

Tutti sappiamo chi era Marco Simoncelli: che pilota era, e soprattutto che persona era. Talentuoso. Schietto. Forte. E dolce. Un pilota con la sua tattica, la tattica SIC: “Sbattiamocene I Coglioni”. Il pilota delle lotte infinite in 250, che al giornalista che gli chiedeva: “Barberà ha detto che hai aperto una gamba!”, lui rispondeva: “Si, sua sorella ha aperto la gamba”. Il talento del futuro, una promessa che non potrà più essere. Ma siccome anche queste parole mi sembrano troppo inutili e riduttive per tentare di spiegarvi qualcosa di SuperSic, credo che le uniche parole che possono farlo sono le sue, quelle del suo libro.

“ Il mio atteggiamento nei confronti della vita mi ha sicuramente aiutato. Credo che si debba essere sì coscienziosi in quello che si fa, ma anche che sia giusto non prendersi troppo sul serio, che si debba trovare una via di mezzo. Quando riesci a essere di buon umore, quando ridi e sei sereno le cose ti riescono anche meglio. Mi sono rotto lo scafoide, ho dovuto saltare una gara, è chiaro che mi tirava il culo, però alla fine se sei nella merda devi trovare il modo di venirne fuori, devi cercare di essere positivo, magari devi riuscire anche a riderci sopra. Non dico di ridere su tutte le cose che ti capitano, se no sei un deficiente, però, nella dose giusta, secondo me fa bene vedere le cose dal loro lato positivo e divertente.”

Diobò Sic, un sorriso te lo dobbiamo davvero tutti.

 

Beatrice Moretto

 

 

Foto: Sportmediaset.it 

Condividi in

Autore

reporter Moto Gp-Superbike

1 commento

Lascia un Commento

*
To prove you're a person (not a spam script), type the security word shown in the picture. Click on the picture to hear an audio file of the word.
Anti-spam image