IndyCar – I propositi di Vasser e Tracy

0

In una intervista al canale televisivo Speed, Jimmy Vasser ha delineato gli impegni in vista della prossima stagione in IndyCar del KV Racing Technology, confermando l’intenzione di continuare a schierare tre vetture e l’aggiunta di nuovi tecnici (è infatti arrivato dal Team Penske l’ex ingegnere di Tony Kanaan negli anni all’Andretti-Green Racing,  Eric Cowdin).  “Tony è pronto, mentre ci stiamo avvicinando a definire il contratto per confermare EJ Viso“, ha detto. “Stiamo inoltre lavorando per completare il budget per la terza vettura. Al riguardo abbiamo alcune interessanti opportunità, e con ogni probabilità sulla nostra terza vettura ci sarà un rookie, proveniente dalla Indy Lights o dall’Europa. Avere tre auto è il nostro modello di business, e avremo tre vetture l’anno prossimo. Stiamo inoltre completando la nostra squadra di ingegneri. Ci saranno alcune novità in arrivo, ed alcune conferme. Alcuni saranno confermati, come Garrett Mothersead, ed avremo anche qualche giovane. Mi sento molto fiducioso sulla squadra che stiamo mettendo sù.

Sempre al canale televisivo Speed, Paul Tracy ha dichiarato di essere in grado di fornire una buona fetta di budget ad una squadra che sarà interessata. “Abbiamo incontrato Bobby Rahal più volte“, ha detto Tracy. “C’è stato anche un incontro faccia a faccia con uno dei miei sponsor che è andato bene e tutti sembravano molto desiderosi di fare qualcosa. Ma il budget necessario è superiore a quello che possiamo portare in questo momento (circa 2 milioni di dollari contro i 5-6 richiesti). Penso che la maggior parte proprietari siano in attesa di vedere quale affare sia migliore, e se fossi un proprietario probabilmente farei la stessa cosa.  C’è ancora un po’ di tempo prima del via della prima gara, e solitamente la situazione non si delinea fino al mese prima dell’inizio della stagione. Questo non mi preoccupa, è una situazione che ho già vissuto prima, soprattutto negli ultimi anni. E’ così per molte squadre. Fa parte delle regole del gioco.”

Per quanto riguarda altre situazioni, il Dreyer&Reinbold Racing potrebbe avere una accoppiata tutta inglese formata da Justin Wilson e Kathrine Legge, anche se Wilson resta in trattativa anche con il Micheal Shank Racing (insieme ad un altro pilota britannico, Jay Howard). L’HVM Racing sta invece lavorando per poter schierare, almeno part time, una seconda vettura oltre quella portata in pista da Simona de Silvestro.

Marco Strazzulla

Condividi in

Autore

Lascia un Commento

*
To prove you're a person (not a spam script), type the security word shown in the picture. Click on the picture to hear an audio file of the word.
Anti-spam image