IndyCar – Sato il più veloce nei test di Sebring

0

Takuma Sato (Rahal Letterman Lanigan Racing) ha fatto segnare il miglior tempo alla fine della due giorni di test disputati sul Sebring International Raceway. In pista sono scesi 5 piloti motorizzati Honda (Sato più i quattro piloti del Ganassi Racing, Dario Franchitti, Scott Dixon, Graham Rahal e Charlie Kimball) e 2 Lotus (Oriol Servia  per il Dreyer&Reinbold e Simona de Silvestro per l’HVM Racing). Il pilota giapponese ha girato in 51.98, precedendo di tre decimi Dixon e di quattro Rahal (il più veloce il primo giorno) e Kimball. “Abbiamo avuto un’altra giornata molto produttiva“, ha detto Sato il venerdì. “Abbiamo fatto più chilometri di ieri e fatto buoni progressi per l’intera giornata. Abbiamo portato avanti il nostro piano di prova e imparato molte cose. C’era poco vento, ma la pista è rimasta molto consistente, il che ci ha aiutato molto. La squadra ha fatto un ottimo lavoro e abbiamo avuto un quattro giorni di test molto produttivi, considerando pure i due giorni all’inizio della settimana al Barber Motorsport Park, senza alcun problema principale. Sono molto soddisfatto della nostra partenza.” Qualche problema è stato registrato durante i test sui motori Honda dal sistema elettronico fornito dalla McLaren, i cui bug (nonostante la revisione del software  prima dell’inizio dei test) hanno creato problemi sia a Franchitti il giovedì che a Rahal il venerdì. Per quanto riguarda i motori Lotus, Servia ha girato in 53.3, mentre la de Silvestro in 53.0. “Direi che stiamo facendo rapidi progressi con il telaio“, ha detto il pilota spagnolo. “Non così tanto da imparare tutto in una volta, ma stiamo capendo come reagisce e risponde ai cambiamenti in generale. Abbiamo anche lavorato molto con gli ingegneri della Lotus e stiamo cercando di costruire tutto il nostro database sulla macchina il più velocemente possibile.”

Due giorni di test completati pure a Phoenix per JR Hildebrand (Panther Racing) e Marco Andretti (Andretti Autosport), entrambi con i motori chevrolet. Nessun problema è stato riscontrato per entrambi i piloti, ad eccezione di un piccolo guasto ad un sensore per Hildebrand. “E’ stato qualcosa di diverso rispetto all’ultima volta che sono stato qui con la vecchia vettura“, ha affermato il pilota del Panther Racing. “E’ difficile fare un paragone, ma la nuova vettura mi piace molto e sono rimasto piacevolmente sorpreso. Abbiamo provato alcuni accorgimenti per gli ovali corti. Nel complesso ho trovato la macchina abbastanza sensibile ai cambiamenti. Abbiamo anche cercato anche di spingere un pò, e la macchina ha lavorato bene. Tutto sommato, abbiamo avuto una giornata piuttosto solida.

Condividi in

Autore

Lascia un Commento

*
To prove you're a person (not a spam script), type the security word shown in the picture. Click on the picture to hear an audio file of the word.
Anti-spam image