F1 – Monza: Hamilton domina la gara, Perez straordinario secondo, Alonso toglie il podio a Massa

0

A cura di Vincenzo Carlesimo

Lewis Hamilton vince per la prima volta sul circuito di Monza dominando la gara fin dalla partenza e mantenendo per tutti i 53 giri un ritmo inarrivabile per chiunque, l’unico a provare nel finale a beffare l’anglo-caraibico è Sergio Perez che con una strategia con il primo stint molto più lungo degli altri ottiene uno splendido secondo posto, superando le due Ferrari lanciate entrambe verso il podio.

Il campione del mondo 2008 scatta in maniera perfetta difendendosi nel migliore dei modi da Felipe Massa che aveva tentato una partenza aggressiva stile Budapest di quello stesso anno quando fu proprio il brasiliano a duellare con l’inglese per il titolo iridato; il Ferrarista comunque riesce a superare Jenson Button che ha avuto un esitazione al via.

Partono molto bene sia Räikkönen sia Alonso, con il finlandese che ha provato a superare Schumacher e Vettel ma il tedesco in maniera aggressiva riesce a tenerlo dietro; mentre l’asturiano nei primi giri in maniera molto decisa passa in ordine Di Resta, Räikkönen che dopo lo sprint iniziale ha perso un po’ di smalto nei giri seguenti e l’eptacampione della Mercedes.

Lewis Hamilton continua a fare la sua gara in solitario senza alcun avversario, più in difficoltà Massa che deve tener dietro un Button molto veloce e determinato che riesce a passarlo nonostante la McLaren abbia di nuovo pasticciato al pit stop.

Dietro si accende una dura lotta tra Vettel ed Alonso con il Ferrarista che prima prova alla prima variante e il tedesco con una grandissima staccata riesce a difendersi; successivamente Alonso tenta alla curva di Lesmo con Vettel che si difende in maniera aggressiva ma leale, lasciando lo spazio allo spagnolo di proseguire la sua azione tenendo almeno mezza vettura in pista, lo spagnolo però allarga la traiettoria finendo nella sabbia e gli steward decidono di infliggere un drive-through per Vettel.

Lo scorso anno ci fu un episodio simile: Alonso portò fuori in sabbia Sebastian Vettel e in quel caso non ci furono penalità, ci vorrebbe equità di giudizio sebbene siamo in Italia la penalità di Vettel è sinceramente fuori luogo. Fernando non ha bisogno di aiuti da parte dei commissari di gara per vincere il mondiale, falsare il campionato con penalità esagerate come la squalifica di Grosjean, anche in quel caso per aver buttato fuori Alonso, non rende credibile questo sport.

In Ferrari successivamente c’è stato il solito teatrino con il team radio a Massa dicendogli: “Fernando è dietro di te di 1 secondo può usare il Drs”, un modo in codice per dire fallo passare, il team di Maranello sperava così di portare entrambe le vetture sul podio ma non aveva fatto i calcoli con Sergio Perez; il messicano nel finale di gara gira nettamente più veloce di tutti gli altri passando prima Massa, poi Alonso e avvicinandosi pericolosamente ad Hamilton quando ormai la gara è finita e deve accontentarsi del secondo posto dietro al pilota McLaren.

Alonso priva il podio al suo compagno di squadra, con Massa che da Spa è tutto un altro pilota: più deciso, aggressivo e costante per tutta la gara, il tentativo di sorpasso ad Hamilton ad inizio gara lo conferma. Da Singapore in poi speriamo di rivederlo sul podio almeno in qualche occasione.

Quinto posto per Kimi Räikkönen che, nonostante non disponga della migliore vettura del lotto, con questo risultato sale in terza posizione nel mondiale ad 1 solo punto da Hamilton e con lo stesso margine di vantaggio su Vettel che dopo il drive-through è costretto anche a ritirarsi per il solito problema all’alternatore.

Ritirati per problemi meccanici anche Button e l’altra Red Bull di Webber e Vergne andato in testacoda alla prima staccata.

Buona gara per la Mercedes che ottiene un sesto posto con Schumacher ed il settimo con Rosberg; Paul di Resta, Kobayashi e Bruno Senna chiudono la top ten.

In Classifica Generale Alonso resta leader con 37 punti di vantaggio su Hamilton, che risale in seconda posizione, terzo posto per Räikkönen a 38 punti dal ferrarista. Chissà se rivivremo un finale di stagione simile al 2007, in quel mondiale deciso all’ultima gara e vinto proprio dal finlandese che vinse al debutto in Ferrari il primo titolo mondiale.

Trovi altri articoli qui: Facebook/Twitter: @Vincy85

Pilota Team Tempo Giri
1. Lewis Hamilton McLaren-Mercedes 1:19:41.221 53
2. Sergio Perez Sauber-Ferrari + 4.3 secs 53
3. Fernando Alonso Ferrari + 20.5 secs 53
4. Felipe Massa Ferrari + 29.6 secs 53
5. Kimi Räikkönen Lotus-Renault +30.8 secs 53
6. Michael Schumacher Mercedes + 31.2 secs 53
7. Nico Rosberg Mercedes + 33.5 secs 53
8. Paul di Resta Force India-Mercedes + 41.0 secs 53
9. Kamui Kobayashi Sauber-Ferrari + 43.8 secs 53
10. Bruno Senna Williams-Renault + +48.1 secs 53
11. Pastor Maldonado Williams-Renault + 48.6 secs 53
12. Daniel Ricciardo STR-Ferrari + 50.3 secs 53
13. Jéröme D’Ambrosio Lotus-Renault + 75.8 secs 53
14. Heikki Kovalainen Caterham-Renault +1 Giro 52
15. Vitaly Petrov Caterham-Renault +1 Giro 52
16. Charles Pic Marussia-Cosworth +1 Giro 52
17. Timo Glock Marussia-Cosworth +1 Giro 52
18. Pedro de la Rosa HRT-Cosworth +1 Giro 52
19. Narain Karthikeyan HRT-Cosworth +1 Giro 52
20. Mark Webber Red Bull Racing-Renault + 2 Giri 51
21. Nico Hülkenberg Force India-Mercedes + 3 Giri 50
22. Sebastian Vettel Red Bull Racing-Renault +6 Giri 47
Rit. Jenson Button McLaren-Mercedes + 21 Giri 32
Rit. Jean-Eric Vergne STR-Ferrari + 45 Giri 8
Condividi in

Autore

Lascia un Commento

*
To prove you're a person (not a spam script), type the security word shown in the picture. Click on the picture to hear an audio file of the word.
Anti-spam image