Amarcord – “Lukas Sembera: un sogno spezzato”

0

Probabilmente nessuno si ricorderà di lui. Ancora più probabilmente nessuno lo avrà mai sentito nominare. Eppure Lukas Sembera, che proprio oggi compie 20 anni, è lo sfortunato protagonista della vicenda di cui state per venire a conoscenza.

Ho solo 4 anni in meno di lui perciò nelle sue prime gare lo osservavo attentamente in TV, poichè tra i tanti piloti lui era il più giovane, nuovo nell’ambiente, l’anello di congiunzione tra me, giovane appassionato e i piloti professionisti. Lui era lì per diventarlo, un pilota professionista, e dimostrare il suo valore tra giovani già affermati e ben più blasonati di lui.

Come tanti talentuosi giovani appassionati di corse, Lukas si avvicina sin da bimbo alle moto e riesce con l’aiuto del padre a cominciare a gareggiare dapprima nei campionati minori, per poi far conoscere il suo nome in Europa con la Red Bull Rookies Cup. Buoni piazzamenti nel suddetto trofeo gli permettono, a soli 16 anni, di debuttare in 125 con il team Matteoni Racing nella stagione 2009, che lo appoggia con piena fiducia.

Sfortunatamente i risultati in campionato tardano ad arrivare, poichè Lukas continua a raccogliere solo piazzamenti ai margini della zona punti, che non gli permettono di soddisfare le attese di chi lo circonda. Ma ecco che il 19 Settembre 2009, la vita e la carriera di Lukas cambiano completamente. Chiunque potrebbe pensare che finalmente la Fortuna ha deciso di porgergli la mano, ma purtroppo non è così; a volte, si sa, il destino è beffardo e non rende giustizia, e così è nel caso del giovane ragazzo ceco.  Durante un’esibizione a Brno, la sua città natale, in una gara motociclistica tra le tante della serata, Lukas, in testa alla competizione, cade rovinosamente a terra. Portato subito in ospedale, gli vengono diagnosticate la fratture della quarta e della quinta vertebra, che dopo lunghi interventi lo costringono ad una vita sulla sedia a rotelle, nell’incapacità di muovere il corpo dal bacino in giù.

La notizia è terribile, piloti, amici, giornalisti, tutto il web si stringe attorno al giovane ragazzo che inseguendo il suo sogno non ha purtroppo avuto la fortuna che meritava. Ma da quel 20 Settembre, nessuno sente più parlare di Lukas, nessuna nuova notizia, nessuna immagine, nè su Twitter nè su Facebook. Ebbene, tutti hanno dimenticato la triste storia di un ragazzo che nonostante il destino ha deciso di vivere la sua vita al meglio delle sue possibilità.

Dopo l’incidente Lukas ha più volte tentato il suicidio, ma aiutato dai genitori e dagli amici ha superato i momenti più difficili. Ora è cominciata la sua seconda vita, da giocatore del SK Hobit Brno, una delle più importanti società di basket per ragazzi con disabilità motorie della Repubblica Ceca.

Sono passati tre anni, Lukas è nuovamente felice, ha ritrovato la voglia di vivere e una motivazione nuova che lo spinge ad affrontare, giorno dopo giorno, un’esistenza che non si può definire semplice. Ciò che più conta è che sia finalmente tornato il sorriso sul volto di questo ragazzo, quel sorriso con cui ha per anni inseguito il suo sogno, quel sorriso con cui, gara dopo gara, ha conquistato i suoi tifosi, quel sorriso che ci tocca fin dentro al cuore, ricordandoci che non è mai davvero finita.

Buon compleanno Lukas.

Io non ti ho mai dimenticato.

Fabio Valente (twitter @hwfabio)

Condividi in

Autore

16 anni e tanta passione per il mondo delle corse. Appassionato in maniera particolare di NASCAR, Indycar, F1 e SBK.

Lascia un Commento

*
To prove you're a person (not a spam script), type the security word shown in the picture. Click on the picture to hear an audio file of the word.
Anti-spam image