F1 – “Da 0 a 10” – Le pagelle del Gp d’India

0

Abbiamo vissuto una gara intensa a Nuova Dheli, stando attaccati al televisore senza perdere quell’attimo che poteva essere vitale. Come quello in cui Alonso ha fatto di un sol boccone Webber, una volta che l’australiano ha perso l’uso del kers; come l’istante in cui il fondo di Vettel scintillava come se fosse capodanno. Non è stata una gara spettacolare, ma intensissima, tattica ed astuta: d’altronde di mezzo c’è un titolo mondiale. Con altrettanta intensità ci accingiamo a dare i nostri giudizi del lunedì. “Da 0 a 10”, capitolo 17: India.

VOTO 0 AI CRONISTI RAI

Di certo non rimpiangeremo le ipotesi assurde avanzate dalla cabina di regia, come la mancanza di maturità di Vettel ed i dubbi sulla regolarità del fondo RedBull, legate alle scintille sulla vettura del campione del mondo. Probabilmente al bar sotto casa c’è gente meno allegra.

FANTASIOSI

VOTO 1 A JEAN ERIC VERGNE

Si “vendica” con Schumacher infilzandolo alla partenza, ovviamente non facendolo di proposito. Rovina così l’ala anteriore ed è costretto a cambiarla dopo lo partenza. La sua gara nelle retrovie è tutta di rimonta, poi tutto il resto è noia canterebbe Califano. Per il ciclo: “Chi di tamponamento ferisce, di tamponamento perisce”.

DISTRATTO

VOTO 2 A SERGIO PEREZ

Dopo l’ingaggio da parte della McLaren il messicano si è letteralmente scatenato da Suzuka ad oggi. La troppa foga però ha causato prima la foratura della posteriore destra nel tentativo di sopravanzare Ricciardo, poi la distruzione del fondo vettura nel giro di rientro ai box. Serenità, calma e pazienza sembrano parole ormai perse nel dizionario di Checo. Speriamo che tornino al più presto.

ADRENALINICO

VOTO 3 AL TEAM MERCEDES

La W03 è come un ubriaco che si sbatte a destra e manca in cerca di un supporto. Il progetto (per il terzo anno consecutivo) si è rivelato ancora una volta pessimo e se Schumacher è sfortunato, Rosberg è vittima di una inferiorità tecnica che lo costringe fuori dalla zona punti.

ECLISSATO

VOTO 4 AI CONTI FERRARI

Se da un lato Alonso può spingere al massimo dando la caccia alla RedBull, dall’altro Felipe Massa è costretto a tenere a bada la Lotus di Raikkonen cercando di non spingere troppo perchè il carburante imbarcato potrebbe non bastare. Un errore importante che i meccanici in rosso non possono permettersi in questo finale di stagione.

SBAGLIATI

VOTO 5 A PAUL DI RESTA

Dopo Singapore il nulla. E di mezzo ci sono gli annunci di McLaren, Mercedes e Ferrari che hanno probabilmente spento le voglie di Paul, convinto di essere pronto per un Top-Team. Chiude anonimamente dodicesimo, mentre Hulkenberg porta ottava la Force India nella gara di casa.

LATITANTE

VOTO 6 A KIMI RAIKKONEN

Poteva fare poco, poiché la sua Lotus non vale la Ferrari in difficoltà. Resta sempre pronto a sfruttare il momento giusto, lo fa quando Massa rientra in pista dopo il cambio gomme, ma il sorpasso gli riesce solo per poche curve, poiché il brasiliano poi lo brucia sul dritto. Il resto della gara è come un lunedì mattina in tangenziale.

ACCODATO

VOTO 7 A BRUNO SENNA

A volte ritorna(no). Il brasiliano gioca bene le proprie carte, lottando con Rosberg, Maldonado e Grosjean per la zona punti. Conquista così la decima piazza che potrà usare come bonus al fine della riconferma per il prossimo anno.

DECISO

VOTO 8 AL CAMBIO VOLANTE DI HAMILTON

Una volta il cambio del volante era un qualcosa di preoccupante per un pilota. Un’ operazione molto delicata. In casa McLaren però hanno battuto ogni record con un cambio talmente veloce che potrebbe far riflettere Ecclestone per il futuro. E’ stato un attimo: la vettura si ferma, Hamilton toglie il volante, un meccanico mette il nuovo e via. Perfetti. Impeccabili. Ammalianti.

SPETTACOLARE

VOTO 9 A FERNANDO ALONSO

Attenzione morde. E fa anche male. Chiedere a Button, Hamilton e Webber per ulteriori conferme. Lo spagnolo avanza all’arma bianca dalla quinta posizione, rulla tutti, tiene il passo delle RedBull e approfitta in men che non si dica dell’inconveniente occorso a Webber. Sta dando di tutto e di più Fernando, nonostante la sua Ferrari in qualifica non è performante quanto in gara. Questa stagione è senza dubbio la migliore della sua carriera, e per questo combatterà per ogni punto.

TERMINATOR

VOTO 10 A SEBASTIAN VETTEL

Senza Lode per colpa di Button. Già, perchè il tedesco è stato perfetto fin dal venerdì quando ha deciso che doveva essere il primo ovunque e comunque, risultando così il migliore dalla prima sessione di libere fino alla gara. Da quattro gran premi non molla la testa della corsa e scappa sia sull’asfalto che in classifica, dove spera di non mollare la testa fino all’El Dorado.

ACCANITO

Condividi in

Autore

Lascia un Commento

*
To prove you're a person (not a spam script), type the security word shown in the picture. Click on the picture to hear an audio file of the word.
Anti-spam image