F1 – Brasile, gara: Vince Button, Vettel ancora campione

0

Può succedere di tutto” si auspicavano in casa Ferrari ed infatti quel “di tutto” è successo, seppur il fine non sia stato quello voluto. Non è stata quindi una passaggiata per nessuno né per Vettel, fresco campione del mondo, né per Alonso che in Brasile conquista un podio non felice come avrebbe voluto. Il tedesco della RedBull risulta così il più giovane pilota ad aggiudicarsi tre titoli mondiali consecutivi, ma nonostante l’età ha messo in mostra tanta maturità perchè la sua gara oggi non è stata per niente facile. Nemmeno Fernando ha avuto vita facile, perchè oggi le McLaren erano davvero imprendibili e soltanto il crash tra la sorpresa di giornata Hulkenberg ed Hamilton ha riacceso le speranze dello spagnolo nel finale, quando gli si sono aperte le strade del podio. Come logica vuole Massa ha ceduto il passo al compagno, ma un po’ più dietro Vettel ha guadagnato la sesta posizione rendendo così vani i 18 punti conquistati dallo spagnolo.

QUI VETTEL Si diceva che quella del tedesco è stata una gara in salita, perchè Senna dopo poche curve è letteralmente piombato sulla RedBull numero uno, danneggiando visibilmente la zona degli scarichi del campione del mondo che così si è ritrovato in fondo al gruppo dopo essersi girato per via del contatto. Vettel però non si è perso d’animo, risalendo rapidamente in zona punti prima che il tempo cominciasse a fare le bizze. Già, il tempo: grande protagonista di giornata, soprattutto quando nel finale è tornato a piovere ed in casa RedBull hanno perso più di dieci secondi nel terzo ed ultimo pitstop di Vettel perchè le gomme non erano ancora pronte. Una scena che ha ricordato Irvine al Nurburgring nel ’99. Il tedesco è così rientrato in pista, ha guadagnato la settima posizione, quindi la sesta rimediata su Schumacher alla sua ultima gara in carriera. Il team gli comunica di mantenere la posizione, lui lo fa, tagliando così il traguardo con i punti necessari per non perdere la testa.

QUI ALONSO Non ha perso la testa neanche Fernando Alonso che ha vissuto una gara lontana dalle prime posizioni, complice la scelta errata di montare troppo presto gli pneumatici intermedi così come hanno fatto molti drivers. Hanno fatto la scelta giusta, invece, Button e Hulkenberg che così si sono trovati con un vantaggio di 45” sul gruppo dopo appena 23 tornate. Le grandi doti di comunicatore di Fernando si sono viste quando ha lamentato la presenza di molti detriti sul tracciato, cosa che ha indotto il direttore di gara a far entrare la Safety-car e quindi a ricompattare il gruppo. Poi il crash tra Hulkenberg ed Hamilton, che ha estromesso l’inglese dalla corsa, gli ha consegnato il podio, ma come già detto non è bastato, così come non è bastato il favore di Massa che oggi sulla pista di casa ha dato il meglio di sé chiudendo terzo. Il team di Maranello conquista così il secondo posto nel mondiale costruttori come unico dolcificante del weekend brasiliano.

INCERTEZZA Si è così assistito ad una gara incerta e confusa, come ha mostrato Raikkonen che ha preso una via di fuga senza uscita. L’incertezza è rimasta fino alla fine, quando Di Resta, al penultimo giro, ha perso il controllo della vettura sull’Archibancadas ed è andato a muro cospargendo la pista di detriti. Il secondo ingresso della Safety-Car è stato quindi inevitabile, ma in quel momento mancava un giro al termine. Troppo poco per sperare in altre sorprese, perchè la gara si è chiusa in regime di bandiere gialle. Per la delusione di Fernando, per la gioia di Sebastian.

 

Pos Piloti Team Durata
 1.  Button        McLaren-Mercedes           1h45:22.656
 2.  Alonso        Ferrari                    +     2.754
 3.  Massa         Ferrari                    +     3.615
 4.  Webber        Red Bull-Renault           +     4.936
 5.  Hulkenberg    Force India-Mercedes       +     5.708
 6.  Vettel        Red Bull-Renault           +     9.453
 7.  Schumacher    Mercedes                   +    11.900
 8.  Vergne        Toro Rosso-Ferrari         +    28.600
 9.  Kobayashi     Sauber-Ferrari             +    31.200
10.  Raikkonen     Lotus-Renault              +     1 lap
11.  Petrov        Caterham-Renault           +     1 lap
12.  Pic           Marussia-Cosworth          +     1 lap
13.  Ricciardo     Toro Rosso-Ferrari         +     1 lap
14.  Kovalainen    Caterham-Renault           +     1 lap
15.  Rosberg       Mercedes                   +     1 lap
16.  Glock         Marussia-Cosworth          +    2 laps
17.  De la Rosa    HRT-Cosworth               +    2 laps
18.  Karthikeyan   HRT-Cosworth               +    2 laps
19.  Di Resta      Force India-Mercedes       +    3 laps

Giro veloce: Hamilton, 1:18.069

Non classificati/ritirati:

Piloti Team Al giro
Hamilton      McLaren-Mercedes             55
Grosjean      Lotus-Renault                6
Maldonado     Williams-Renault             2
Senna         Williams-Renault             1
Perez         Sauber-Ferrari               1

Classifiche mondiali: 

Piloti: Costruttori: 
 1.  Vettel       281        1.  Red Bull-Renault          460
 2.  Alonso       278        2.  Ferrari                   400
 3.  Raikkonen    207        3.  McLaren-Mercedes          378
 4.  Hamilton     190        4.  Lotus-Renault             303
 5.  Button       188        5.  Mercedes                  142
 6.  Webber       179        6.  Sauber-Ferrari            126
 7.  Massa        122        7.  Force India-Mercedes      109
 8.  Grosjean      96        8.  Williams-Renault           76
 9.  Rosberg       93        9.  Toro Rosso-Ferrari         26
10.  Perez         66       
11.  Hulkenberg    63       
12.  Kobayashi     60       
13.  Schumacher    49       
14.  Di Resta      46       
15.  Maldonado     45       
16.  Senna         31       
17.  Vergne        16       
18.  Ricciardo     10

 

Condividi in

Autore

Lascia un Commento

*
To prove you're a person (not a spam script), type the security word shown in the picture. Click on the picture to hear an audio file of the word.
Anti-spam image