IndyCar – Indianapolis, Practice Day 6: Alti e bassi per i rookie

0

FULL (1)

Il rookie Carlos Munoz ha fatto segnare il miglior tempo in assoluto di questo mese di Maggio nella sesta giornata di proveli bere per la 500 Miglia di Indianapolis. Il pilota colombiano ha fatto segnare la media di 225.163 mph, precedendo il suo compagno di squadra all’Andretti Autosport Marco Andretti (225.100 mph), Helio Castroneves (225.075 mph), l’altro compagno di squadra Ryan Hunter-Reay (225.006mph) e Scott Dixon, primo dei motori Honda (224.468 mph). “Ogni volta che scendo in pista mi sento come se fosse casa mia“, ha sottolineato il pilota colombiano. “Non al 100% come in Indy Lights, ma ci sto arrivando. Sono abbastanza vicino a dire questa è la mia casa. Ogni volta che guido mi sento sempre più a mio agio, ed imparo qualcosa di nuovo. Sto molto attento a quello che i miei compagni di squadra fanno. Penso che devo migliorare ancora, devo capire alcune cose, perché è molto importante in vista della gara. Anche oggi ho avuto un po’ di scia. Quando sei dietro altre vetture il comportamento non è mai al 100% lo stesso. Sicuramente ci sono alcuni momenti di paura, a volte. Ma il momento peggiore è stato il secondo giorno con Marco quando sono andato con due ruote sull’erba. Sono stato fortunato. Ma se capita una seconda volta vado a muro di sicuro.” Conor Daly è stato protagonista del primo incidente di questo mese di Maggio. Il pilota dell’A.J. Foyt Racing è finito a muro alla curva 1, impattando violentemente con il lato destro della vettura. Il pilota non ha subito problemi fisici e la vettura sarà riparata in tempo per scendere in pista venerdì. “Sono contento che la macchina non sia così danneggiata come potrebbe essere stata dopo essere volata in aria“, ha detto Daly. “Avevamo appena fatto un cambiamento sulle molle nella parte posteriore. Stavo solo cercando di capire come andava la macchina e c’era una vettura davanti a me. C’era un po’ di vento, c’è stata una raffica ed ho perso la vettura. Ho cercato di salvare la situazione e ci sarei riuscito se avessi avuto altri 100 metri in più. So che i ragazzi lavoreranno sodo per permettermi di scendere in pista domani. Penso che dovrebbe andare tutto bene.” Primi giri in pista per Buddy Lazier, che ha effettuato tre giri di installazione. Il vincitore dell’edizione 1996 scenderà in pista venerdì, con due ore addizionali per effettuare il tradizionale test per i piloti che sono assenti da lungo tempo. “C’è molto da fare in un breve lasso di tempo“, ha detto Lazier. “I ragazzi hanno fatto un ottimo lavoro. Non abbiamo molto tempo e quindi non vogliamo commettere errori. Non ci sono scorciatoie.”

Marco Strazzulla

Condividi in

Autore

Lascia un Commento

*
To prove you're a person (not a spam script), type the security word shown in the picture. Click on the picture to hear an audio file of the word.
Anti-spam image