NASCAR – Watkins Glen, Gara: Kyle Busch vince nella terra di Ambrose una gara dal finale mozzafiato.

0

Appena terminata sul magico tracciato di Watkins Glen, la Cheez-it 355 ha eletto al termine dei 90 giri previsti il proprio vincitore: a festeggiare con burnout e passeggiata in Victory Lane è stato Kyle Busch, capace di conquistare una doppia rivincita togliendosi allo stesso tempo qualche sassolino dalla scarpa. Proprio un anno fa, sullo stesso circuito, il minore dei fratelli Busch aveva visto una possibile vittoria sfumare all’ultimo giro a seguito di un contatto con Brad Keselowski mentre i due lottavano per la leadership. Il contatto lo aveva spedito, notevolmente irritato, a muro. Nella giornata di ieri, scattando dalla prima fila, l’irruento Kyle era finito in testacoda alla prima curva della prima tornata, danneggiando irreparabilmente la vettura e mandando in fumo un’ulteriore chance di vittoria. Imparata la lezione in una notte, il pilota della vettura numero #18 ha saputo mantenere il sangue freddo per tutti i 90 giri, rimanendo lontano dai numerosi incidenti che hanno caratterizzato la giornata di oggi, e al contempo difendere la vittoria negli ultimi due giri dai pressanti attacchi di Brad Keselowski, giunto secondo al traguardo a pochi centesimi dalla sua #18.

CRONACA DI GARA

Allo sventolare della green-flag il favorito della vigilia Marcos Ambrose ha mantenuto la prima posizione davanti a Bowyer e Truex Jr., riuscendo ben presto ad aprire alle sue spalle un discreto margine sugli inseguitori, vanificato ben 2 volte dalle cautions causate da Reutimann, al sesto giro, e da Jeff Gordon, al quattordicesimo giro. Il cinque volte campione NASCAR ha commesso un banale errore tra la curva 2 e la curva 3 del tracciato, ritrovandosi impossibilitato a controllare la sua auto, lanciata ad alta velocità contro le barriere esterne. L’incidente ha lasciato Jeff Gordon con la macchina semi-distrutta, ma ciò non ha fermato l’alacre lavoro della sua crew, che ha riparato alla meglio la vettura rimandando in pista, seppur a vari giri di distacco dal leader, l’esperto pilota del team HMS.

La ripartenza del giro 17 ha visto sempre Ambrose in testa intento ad allungare sui diretti inseguitori, in particolare Truex e Montoya, stabili nell’occupare le posizioni nella top five. Al giro 31 un contatto tra McMurray e Keselowski, sesto e settimo  al momento, ha spedito il secondo in testacoda, costringendolo ad una gara in rimonta dalla ventiduesima poszione. Persino un’ulteriore caution al giro 40 non è riuscita a cambiare le carte in tavola: l’incidente nelle retrovie che ha coinvolto Fellows, Drissi, Kvapil e Gonzalez Jr., ha provocato l’esposizione della red flag per una ventina di minuti, necessari per rimuovere l’olio fuoriuscito dalla vettura di Gonzalez Jr., lasciando comunque invariate le posizioni di testa, con Ambrose ancora in prima posizione alla ripartenza successiva.

A cambiare la gara in favore di  Busch e del rimontante Keselowski è la caution del giro 60, necessaria a seguito dell’incidente alla curva 3 di Aric Almirola. La bandiera gialla, sventolata proprio appena Brad e Kyle uscivano dalla pit lane a seguito del loro pit, costringeva Montoya, Allmendinger e Ambrose, fino a quel momento protagonisti nella top 3 della gara, ad effettuare lo stop e ritrovarsi immischiati all’altezza della decima posizione nel ruggente gruppo di stock cars alla ripartenza seguente. Busch è ripartito dalla testa della corsa con accanto Brad Keselowski, congelando le posizioni fino al giro 78, in cui il secondo incidente di giornata di Kvapil ha costretto la direzione gara a sventolare un’ulteriore bandiera gialla sotto l’assolato cielo di Watkins Glen. La ripartenza del giro 80 ha lasciato i piloti battagliare per sole 2 curve, cioè fino a quando il testacoda di Kasey Kahne non ha coinvolto anche Dale Earnhardt Jr e causato la settima caution di giornata.

A 10 giri dalla fine, con i protagonisti ancora in difficoltà ai margini della top ten, la vittoria diveniva affare tra Busch, Keselowski e Truex. Il restart del giro 85 non è però la ripartenza decisiva, poichè ancora alla curva 2 un contatto questa volta tra Max Papis ed Ambrose a centro gruppo spedisce il secondo a muro. Nella carambola, costretto al ritiro insieme al tasmaniano vi è Brian Vickers, al volante della #55 e protagonista di una gara sempre dentro la top 10. L’ultimo restart regala agli appassionati due giri di fuoco sul magico tracciato del “Glen”, con Keselowski impegnato allo stesso tempo a difendere la seconda posizione da Truex ed ad attaccare Busch per la vittoria, riuscendo nella prima missione ma fallendo nella seconda per maturità, come ammesso nella intervista post-gara. “Sapevo che se gli avessi tolto la vittoria con una mossa poco ortodossa, Kyle avrebbe ricambiato il favore in una delle prossime gare. Non è ciò di cui ho bisogno al momento”, ha affermato Brad.

La gara di oggi lascia estremamente soddisfatti i primi tre classificati per differenti ragioni: Busch grazie alla vittoria odierna si assicura un posto nella imminente Chase for the Sprint Cup Series, Keselowski risale in ottava posizione in classifica, in piena zona Chase e si consola con la vittoria ottenuta ieri in Nationwide Series, mentre Truex entra tra i papabili per la Chase recuperando, grazie al terzo posto di oggi, ben quattro posti. A tornare a casa da Watkins Glen con l’amaro in bocca sono in particolare, oltre al favorito Ambrose che abbandona ogni velleità di partecipare alla Chase, i 4 piloti dell’HMS: Johnson si accontenta di un ottavo posto che vale oro, mentre traditi dalle insidie del circuito stradale concludono malamente il weekend Earnhardt Jr., Kahne e Gordon, nell’ordine trentesimo, trentaquattresimo e trentaseiesimo. Prossimo appuntamento targato Sprint Cup Series domenica prossimo da Michigan!

A cura di Fabio Valente –

ORDINE D’ARRIVO DELLA CHEEZ-IT 355

1 18 Kyle Busch Toyota 5 90 29
Position Up
Running 47 4
2 2 Brad Keselowski Ford 8 90 0
Position Up
Running 42 0
3 56 Martin Truex Jr Toyota 3 90 0
Position Up
Running 41 0
4 99 Carl Edwards Ford 16 90 0
0
Running 40 0
5 42 Juan Pablo Montoya Chevrolet 11 90 1
Position Up
Running 40 1
6 15 Clint Bowyer Toyota 2 90 0
0
Running 38 0
7 22 Joey Logano Ford 9 90 0
Position Up
Running 37 0
8 48 Jimmie Johnson Chevrolet 18 90 0
0
Running 36 0
9 78 Kurt Busch Chevrolet 13 90 0
Position Up
Running 35 0
10 47 AJ Allmendinger Toyota 4 90 0
Position Up
Running 34 0
11 1 Jamie McMurray Chevrolet 6 90 1
Position Up
Running 34 1
12 13 Casey Mears Ford 30 90 0
0
Running 32 0
13 29 Kevin Harvick Chevrolet 26 90 8
0
Running 32 1
14 39 Ryan Newman Chevrolet 14 90 0
Position Up
Running 30 0
15 14 Max Papis Chevrolet 29 90 0
0
Running 0 0
16 16 Greg Biffle Ford 17 90 0
Position Up
Running 28 0
17 27 Paul Menard Chevrolet 7 90 0
0
Running 27 0
18 17 Ricky Stenhouse Jr Ford 33 90 0
Position Up
Running 26 0
19 11 Denny Hamlin Toyota 20 90 0
0
Running 25 0
20 10 Danica Patrick Chevrolet 35 90 0
0
Running 24 0
21 34 David Ragan Ford 31 90 0
0
Running 23 0
22 32 Boris Said Ford 27 90 0
0
Running 22 0
23 20 Matt Kenseth Toyota 10 90 0
0
Running 21 0
24 51 Owen Kelly Chevrolet 23 90 0
0
Running 0 0
25 38 David Gilliland Ford 21 90 0
0
Running 19 0
26 31 Jeff Burton Chevrolet 22 90 0
-1 Position Down
Running 18 0
27 7 Dave Blaney Chevrolet 40 90 0
Position Up
Running 17 0
28 40 Landon Cassill Chevrolet 41 90 0
-1 Position Down
Running 0 0
29 19 Alex Kennedy Toyota 37 90 0
Position Up
Running 15 0
30 88 Dale Earnhardt Jr Chevrolet 25 85 0
-1 Position Down
Running 14 0
31 9 Marcos Ambrose Ford 1 84 51
-1 Position Down
Accident 15 2
32 55 Brian Vickers Toyota 15 84 0
0
Accident 0 0
33 30 David Stremme Toyota 39 83 0
0
Running 11 0
34 5 Kasey Kahne Chevrolet 19 82 0
-4 Position Down
Running 10 0
35 33 Ron Fellows Chevrolet 24 74 0
0
Running 9 0
36 24 Jeff Gordon Chevrolet 28 65 0
-4 Position Down
Running 8 0
37 43 Aric Almirola Ford 32 58 0
0
Accident 7 0
38 35 Michael McDowell Ford 12 58 0
0
Suspension 6 0
39 52 Brian Keselowski Toyota 43 47 0
Position Up
Brakes 5 0
40 93 Travis Kvapil Toyota 38 41 0
-1 Position Down
Accident 4 0
41 36 Victor Gonzalez Jr Chevrolet 34 39 0
0
Accident 3 0
42 87 Tomy Drissi Toyota 42 39 0
-2 Position Down
Accident 2 0
43 83 David Reutimann Toyota 36 4 0
0
Engine 1 0

CLASSIFICA DOPO LA CHEEZ-IT 355

1 48
Hendrick Motorsports
Jimmie Johnson
808 Leader 22 4 9 15 0 0
2 15
Michael Waltrip Racing
Clint Bowyer
733 -75 22 0 7 12 1 0
3 99
Roush Fenway Racing
Carl Edwards
728 -80 22 1 7 11 0 0
4 29
Richard Childress Racing
Kevin Harvick
707 -101 22 2 5 11 2 0
5 18
Joe Gibbs Racing
Kyle Busch
693 -115 22 3 10 14 3 Position Up
6 88
Hendrick Motorsports
Dale Earnhardt Jr
670 -138 22 0 5 12 2 -1 Position Down
7 20
Joe Gibbs Racing
Matt Kenseth
659 -149 22 4 5 11 3 0
8 2
Penske Racing
Brad Keselowski
634 -174 22 0 7 11 1 Position Up
9 16
Roush Fenway Racing
Greg Biffle
627 -181 22 1 3 8 0 Position Up
10 56
Michael Waltrip Racing
Martin Truex Jr
625 -183 22 1 5 9 2 Position Up
11 78
Furniture Row Racing
Kurt Busch
623 -185 22 0 5 10 2 Position Up
12 5
Hendrick Motorsports
Kasey Kahne
622 -186 22 2 7 9 3 -4 Position Down
13 24
Hendrick Motorsports
Jeff Gordon
610 -198 22 0 5 9 5 -4 Position Down
14 39
Stewart-Haas Racing
Ryan Newman
605 -203 22 1 4 10 5 Position Up
15 1
Earnhardt Ganassi Racing
Jamie McMurray
600 -208 22 0 1 5 0 Position Up
16 22
Penske Racing
Joey Logano
598 -210 22 0 5 11 2 Position Up
17
Stewart-Haas Racing
Tony Stewart
594 -214 21 1 5 8 0

 

Condividi in

Autore

16 anni e tanta passione per il mondo delle corse. Appassionato in maniera particolare di NASCAR, Indycar, F1 e SBK.

Lascia un Commento

*
To prove you're a person (not a spam script), type the security word shown in the picture. Click on the picture to hear an audio file of the word.
Anti-spam image