F1 – SPA Qualifiche: Hamilton beffa le Red Bull sul bagnato, Giedo van der Garde fa sognare la Caterham

0

Hamilton_SPAQ

A cura di Vincenzo Carlesimo

Lewis Hamilton si conferma il pilota più forte nel giro singolo quest’anno ottenendo la sua quinta pole stagionale, con questa di oggi sono 4 consecutive, nel circuito più bello al mondo: Spa Francorchamps.

L’inglese ottiene con un giro molto pulito il tempo di 2:00.368 che gli garantisce la prima posizione superando Sebastian Vettel e Mark Webber che stavano già pregustando una prima fila tutta Red Bull.

Il campione del mondo 2008, stamattina nella terza sessione di prove libere, sembrava essere in grande difficoltà ma quando il gioco si fa duro i veri campioni lasciano dietro di loro pensieri e preoccupazioni e mostrano tutto il loro talento; ad essere sinceri sia Hamilton sia il duo Red Bull sono stati fortunati a non prendere bandiera scacchi a pochi secondi dal termine della Q3, questo ha permesso loro di avere a disposizione un giro con una pista più asciutta e con più grip rispetto agli altri.

Ciò non toglie comunque la bravura del team ad aver calcolato bene la strategia della Q3, indovinando il giusto momento di uscire per trovare condizioni di pista migliori rispetto agli altri; sfortunato invece Kimi Räikkönen che per un paio di secondi ha preso bandiera a scacchi e non è riuscito a far anche lui il suo ultimo tentativo e deve accontentarsi dell’ottavo posto dopo una qualifica da protagonista, mentre Fernando Alonso spreca tutto con un testacoda banale le sue chance in qualifica.

Nella Q1 in condizioni da gomme intermedie i piccoli team azzardano le gomme slick mentre tutti gli altri girano usando gli pneumatici adeguati, grazie a questa scelta Giedo van Der Garde con un grandissimo giro chiude terzo alle spalle di Alonso ed Hamilton portando per la prima volta stagionale la Caterham in Q2, così come riescono nell’impresa anche Jules Bianchi e Max Chilton, rispettivamente undicesimo e sedicesimo, con la Marussia.

Il deluso di giornata è sicuramente Charles Pic che vede il compagno finire il primo settore di qualifica terzo mentre lui resta in ultima posizione, l’intromissione di piccoli team fa escludere dalla Q2 le due Toro Rosso e le due Williams e, a sorpresa, Esteban Gutierrez che nelle prove libere 3 ha dimostrato di saper andar forte sul bagnato, ma forse il messicano guida meglio in condizioni da full wet.

In Q2 ovviamente Giedo van der Garde e le due Marussia chiudono la classifica non sfiorando neppure l’accesso alla Q3, in quanto tutti i piloti hanno utilizzato la mescola slick e quindi i valori in pista sono tornati standard; a rischiare l’esclusione sono Felipe Massa e Lewis Hamilton che ottengono il nono e decimo tempo mentre Kimi Räikkönen è il più veloce per appena 13 millesimi su Alonso.

La Q3 è stata decisamente una lotteria, infatti, è iniziata in condizione d’asciutto e all’accendersi del verde del semaforo ha iniziato a piovere; tutti i piloti in pista sono usciti con gomme slick con mescola media tranne Paul di Resta che con le intermedie ottiene il miglior tempo, per gli altri le condizioni sono proibitive e sono costretti a rientrare ai box per montare le stesse gomme dello scozzese.

Le condizioni della pista però peggiorano e nessuno riesce ad avvicinarsi al tempo del pilota della Force India che inizia a sognare la pole position; nel finale di Q3, però, la pista migliora e il primo a battere lo scozzese è Nico Rosberg che, nelle stesse condizioni di tutti gli altri, realizza un gran giro.

Lewis Hamilton e le due Red Bull di Vettel e Webber hanno però a disposizione un altro giro con condizioni di pista migliori di quelli trovati sia da Rosberg sia da Paul di Resta e conquistano le prime posizioni con Hamilton in pole davanti al tre volte campione del mondo e l’australiano, il pilota Force India scivola quinto ma può essere in ogni modo molto soddisfatto.

Alle spalle dello scozzese troviamo Jenson Button, Romain Grosjean, Kimi Räikkönen, Fernando Alonso e Felipe Massa; sia lo spagnolo della Ferrari sia il finlandese della Lotus avevano la possibilità di giocarsi forse la pole, visto i primi due posti nella Q2, ma le condizioni in cui hanno ottenuto il loro giro migliore non li hanno aiutati.

A differenza del campione del mondo 2007, però, l’asturiano è stato protagonista di un testacoda nel finale di sessione quando poteva non prendere la bandiera scacchi e giocarsi la pole position trovandosi le stesse condizioni dei primi 3: l’ennesimo errore del ferrarista in una pista che proprio non digerisce.

Trovi altri articoli qui: Facebook/Twitter: @Vincy85

Pilota Team Q1 Q2 Q3
1. Lewis Hamilton Mercedes 2:00.368 1:49.067 2:01.012
2. Sebastian Vettel Red Bull Racing-Renault 2:01.863 1:48.646 2:01.200
3. Mark Webber Red Bull Racing-Renault 2:01.597 1:48.641 2:01.325
4. Nico Rosberg Mercedes 2:01.099 1:48.552 2:02.251
5. Paul di Resta Force India-Mercedes 2:02.338 1:48.925 2:02.332
6. Jenson Button McLaren-Mercedes 2:01.301 1:48.641 2:03.075
7. Romain Grosjean Lotus-Renault 2:02.476 1:48.649 2:03.081
8. Kimi Räikkönen Lotus-Renault 2:01.151 1:48.296 2:03.390
9. Fernando Alonso Ferrari 2:00.190 1:48.309 2:03.482
10. Felipe Massa Ferrari 2:01.462 1:49.020 2:04.059
11. Nico Hülkenberg Sauber-Ferrari 2:01.712 1:49.088
12. Adrian Sutil Force India-Mercedes 2:02.749 1:49.103
13. Sergio Perez McLaren-Mercedes 2:02.425 1:49.304
14. Giedo van der Garde Caterham-Renault 2:00.564 1:52.036
15. Jules Bianchi Marussia-Cosworth 2:02.110 1:52.563
16. Max Chilton Marussia-Cosworth 2:02.948 1:52.762
17. Pastor Maldonado Williams-Renault 2:03.072
18. Jean-Eric Vergne STR-Ferrari 2:03.300
19. Daniel Ricciardo STR-Ferrari 2:03.317
20. Valtteri Bottas Williams-Renault 2:03.432
21. Esteban Gutierrez Sauber-Ferrari 2:04.324
22. Charles Pic Caterham-Renault 2:07.384
Condividi in

Autore

Lascia un Commento

*
To prove you're a person (not a spam script), type the security word shown in the picture. Click on the picture to hear an audio file of the word.
Anti-spam image