F1 – Spagna: usura e degrado delle gomme in linea con le aspettative

0

USURA E DEGRADO DELLE GOMME IN LINEA CON LE ASPETTATIVE SU UNO DEI CIRCUITI PIU’ DIFFICILI DELL’ANNO

TRA 1 E 1,2 SECONDI IL GAP PRESTAZIONALE TRA LE DUE MESCOLE SCELTE PIRELLI HA PORTATO A BARCELLONA PIU’ GOMME DI SEMPRE

La performance dei P Zero Orange hard e dei P Zero White medium è stata perfettamente in linea con le aspettative, su uno dei circuiti più impegnativi dell’anno.
Nonostante le temperature della pista durante la FP2 siano state praticamente il doppio di quelle viste durante la FP1 del mattino, e nonostante alcuni Team abbiano portato aggiornamenti aerodinamici che hanno impegnato ulteriormente le gomme, l’usura e il degrado degli pneumatici sono stati in linea con quanto previsto dai tecnici Pirelli.

Come d’abitudine, i piloti hanno provato la mescola dura durante le libere del mattino, per poi passare alla mescola media nel pomeriggio ed effettuare così le simulazioni di qualifica e gara con diversi carichi di benzina.

Questo fine settimana Pirelli ha portato il maggior numero di pneumatici di sempre. A Barcellona, infatti, si disputa la gara di apertura della GP3, oltre al secondo round della GP2; per questo motivo, l’azienda italiana ha portato ben 3224 pneumatici in Spagna: 1848 per la F1 (22 vetture), 728 per la GP2 (26 vetture) e 648 per la GP3 (27 vetture).

Si pensi che nel 2011, nonostante ci fossero due vetture in più rispetto ad oggi, per il Gran Premio di Spagna il numero di pneumatici portati da Pirelli fu di “solo” 3056.

Questo weekend il Motorhome Pirelli ha fatto la sua prima apparizione della stagione; sono stati , quindi, 14 i camion Pirelli in totale che sono arrivati a Barcellona.

Paul Hembery: “Barcellona è un circuito molto impegnativo per le gomme, in particolare per l’anteriore sinistra. Tuttavia, l’usura e il degrado sono stati in linea con le nostre aspettative; per cui dovremmo vedere una media di tre pit stop a vettura.
Non essendosi svolti test pre-season a Barcellona quest’anno, i Team hanno usato le prove di oggi per adattare le nuove vetture 2014 ad una delle piste con la più elevata energia in calendario. Ci attendiamo un miglioramento dei tempi sul giro man mano che la pista inizia a gommarsi. Infatti, in genere c’è una elevata evoluzione della pista qui, aiutata anche dalle numerose competizioni colletarali che si corrono durante il weekend. Questo avrà sicuramente degli effetti sull’usura delle gomme.

A questo proposito, il fatto di aver portato il maggior numero di pneumatici di sempre, ben 3224, sottolinea il nostro impegno per lo sport e la nostra volontà di offrire il migliore spettacolo per i tifosi, incoraggiando i piloti a girare il più possibile”.

FP1
1 HAM – Mercedes 01:27.023 Hard – Used
2 BUT – McLaren 01:27.891 Hard – Used
3 RIC – Red Bull 01:27.973 Hard – New

FP2
1 HAM – Mercedes 01:25.524 Medium – New
2 ROS – Mercedes 01:25.973 Medium – New
3 RIC – Red Bull 01:26.509 Medium – New

Il fatto del giorno Pirelli:
I carichi di carburante hanno un grande effetto sui tempi sul giro a Barcellona, e ciò spiega alcune differenze notevoli viste nelle prove libere. Per avere un’idea, ogni 10 kg di carburante bruciato a Barcellona rappresenta un guadagno di tre decimi e mezzo di secondo al giro.

Condividi in

Autore

Lascia un Commento

*
To prove you're a person (not a spam script), type the security word shown in the picture. Click on the picture to hear an audio file of the word.
Anti-spam image