A1 Gp Chengdu Qualifiche – Irlanda e Gran Bretagna in pole, indietro l’Italia

0

00_watts

Sabato amaro per i colori italiani sul tracciato di Chengdu per la seconda prova del campionato A1 Gp 2008/2009. Nulla da fare per Piscopo, autore di un’uscita di pista durante la Q1 che non gli permetterà di partire dalle posizioni di vertice della sprint race. Discorso inverso per l’Irlanda, guidata da un eccelso Carroll, il quale ha saputo approfittare delle varie bandiere rosse sventolate nelle prime qualifiche per dominare la situazione e godersi l’interruzione della seconda ed ultima frazione valida per determinare la griglia di partenza della gara sprint.Ad intromettersi in prima fila è l’Olanda, reduce da un discreto fine settimana a Zandvoort, con un Robert Doornbos letteralmente in palla seguito dalla Svizzera del detentore Jani e la Gran Bretagna con Danny Watts. Purtroppo solo quindicesimo il nostro Piscopo, il quale aveva in serbo la vera sorpresa dopo aver mostrato i muscoli nelle libere, dimostrandosi finalmente competitivo. Batosta che influenza negativamente il percorso della nazione italiana verso quell’agognato posto sul podio, nuovamente lontano.

Detto questo passiamo alla seconda Qualifica che determina la griglia di partenza della Feature Race. Ma la pole resta un affare riservato alle nazioni britanniche, dunque a conquistarla è la Gran Bretagna con un sublime Danny Watts, il quale debutta nel migliore dei modi in un circuito duro e complicato come questo cinese di Chengdu che richiede esperienza. Secondo piazzamento per l’Irlanda che non riesce nell’impresa di compiere un ein plein da delirio totale. Alle spalle del duo britannico brilla la stella di Filipe Albuquerque; splende l’ex Red Bull che beffa il detentore svizzero Jani ed il sorprendente duo: Zaugg e Fauzy che renderanno più affascinante la lotta per la leadership. Chi delude è la Francia con Nicolas Prost sottotono: il transalpino non è andato oltre la sesta fila, da condividere con lo statunitense Andretti, il quale ribadisce il suo stato di forma a livelli minimi storici. Non è una sorpresa questa prestazione fatta registrare dal figlio d’arte poichè in Indycar, restando alla stagione appena conclusa, è stato nettamente surclassato dai Big. A chiudere la griglia sono Piscopo e la Corea, dunque gara in salita per entrambi. Soprattutto per noi.

Qualifiche Sprint Race:


1 – Irlanda – 1′15.423 – –
2 – Olanda – 1′15.492 – 0.069
3 – Svizzera – 1′15.683 – 0.260
4 – Gran Bretagna – 1′15.799 – 0.376
5 – Portogallo – 1′16.124 – 0.701
6 – Francia – 1′16.164 – 0.741
7 – Sudafrica – 1′16.268 – 0.845
8 – Nuova Zelanda – 1′16.505 – 1.082
9 – India – 1′16.553 – 1.130
10 – Monaco – 1′16.794 – 1.371
11 – Australia – 1′17.054 – 1.631
12 – Brasile – 1′17.131 – 1.708
13 – Libano – 1′17.143 – 1.720
14 – Malesia – 1′17.171 – 1.748
15 – Italia – 1′17.288 – 1.865
16 – USA – 1′17.437 – 2.014
17 – Messico – 1′18.025 – 2.602
18 – Cina – 1′18.126 – 2.703
19 – Indonesia – 1′19.479 – 4.056
20 – Corea – 1′20.102 – 4.679

Qualifiche Feature Race:


1 – Gran Bretanga – 1′15.325 – –
2 – Irlanda – 1′15.356 – 0.031
3 – Portogallo – 1′15.400 – 0.075
4 – Svizzera – 1′15.621 – 0.296
5 – Sudafrica – 1′15.947 – 0.622
6 – Malesia – 1′15.963 – 0.638
7 – Monaco – 1′16.016 – 0.691
8 – Olanda – 1′16.124 – 0.799
9 – Australia – 1′16.289 – 0.964
10 – Brasile – 1′16.403 – 1.078
11 – USA – 1′16.557 – 1.232
12 – Francia – 1′16.604 – 1.279
13 – Libano – 1′16.702 – 1.377
14 – Messico – 1′16.985 – 1.660
15 – Nuova Zelanda – 1′17.176 – 1.851
16 – India – 1′17.218 – 1.893
17 – Cina – 1′17.299 – 1.974
18 – Indonesia – 1′17.759 – 2.434
19 – Italia – 1′17.845 – 2.520
20 – Corea – 1′18.875 – 3.550

Stefano Chinappi

Condividi in

Autore

Lascia un Commento

*
To prove you're a person (not a spam script), type the security word shown in the picture. Click on the picture to hear an audio file of the word.
Anti-spam image