Category: Euroseries 3000

Autogp – Buon successo per i test di Magione

Foto0572

Un vero e proprio “tutto esaurito”, con 22 piloti che sono arrivati a Magione il 17 e 18 novembre per provare la Lola B05/52 del campionato: non poteva iniziare meglio di così il cammino dell’Auto GP. La nuova serie, che da aprile metterà in palio l’incredibile montepremi di 200.000 euro a evento, ha attirato l’attenzione di piloti, team, addetti ai lavori e di tutti gli appassionati di corse. La conferma che la direzione presa dalla Coloni Motorsport per l’organizzazione della serie è quella giusta, è venuta la risposta entusiastica dei piloti sul tracciato umbro. Al di là del dato numerico di assoluto rilievo, infatti, è stata la diversa esperienza dei piloti impegnati nel test a dare il segnale che l’Auto GP può essere la scelta ideale per un parco vastissimo di conduttori: in pista tra gli altri si sono presentati Carlos Iaconelli, già impegnato in GP2 e F.2, Marcos Martinez Ucha dalla Ws by Renault, Nicola De Marco dalla F.2, Stefano Bizzarri e Alessandro Cicognani rispettivamente dallo European F.3 Open e dalla F.3 Italiana, raggiunti da Jarek Janis e Khalil Beschir, che avevano guidato la vettura nell’A1 GP guidando per i team Repubblica Ceca e Libano. Insieme a loro anche Jan Charouz, già protagonista in F.3000, A1 GP e l’anno scorso pilota ufficiale del Prototipo Lm P1 Aston Martin nella Le Mans Series, e ancora gli italiani Matteo Cozzari e Pierluigi Veronesi, quest’ultimo campione della F.2000 Light.

Tutti hanno potuto apprezzare le doti delle monoposto dell’Auto GP, che hanno percorso più di 1100 km senza problemi di sorta. Visto il successo dell’iniziativa e l’alto numero di richieste per un ulteriore test, l’organizzazione sta lavorando per organizzare un’altra due giorni di prove, questa volta senza limite al numero di giri effettuabile da ciascun pilota, nel mese di dicembre. Luogo e date saranno comunicati al più presto.

Nicola De Marco: ” È una vera macchina da corsa, di quelle con cui devi dare il pestone sul pedale per frenare come si deve. Mi ha colpito il motore, la frenata, ma anche il grip nell’unico curvone veloce di Magione mi è sembrato decisamente buono, si può portare tanta velocità in curva come piace a me. Fisicamente è dura, ma fa esattamente tutto quello che vuole il pilota, un fatto che porta ad avere un grande feeling già dopo pochi giri. È difficile paragonarla alla F.2 che ho guidato nel 2009, perché qui le prestazioni sono enormemente superiori. Per questo, anche le sensazione e le emozioni che si provano alla guida non sono confrontabili.”

Jaroslav Janis: “Avevo guidato questa macchina nell’A1 GP ma provandola qui ho scoperto una monoposto molto diversa. Le modifiche fatte dalla Coloni Motorsport l’hanno resa decisamente più equilibrata. Con l’A1 dovevi lottare a ogni curva, con questa semplicemente guidi e ti diverti andando fortissimo. Sto pensando ad allestire io stesso un team per il campionato, perché il programma per il 2010 mi sembra decisamente interessante”.

 

Euro 3000 – Spostati al 17-18 Novembre i test di Magione

partf3000

L’organizzazione del campionato ha deciso per lo spostamento al 17 e 18 novembre del test inizialmente previsto per il 10 e 11 dello stesso mese. Il cambio di date è stato deciso per evitare la concomitanza con l’analoga sessione di prove della GP2 Main Series al Paul Ricard. Avendo ricevuto numerose richieste da piloti che in quella data saranno impegnati a Le Castellet, Enzo Coloni ha deciso di modificare i programmi in modo da permettere anche a loro di saggiare la Lola B05/52.

Invariate le condizioni del test: al costo di soli 2500 euro (che comprendono anche la copertura assicurativa) ad ogni pilota saranno garantiti ben 20 giri al volante della Lola. I partecipanti avranno così la possibilità di effettuare due stint da 10 tornate, una soluzione ideale per comprendere il comportamento della vettura, apprezzare le doti dinamiche del telaio e assaporare i 550 CV del motore 8 cilindri Zytek da 3,4 litri.

Euro 3000 – Monza: Will Bratt è il campione 2009

Euro 3000 monza

È Will Bratt l’ultimo campione della storia della Euroseries 3000. A incoronarlo, regalandogli l’intera stagione in GP2 Asia che spetta al campione, è stata l’ultima gara del weekend di Monza, in cui l’inglese è riuscito a cogliere un sudato secondo posto.
È stato il finale degno di una stagione incredibile, che ha visto due piloti, Bratt e Marco Bonanomi, arrivare alla fine del campionato a pari punti e anche in parità di vittorie, 4 a testa. Il britannico ha prevalso grazie al maggior numero di secondi posti, tre contro i due di Bonanomi, che si è dovuto arrendere ma lo ha fatto con onore, disputando un’ultima gara strepitosa.
Marco, che partiva dal quarto posto, è infatti riuscito a balzare immediatamente al comando con uno start perfetto, che è stato però imitato da Onidi e Bratt. Il primo è addirittura riuscito a passare dall’ottava alla seconda piazza con una delle sue proverbiali partenze super, mentre Bratt ha guadagnato il terzo posto dal sesto di avvio. I tre si sono lanciati nel Curvone seguiti da Rodolfo Gonzalez, autore di un taglio di chicane in Prima Variante, Francesco Dracone, Juan Carlos Sistos e Matteo Cozzari.
Il secondo giro ha visto il primo colpo di scena, con Gonzalez in grado di passare Bratt ma, in seguito, autore di un nuovo taglio di chicane. Bonanomi, in quel momento campione, intanto davanti spingeva fortissimo, portando il suo vantaggio oltre il secondo.
Al terzo giro, però, Gonzalez è stato autore di un ennesimo taglio di variante, il terzo, e ha preferito far passare Bratt per non incorrere in una penalità, incollandosi poi alla coda dell’inglese, tornato così in testa alla classifica a parimerito con Bonanomi. Al pilota di Lecco a quel punto non restava che spingere come un forsennato per garantirsi il giro più veloce ed è esattamente quello che ha fatto, prima con una sequenza impressionante sul passo dell’1’38”5, poi con un 1’38”377 che nessuno è stato più in grado di battere. Con 4”2 di vantaggio sugli inseguitori, a Marco non restava che aspettare di sapere cosa sarebbe accaduto alle sue spalle. La svolta è arrivata al sesto giro, quando Onidi, secondo in quel momento, ha sbagliato alla seconda di Lesmo finendo fuori pista e rientrando quarto, lasciando via libera a Bratt e Gonzalez per il podio. Era esattamente quello che serviva al britannico per tornare a punti con Bonanomi e vincere il titolo, visto che Gonzalez, pur vicinissimo, non è riuscito più a insidiarlo ed anzi è finito largo sulla sabbia a Lesmo.

Euroseries 3000 – Gara 2: Per Onidi successo e primato in classifica

Euroseries 3000

La vittoria gli mancava dal primo round di Portimão, ma Fabio Onidi l’ha ritrovata nel migliore dei modi. Nella seconda gara del weekend romano della Euroseries 3000 by Party Poker Racing il pilota milanese ha condotto una strategia di corsa aggressiva ma intelligente allo stesso tempo, che gli ha permesso di vincere e presentarsi all’evento finale del campionato, che si terrà a Monza il 18 ottobre, in testa alla classifica.

Al via Onidi scattava sesto in virtù della griglia invertita, ma non ha azzeccato la partenza facendo slittare troppo le gomme e ritrovandosi ultimo, mentre Rodolfo Gonzalez partiva bene davanti a Francesco Dracone e Juan Carlos Sistos. È stata proprio la griglia invertita il fattore che ha scatenato le prime emozioni della gara: Marco Bonanomi, partito bene, è stato frenato da un’esitazione di Sistos davanti a lui con Ben Hanley e Onidi che ne hanno approfittato per passarlo. I due hanno scalato la classifica praticamente in coppia infilando Bratt, rallentato da una frenata anticipata di Dracone. Hanley è riuscito a sopravanzare immediatamente anche Fabrizio Crestani, mentre Onidi è rimasto alle spalle del pilota della TP Formula.

Con Gonzalez che ha approfittato della bagarre per prendere qualche secondo di vantaggio la gara è andata avanti senza scossoni fino al settimo passaggio quando la pioggia, fino a quel momento leggerissima, si è fatta più intensa. Dracone e Crestani sono rientrati subito ai box per cambiare gli pneumatici, Bonanomi ha aspettato il giro seguente. La scelta non ha pagato perché il meteo si è stabilizzato e la quantità di acqua sulla pista ha reso equivalenti le prestazioni tra slick e gomme intagliate. Con due dei contendenti al titolo fuori dai giochi per la vittoria, Onidi e Bratt si sono visti fare un altro involontario regalo da Ben Hanley, che ha dovuto ritirarsi all’11° passaggio per un guasto a un sensore del cambio quando era secondo. La piazza d’onore è stata così guadagnata da Onidi, che sulla pista bagnata ha iniziato a recuperare sul leader Gonzalez. Il distacco è calato inesorabilmente, da 3”6 a 2”5 al 13° giro, a 1”7 alla tornata seguente fino ad arrivare a meno di mezzo secondo quando mancavano ancora 4 tornate alla fine.

Al giro 20 un Gonzalez che sentiva il fiato del rivale sul collo ha fatto un piccolo errore allargando la traiettoria al Tornantino; Onidi ne ha approfittato per prendere l’interno e completare il sorpasso all’ingresso della esse. Fabio ha aumentato subito il proprio vantaggio e ha viaggiato senza ostacoli verso la vittoria davanti a Gonzalez e a Bratt. Ai piedi del podio Sistos, al miglior risultato in campionato grazie a una gara consistente e senza errori. Seguono Crestani, Bonanomi e Dracone.

Con questo risultato a Monza saranno quattro i piloti in lotta per il titolo, raccolti in 13 lunghezze con 19 punti ancora da assegnare.

Nella foto, Fabio Onidi

L’ordine di arrivo di gara 2, domenica 20 settembre 2009

1 – Fabio Onidi – FMSI – 23 giri 35’09”163
2 – Rodolfo Gonzalez – FMSI – 1”133
3 – Will Bratt – EmiliodeVillota.com Motorsport – 3”703
4 – Juan Carlos Sistos – Team Costa Rica – 43”467
5 – Fabrizio Crestani – TP Formula – 52”432
6 – Marco Bonanomi – FMSI – 1’23”384
7 – Francesco Dracone – Emmebi Motorsport – 1 giro

Giro più veloce: Fabrizio Crestani 1’26”641

Classifica piloti
1. Onidi 61 punti; 2. Bonanomi 58; 3. Bratt 55; 4. Crestani 49; 5. Gonzalez 31; 6. Hanley 22; 7. Sistos 14; 8. Piscopo 11; 9. Maldonado 10; 10. Dracone 9; 11. Piccione 8; 12. Bamber 8; 13 Herck 6; 14. Puglisi 6; 15. Nunes 5; 16. Rodriguez 1; 17. Dalle Stelle 1.

Classifica team
1. Fisichella Motorsport International 123 punti; 2. EmiliodeVillota.com 68; 3. TP Formula 52; 4. Team Costa Rica 27; 5. Bull Racing 21; 6. Emmebi Motorsport 20; 7. Lazarus 12; 8. Teamcraft 10; 9. Durango 6.

Euroseries 3000 – Gara 1: Bonanomi vince a Vallelunga

marco bonanomi

È Marco Bonanomi il primo re di Roma della Euroseries 3000 by PartyPoker Racing 2009. Il pilota di Lecco si è aggiudicato la prima delle due gare di Vallelunga, un successo con cui ha anche recuperato la testa del campionato, con due punti di vantaggio su Fabio Onidi. Una vittoria costruita al via, quando Marco si è avviato benissimo sfilando Fabrizio Crestani, partito a rilento, e mettendosi sulla coda di Will Bratt, autore di un buono scatto che non è stato sufficiente a metterlo al sicuro dall’attacco dell’italiano. Bonanomi ha portato l’affondo all’entrata dei Cimini, sfilando all’interno e prendendo la testa.

Dietro di loro fasi concitate, con Crestani che è stato passato da Fabio Onidi e Rodolfo Gonzalez: il venezuelano è partito molto bene, ma è entrato in contatto con lo stesso Onidi danneggiando la vettura e sfilando all’ultimo posto. Il contatto ha gettato un po’ di scompiglio dividendo di fatto il gruppo in due: Bonanomi, Bratt e Onidi davanti e poi, staccati di circa 4”, Crestani, Ben Hanley, Juan Carlos Sistos, Francesco Dracone e Gonzalez. Da lì è iniziata una gara molto tattica, con i tre piloti di testa staccati di circa mezzo secondo l’uno dall’altro e autori di tempi fotocopia. Dietro, invece, Crestani doveva vedersela con un Hanley aggressivo, staccato di soli pochi decimi.

È stata proprio la lotta tra l’alfiere del team TP Formula e quello del team Costa Rica la più emozionante di questa prima fase di gara, un duello che alla fine ha visto Crestani avere la meglio. Girando sui tempi dei primi, come aveva saputo fare del resto per tutto il weekend, Fabrizio ha progressivamente staccato l’inglese assicurandosi la quarta piazza. In testa alla corsa Bonanomi ha iniziato ad alzare il ritmo al nono giro, prendendo progressivamente vantaggio su Bratt e portando il gap a 1”5. Questo mentre Onidi, rallentato dal deterioramento delle gomme, ha lentamente perso contatto.

Bratt ha aspettato gli ultimi cinque giri per mettere in atto il forcing finale, che gli è valso il giro più veloce (e il punto addizionale che ne consegue) e gli ha permesso di portarsi fino a mezzo secondo da Bonanomi, senza però riuscire ad attaccarlo. I due hanno così chiuso nell’ordine davanti a Onidi, Crestani, Hanley, Sistos, Dracone e Gonzales, un ‘ordine di classifica che sancisce anche la vittoria della Fisichella Motorsport International nella classifica a squadre.

L’ordine di arrivo di gara 1, domenica 20 settembre 2009

1 – Marco Bonanomi – FMSI – 18 giri 25’52”545
2 – Will Bratt – De Villota – 0”574
3 – Fabio Onidi – FMSI – 4”749
4 – Fabrizio Crestani – TP Formula – 7”168
5 – Ben Hanley – Costa Rica – 10”788
6 – Juan Carlos Sistos – Costa Rica – 28”162
7 – Francesco Dracone – Emmebi – 36”777
8 – Rodolfo Gonzalez – FMSI – 54”217

Euro 3000 – Will Bratt protagonista a Valencia

euro 3000

Quattro piloti ancora in piena lotta per il titolo quando mancano ancora 4 gare alla fine. Basta questo a spiegare quanto è combattuta l’edizione 2009 della Euroseries 3000 by PartyPoker Racing. Il campionato ha mandato in archivio il weekend di Valencia celebrando l’ennesima vittoria di Will Bratt, ormai assoluto protagonista della serie. Nelle tre gare disputate sul tracciato spagnolo, ben due sono andate in mano al giovane pilota inglese, lasciando al lecchese Marco Bonanomi il primato in gara 2.

Will Bratt:

 

“Vincere due gare in un weekend è fantastico. Sono partito benissimo e l’errore di Piscopo alla prima curva mi ha aperto la strada per la vittoria. È stata dura, soprattutto fisicamente perché tre gare in un weekend sono molte, e Valencia è una pista dove non ci si può riposare mai, ma la macchina che ho avuto era la migliore del weekend, soprattutto in frenata dopo che abbiamo cambiato le pastiglie. Ora non vedo l’ora di essere a Vallelunga”. A seguire, le classifiche delle tre gare:

GARA 1:

1 – Will Bratt – De Villota – 23 giri 33’12”171
2 – Fabio Onidi – FMSI – 1”548
3 – Fabrizio Crestani – De Villota – 10”011
4 – Edoardo Piscopo – Emmebi – 10”629
5 – Rodolfo Gonzalez – FMSI – 22”237
6 – Juan Carlos Sistos – Costa Rica – 43”896

GARA 2:

1 – Marco Bonanomi – FMSI – 18 giri 25’48”900
2 – Fabio Onidi – FMSI – 6”196
3 – Fabrizio Crestani – De Villota – 11”675
4 – Rodolfo Gonzalez – FMSI – 20”840
5 – Will Bratt – De Villota – 30”788
6 – Francesco Dracone – Emmebi – 48”640
7 – Juan Carlos Sistos – Costa Rica – 49”051

GARA 3:

1 – Will Bratt – De Villota – 23 giri 33’25”517
2 – Edoardo Piscopo – Emmebi – 1”083
3 – Fabio Onidi – FMSI – 2”086
4 – Rodolfo Gonzalez – FMSI – 9”279
5 – Marco Bonanomi – FMSI – 9”678
6 – Fabrizio Crestani – De Villota – 25”908
7 – Juan Carlos Sistos – Costa Rica – 28”109

 

 

 

Euroseries 3000 – Annullata la gara di Donington

euro3000-magione

A causa di problemi organizzativi dell’ultim’ora, legati alla collocazione delle proprie gare nel programma dell’evento e tali da non permettere di garantire il corretto svolgimento del weekend, la Euroseries 3000 si vede costretta ad annullare le gare di Donington, programmate per l’1-2 agosto. Lo staff del Campionato è già al lavoro per definire un evento sostitutivo che possa garantire la soddisfazione di tutti i soggetti coinvolti e ne comunicherà la data quanto prima, mentre restano confermate le gare di Zolder, previste per il 22 agosto.

Nel frattempo, per evitare i problemi di calendario incontrati quest’anno, il team della Euroseries 3000 è già concentrato sul 2010. Per la prossima stagione Enzo Coloni è in trattativa con la GtSport di Jesus Pareja per una partnership che porti sulle stesse piste la Euroseries 3000, il Gt Open e l’European F3 Open. L’operazione non solo darebbe vita a un pacchetto di grande prestigio, ma garantirebbe la presenza di una produzione televisiva di primo piano in tutte le prove del calendario.

Euro 3000 – Gara 2: Vince il debuttante Hanley

getattachment1

Ben Hanley, 24 anni, inglese, ha vinto gara-2 al debutto nell’ Euroseries 3000, a Magny-Cours. Il portacolori del Fisichella Motorsport International ha battuto sotto alla bandiera a scacchi di soli 9 decimi il compagno di squadra Fabio Onidi, che aveva condotto la corsa per i primi 5 giri. Sul terzo gradino del podio francese è salita la rientrante formazione della Durango, che si è affidata alla guida di Marcello Puglisi, staccato di 8’’8 dal vincitore Hanley. Il lombardo, che in gara-1 non era in perfette condizioni fisiche, si è prontamente riscattato la domenica. Bene a Magny-Cour anche l’ altro esordiente neozelandese Earl Bamber, che con la Lola-Zytek della TP Formula ha sfiorato il podio. A punti in Francia anche Marco Bonanomi (Bull Racing) e, per la prima volta, anche il venezuelano Rodolfo Gonzalez (FMSI). Efinita al primo giro invece la gara di Fabrizio Crestani (TP Formula) che, nel tentativo di evitare la vettura giratasi ripetutamente di Michael Dalle Stelle, ha urtato duro, danneggiando seriamente la propria monoposto. La Lola B0552 ha retto in ogni caso molto bene all’ urto, dimostrandosi particolarmente sicura. Il veneto, per questo, è ora secondo in campionato con 20 punti, mentre in testa cè Bonanomi a quota 21. Onidi è terzo, con 18 punti, pronto a sfruttare eventuali passi falsi avversari. Le Lola B0552-Zytek con motore da 550 cv si sono dimostrate particolarmente performanti sulla pista francese. In prova hanno girato a circa 7 decimi dalle più potenti Superleague Formula, battendo i record sul giro della vecchia F.3000 Internazionale e della World Series. Prossimo appuntamento dell’ Euroseries 3000 a Donington, il 2 agosto.

1 – Ben Hanley – FMSI – 21 giri 35’52″208
2 – Fabio Onidi – FMSI – 0″910
3 – Marcello Puglisi – Durango – 8″814
4 – Earl Bamber – TP Formula – 9″366
5 – Marco Bonanomi – Bull Racing – 11″668
6 – Rodolfo Gonzales – FMSI – 36”170
7 – Will Bratt – De Villota – 7 giri
8 – Francesco Dracone – Emmebi – 8 giri

Euro 3000 – Magny-Cours, gara 1: Primo Bonanomi, secondo Crestani.

23873bonanomicar09-3

Marco Bonanomi ha vinto la sua prima gara stagionale nell’Euroseries 3000 a Magny-Cours. L’alfiere del Bull Racing di Ernesto Catella, partito in prima fila accanto a Fabrizio Crestani che scattava in pole, ha avuto alla fine la meglio sul veneto del team TP Formula, che in Francia ha conquistato il posto d’onore. Nonostante questo successo, Bonanomi rimane staccato di 1 punto in classifica da Crestani il quale, grazie alla pole ed al giro più veloce in gara, è riuscito a mantenere lo stesso vantaggio conquistato in Portogallo. Sul terzo gradino del podio è salito l’inglese Will Bratt, in rappresentanza del team spagnolo dell’ex pilota di F.1 Emilio de Villota. Mentre tra i primi due classificati il divario è stato minimo (626 millesimi), Bratt ha accusato un distacco dal vincitore di 3”8. A ridosso del primo podio francese sono finiti il neozelandese Earl Bamber (TP Formula), Fabio Onidi (FMSI) e Ben Hanley (FMSI). Primi punti in campionato anche per i nostri Marcello Puglisi (Durango) e Michael Dalle Stelle (Lazarus). Sarà proprio quest’ultimo, grazie alla griglia invertita dei primi 8 classificati, a partire al palo domani (domenica 28 giugno) alle ore 12. Gara-2 si disputerà sulla maggiore distanza di 21 giri. In classifica, come anticipato, conduce Crestani con 20 punti, seguito da Bonanomi a 19. Bratt e Onidi si dividono la terza piazza a quota 12.

1 – Marco Bonanomi – Bull Racing – 16 giri 23’44″331
2 – Fabrizio Crestani – TP Formula – 0″626
3 – Will Bratt – De Villota – 3″832
4 – Earl Bamber – TP Formula – 12″110
5 – Fabio Onidi – FMSI – 13″230
6 – Ben Hanley – FMSI – 15″634
7 – Marcello Puglisi – Durango – 41″263
8 – Michael Dalle Stelle – Lazarus – 41″573
9 – Juan Carlos Sistos – Bull Racing – 47″242
10 – Rodolfo Gonzales – FMSI – 1 giro

Giro più veloce: Fabrizio Crestani 1’28″172

F3 Euro Series – Lausitzring – Gara 1: Bianchi, Bottas è duo Art

2009-05-30-046

Jules Bianchi punta da subito il compagno di squadra Bottas che si era aggiudicato la pole con una prova sopraffina sotto la pioggia quando nessuno era riuscito ad eguagliarlo. Bottas è comunque sesto in classifica generale.

Il pilota francese di Art riesce però a superare il finlandese e porta il vantaggio fino al traguardo. Terzo gradino del podio per Vernay, mentre il quarto posto è di Hartley, capace di un ottimo recupero e forte dei progressi del motore Volkswagen.

Quinto posto per Sam Bird, che tiene d’occhio il campionato e mostra costanza di rendimento davanti ad un Merhi che risale la china dopo una difficile sessione di prove e qualifiche.

Esclusi di lusso per problemi in partenza Mustonen, Sims e Ramos, rookie che avevano lasciato il segno nelle prove.

Gara1, ordine di arrivo


1 – Jules Bianchi (Dallara-Mercedes) – ART – 23 giri 30’18″861
2 – Valtteri Bottas (Dallara-Mercedes) – ART – 2″776
3 – Jean Karl Vernay (Dallara-Volkswagen) – Signature – 4″606
4 – Brendon Hartley (Dallara-Volkswagen) – Carlin – 5″823
5 – Sam Bird (Dallara-Mercedes) – Mucke – 6″872
6 – Roberto Merhi (Dallara-Mercedes) – Manor – 7″796
7 – Henki Waldschmidt (Dallara-Mercedes) – SG – 11″833
8 – Christian Vietoris (Dallara-Mercedes) – Mucke – 12″603
9 – Tiago Geronimi (Dallara-Volkswagen) – Signature – 15″518
10 – Matteo Chinosi (Dallara-Mercedes) – Prema – 27″559
11 – Adrien Tambay (Dallara-Mercedes) – ART – 28″120
12 – Mika Maki (Dallara-Volkswagen) – Signature – 29″179
13 – Kevin Mirocha (Dallara-Mercedes) – HBR – 31″905
14 – Christopher Zanella (Dallara-Mercedes) – Motopark – 33″218
15 – Stefano Coletti (Dallara-Mercedes) – Prema – 35″518
16 – Johnny Cecotto (Dallara-Mercedes) – HBR – 44″426
17 – Cesar Ramos (Dallara-Mercedes) – Manor – 48″292
18 – Pedro Enrique (Dallara-Mercedes) – Manor – 49″350
19 – Carlo Van Dam (Dallara-Volkswagen) – Kolles Heinz – 52″451
20 – Basil Shaaban (Dallara-Mercedes) – Prema – 53″554
21 – Jake Rosenzweig (Dallara-Volkswagen) – Carlin – 53″950
22 – Marco Wittmann (Dallara-Mercedes) – Mucke – 56″796
23 – Andrea Caldarelli (Dallara-Mercedes) – SG – 1’11″909
24 – Esteban Gutierrez (Dallara-Mercedes) – ART – 1’13″141

Giro più veloce: Stefano Coletti 1’18″022

Ritirati
1° giro – Alexander Sims
0 giri – Alexander Marsoin
0 giri – Atte Mustonen

La classifica
1.Bianchi 18; 2.Vernay 15; 3.Coletti, Bird 12; 5.Merhi 11; 6.Bottas 9; 7.Maki, Vietoris 8; 9.Hartley 5; 10.Waldschimdt 2.