Superbike – Magny-Cours, Superpole: Rea al top, seguono Laverty e Checa, Melandri solo 8°

0

La sessione di qualifiche del penultimo appuntamento del mondiale Superbike ha riservato sin da subito molte sorprese. Proprio nel week end che lo potrebbe incoronare campione del mondo, Carlos Checa appare inizialmente più in difficoltà del previsto, ma riesce comunque a centrare un buon piazzamento in sella alla sua bicilindrica. A dominare è però uno straordinario Jonathan Rea, che prosegue nel suo stato di grazia, ma anche le Yamaha, soprattutto con Laverty, potranno impensierire lo spagnolo di Althea Racing.

In Superpole 1, il primo a girare a ritmo sostenuto e Johnny Rea, che in 1′ 38.178 sfiora il miglior tempo fatto segnare in mattinata da Melandri. Ed è infatti l’italiano di Yamaha che si mette all’inseguimento del nord irlandese di Honda, ma circa a metà della prima manche proprio il suo compagno di box Eugene Laverty stacca il primo tempo. Carlos Checa, che ad inizio turno non appare in splendida forma, tiene con il fiato sospeso i suoi tifosi, correndo il rischio di essere eliminato già dalla Q1, ma sulla bandiera a scacchi riesce a stampare il primo tempo in 1′ 37.780, seguito da Guintolì e Sykes. Invece non accedono alla Q2 Smrz, Fabrizio, Aitchison e Badovini.

Se la prima Superpole ha fatto registrare distacchi minimi tra piloti classificati ed esclusi, lo stesso è successo nella seconda manche, con una vera a propria battaglia per entrare nelle prime otto posizioni. A far segnare il nuovo record è Tom Sykes in sella alla Kawasaki in 1′ 37.650, davanti ad Haslam e Rea. Ma è ancora Checa che tiene tutti con il fiato sospeso, ed appare più in difficoltà di quanto ci si aspettasse. Nonostante le gomme da qualifica, infatti, lo spagnolo non riesce a migliorare il suo crono ed accede all’ultima fase per un soffio proprio con l’ottavo tempo.

La Superpole 3 si chiude nel segno di Jonathan Rea, che continua la sua progressione positiva; il nord irlandese, infatti, abbatte il record della pista fatto segnare precedentemente da Sykes, e conquista il primo tempo con lo straordinario crono di 1′ 37.490. Lo segue Eugene Laverty, staccato di poco più di un decimo, mentre Carlos Checa è terzo, unico a scendere sotto l’ 1.38 con gomma da gara. Chiude la prima fila Leon Camier, mentre completano la seconda fila Guintolì, Sykes, Haslam e Melandri, solo ottavo al traguardo.

Fonte: WORLDSBK.COM

Beatrice Moretto

Magny-Cours – SUPERBIKE – La griglia di partenza
1. Jonathan Rea (Castrol Honda) Honda CBR1000RR 1’37.490
2. Eugene Laverty (Yamaha World Superbike Team) Yamaha YZF R1 1’37.600
3. Carlos Checa (Althea Racing) Ducati 1098R 1’37.932
4. Leon Camier (Aprilia Alitalia Racing Team) Aprilia RSV4 Factory 1’38.006
5. Sylvain Guintoli (Team Effenbert-Liberty Racing) Ducati 1098R 1’38.094
6. Tom Sykes (Kawasaki Racing Team Superbike) Kawasaki ZX-10R 1’38.094
7. Leon Haslam (BMW Motorrad Motorsport) BMW S1000 RR 1’38.382
8. Marco Melandri (Yamaha World Superbike Team) Yamaha YZF R1 1’38.562
9. Noriyuki Haga (PATA Racing Team Aprilia) Aprilia RSV4 Factory 1’38.137
10. Joan Lascorz (Kawasaki Racing Team) Kawasaki ZX-10R 1’38.204
11. Maxime Berger (Supersonic Racing Team) Ducati 1098R 1’38.347
12. Troy Corser (BMW Motorrad Motorsport) BMW S1000 RR 1’38.516
13. Jakub Smrz (Team Effenbert-Liberty Racing) Ducati 1098R 1’38.524
14. Michel Fabrizio (Team Suzuki Alstare) Suzuki GSX-R1000 1’38.565
15. Mark Aitchison (Team Pedercini) Kawasaki ZX-10R 1’38.623
16. Ayrton Badovini (BMW Motorrad Italia SBK Team) BMW S1000 RR 1’38.687
17. Javier Fores (BMW Motorrad Italia SBK Team) BMW S1000 RR 1’39.230
18. Roberto Rolfo (Team Pedercini) Kawasaki ZX-10R 1’39.982
Condividi in

Autore

reporter Moto Gp-Superbike

Lascia un Commento

*
To prove you're a person (not a spam script), type the security word shown in the picture. Click on the picture to hear an audio file of the word.
Anti-spam image