FIA GT1 – Zolder, Qualifying race: Buurman e Bartels regalano il primo successo alla BMW, Mercedes e Porsche a podio

0

a cura di Silvano Taormina

Yelmer Buurman e Michael Bartels hanno ottenuto il successo nella Qualifying Race del secondo appuntamento stagionale del FIA GT1 sul tracciato belga di Zolder. La coppia del plurititolato Vita4One Racing hanno regalato la prima vittoria alla BMW, al debutto nel Mondiale con la Z4.

La gara, caratterizzata da un asfalto umido che si è asciugato con il passare dei giri, è stata molto vivace e ha visto alternarsi al comando diversi equipaggi. Tolta la pole position alla Porsche 911 di Halliday e Parisy per un infrazione commessa dal neozelandese, a scattare al palo è stata l’Audi R8 di Jarvis e Stippler. Al via però, con qualche secondo di anticipo rispetto al semaforo verde, è stata la Lamborghini Gallardo di Kox a portarsi al comando. La vettura emiliana ha condotto le ostilità nella fase iniziale di gara, salvo poi ricevere una penalità.

Al termine delle soste per il cambio pilota, la leadership è passata alla Mercedes SLS di Whinkelock, da poco subentrato a Basseng. Il tedesco ha regolato la BMW Z4 di Bartels la vettura gemella di Jager, succeduto a Patorelli, fino a quando, a sette minuti dalla fine, ha dovuto rallentare per delle noie elettriche. Ritrovatosi in terza posizione, Whinckelock nel finale ha perso ulteriore terreno. Negli ultimi giri Jager ha provato in tutti i modi ha sopravanzare Bartels, ma l’esperienza di quest’ultimo ha prevalso assicurandogli la vittoria.

Sul podio anche la sorprendete Porsche di Halliday, autore di una strenua difesa nei confronti di Mackowiecki che ha provato a soffiargli la terza posizione. Top-five anche per l’altra BMW Z4 di Mayr Melnholf e Lauda davanti alla malconcia Mercedes SLS di Whinkelcok e Basseng. A seguire la prima delle Ferrari 458, quella di Castellacci Ide, la Lamborghini di Kox e O’Young e la sorprendente Aston Martin DBRS9 di Martin e Vasiliev.

Disastro in casa Audi, con le due R8 LMS fuori dalla top-ten a causa di un grave errore strategico. Quando a metà gara tutti hanno montato le slick, le vetture di Inglostadt sono rientrate in pista ancora con le gomme da pioggia quando ormai l’asfalto era quasi asciutto, dovendosi fermare pochi minuti dopo per una sosta supplementare. É andata peggio a Cressoni e Pavlovic, impossibilitati a prendere via.

 

POS. EQUIPAGGIO TEAM AUTO DIST.
1 Buurman/Bartels Vita4One BMW 36 giri
2 Pastorelli/Jäger Münnich Mercedes + 0″567
3 Halliday/Parisy Team China Porsche + 20″578
4 Makowiecki/Dusseldorp Hexis McLaren + 21″119
5 Lauda/Mayr-Melnhof Vita4One BMW + 21″462
6 Winkelhock/Basseng Münnich Mercedes + 25″785
7 Ide/Castellacci AF Corse Ferrari + 41″336
8 Kox/O’Young Reiter Lamborghini + 49″829
9 Vasiliev/Martin Valmon Russia Aston Martin + 1’03″752
10 Demoustier/Parente Hexis McLaren + 1’09″961
11 Jarvis/Stippler WRT Audi + 1’10″255
12 Ortelli/Vanthoor WRT Audi + 1’39″328
13 Salaquarda/Vilander AF Corse Ferrari + 1 giro
Non classificati
Afanasiev/Zuber Valmon Russia Aston Martin
von Thurn und Taxis/Enge Reiter Lamborghini
Laroche/Wei Team China Porsche
Condividi in

Autore

Lascia un Commento

*
To prove you're a person (not a spam script), type the security word shown in the picture. Click on the picture to hear an audio file of the word.
Anti-spam image