Indycar: Vision-Walker: Tracy a cavallo per Edmonton

0

paul-tracy

Sembra che Paul Tracy ce l’abbia fatta ad assicurarsi la guida di una vettura firmando un contratto per uno sponsors. Questo per correre il gran premio di Edmonton che si disputerà il ventisei di Luglio.  Derrick Walker, il proprietario di una scuderia Champ Car che non aveva compiuto il grande salto verso la Indycar, martedi’ scorso aveva fatto sapere da una intervista avvenuta ad Indianapolis, che fino all’ultimo momento ci sarebbero stati colpi di scena fino all’ultimo momento. “Siamo usciti fuori da una condizione difficile,ed ora stiamo mettendo a posto gli ultimi dettagli”. Lo stesso Walker si aspetta una decisione finale a giorni e afferma che le chances di portare a termine l’affare è circa-  “All’80 per cento”. “Non si può mai dire ‘è fatta’ quando ancora non si è concluso nulla, ma siamo fiduciosi, e l’accordo è molto vicino”.

Di diverso avviso Nick Challis, il procurato di Tracy “So cosa sta accadendo dietro le quinte”- ha fatto sapere all’ “Edmonton Sun”- “Ma non c’è verso che Paul possa partecipare se non con una vettura competitiva. Il mio pensiero è che Paul alla fine non accetti. Vedete, non vedo come Tracy possa confrontarsi con piloti che hanno testato fin da febbraio, mentre loro entrano nella Indeycar senza nessuna esperienza. Non vedo perchè Paul debba partecipare ad una gara, e stare in mezzo alla pista senza sapere che pesci prendere. Sarebbe più che un affare per entrambi, una situazione imbarazzante. Non è quello che si propone di fare il mio assistito”.

Anche Tracy è d’accordo su quel che dice Challis. Il difficile è entrare nell’abitacolo di una nuova vettura e tirare il coniglio fuori dal cilindro. “Sono un buon pilota ma non l’uomo dei miracoli. Alle scuderie ex-Champ Car sono servite settimane per essere veloci e competitive ed ancora non hanno raggiunto l’obiettivo in pieno. Tentare di farlo in un paio di giorni non sarà facile”.

Ed il fatto che Tracy stesso abbia usato il verbo “sarà” al posto di “sarebbe” ci fa pensare che dopotutto questa avventura la voglia tentare.

Walker avrebbe fatto sapere poi che il team sarebbe aiutato dalla Vision, il team di Tony George padre-padrone della serie. Si farebbe una compartecipazione come fatto per Alex Lloyd ad Indianapolis fra Ganassi e Rahal- Letterman. Tracy correrebbe ufficialmente per la Vision, ma la squadra al muretto sarebbe la stessa del team Walker (che in questi ultimi anni si era trasformato in “Team Australia”). Dopotutto Carpenter ed Aj Foyt IV sono piloti forti su ovali che non rendono bene su stradali, mentre Tracy avrebbe l’esperienza giusta per farli crescere anche su questa tipologia di tracciati.

MN

Condividi in

Autore

Lascia un Commento

*
To prove you're a person (not a spam script), type the security word shown in the picture. Click on the picture to hear an audio file of the word.
Anti-spam image