FIA GT San Luis Gara – Bertolini & Bartels sul tetto del Mondo!

1

00_sanluis1

Il duo della Maserati ‘Vitaphone’, con un 5° posto, riesce ad assicurarsi il titolo del Campionato FIA GT 2008. La gara a San Luis, invece, è andata a Kumpen-Longin (Saleen S7r) che con questa vittoria raddrizza una stagione sotto le aspettative.

La coppia del PK Carsport ha subito, nel giro d’onore, una sportellata da Hezemans senza alcun motivo. La figura che ha fatto il Team Phoenix, ma in primis Hezemans con questo gesto furibondo, non è stata sicuramente bella…

Secondi chiudono, a solo mezzo secondo di distacco dai primi, i “Phoenix boys” Gollin-Hezemans, che hanno provato a conquistare il titolo, ma tutto dipendeva dal piazzamento dell’auto di punta del Tridente.

Terzi sono giunti degli abili Soulet-Ledesma-Fumal a bordo della Corvette Z06 ‘SRT’. Fassler-Risatti (quest’ultimo ha sostituito Deletraz per San Luis) si sono ritirati a 22 minuti dalla fine; il ritiro è figlio di un contatto a muro, all’ultima curva, da parte di Fassler che poi, di conseguenza, ha forato. Ad un Fassler incline all’errore si contrappone un ottimo Risatti (ex-GP2), che nel suo stint ha mostrato una buona prestazione.

Così anche l’equipaggio del team Larbre: ad un Mackowiecki maiuscolo nel suo stint, vediamo un Roland Berville che un giro dopo aver preso le redini dell’auto, si va mestamente a stampare contro ad un muro, al 25° giro, rovinando una gara che poteva essere e che non è stata.

Quarta ha chiuso “ l’ anziana del gruppo”, cioè la 550 ACA Argentina di Tuero-Lopez. Sono partiti bene, eseguendo una gara accorta e senza esitazioni, infatti sono stati premiati (anche grazie alle sfortune altrui) con un ottimo piazzamento a punti. Il ritiro ha colpito i compagni Mazzacane-Basso, per problemi tecnici.

Ritiro anche per Negrao-Ramos, che guidano la seconda vettura del Vitaphone. Stavano disputando una gara di “copertura” nei confronti dei team-mate. Peccato che hanno colpito il muro cercando di evitare una GT2 più lenta della loro Maserati, al giro 20, durante il primo pit-stop, hanno solo potuto constatare che c’erano danni irrimediabili al radiatore.

La prima GT2 la troviamo 6° assoluta, ma non è una delle solite Ferrari, bensì, un po’ a sorpresa, è quella del Advanced Engineering di Russo e del più lento Perez Companc (ex-rallista nel WRC), altresì da elogiare la velocità di Russo nella prima parte della corsa.

Ma la vittoria è arrivata grazie al gioco di squadra di Bruni-Vilander, che han fatto passare nel finale Russo e Companc, ambedue argentini.

Comunque, i più veloci in pista, erano Bruni-Vilander. Partiti ultimi, via via hanno recuperato posizioni occupando anche la testa della corsa.

Fino alla quarta posizione di classe troviamo solo Ferrari, la prima Porsche è giunta quinta ed è quella di Palttala-Forsten.

Come non mettere in luce il talento di Cadei (in coppia con il talentuoso Moser), giunto 8° di classe.

Finalmente il Kessel Racing ha messo un pilota capace come Niki Cadei al fianco di Henri Moser.

Malucelli-Ruberti (BMS) sono stati più conservativi, consci del ritiro di Collard, andato a muro dopo solo 5 giri dall’inizio della corsa. Infatti, i due equipaggi lottavano per la 2° posizione in campionato. L’altro equipaggio BMS (Camathias-Balbiani), ha colpito il muro al 45° giro, rovinando la parte destra del cofano motore.

Da segnalare un contatto, all’ultimo giro, fra Palttala (Prospeed) e Bell (CR Scuderia); Palttala era all’interno e Bell chiudeva all’esterno toccandolo inevitabilmente.

L’ordine di arrivo, domenica 23 novembre 2008

1 – Longin/Kumpen (Saleen S7) – PK – 51 Laps 02:00:02.994
2 – Hezemans/Gollin (Corvette C6-R) – Carsport – 0.56
3 – Soulet/Ledesma/Fumal (Corvette C6-R) – Selleslagh – 34.21
4 – Lopez/Tuero (Ferrari 550) – ACA – 01:42.31
5 – Bertolini/Bartels (Maserati MC 12) – Vitaphone – 02:14.00
6 – Russo/Perez Companc (Ferrari F430) – AF Corse – 1 Lap
7 – Bruni/Vilander (Ferrari F430) – AF Corse – 1 Lap
8 – Montanari/Biagi (Ferrari F430) – AF Corse – 1 Lap
9 – Kirkaldy/Bell (Ferrari F430) – CR Scuderia – 2 Laps
10 – Palttala/Forsten (Porsche 997) – Prospeed – 2 Laps
11 – Malucelli/Ruberti (Ferrari F430) – BMS – 2 Laps
12 – Babini/Davies (Ferrari F430) – Ecosse – 2 Laps
13 – Cadei/Moser (Ferrari F430) – Kessel – 2 Laps
14 – Mullen/Niarchos (Ferrari F430) – CR Scuderia – 5 Laps

Ritirati
45 laps – Camathias/Balbiani – BMS
41 laps – Fassler/Risatti – Carsport
27 laps – Kuppens/Leinders – Belgian Racing
25 laps – Mackowiecki/Berville – Larbre
20 laps – Negrao/Ramos – Vitaphone
17 laps – Mazzacane/Basso – ACA
5 laps – Collard/Westbrook – Prospeed

Il campionato GT1 finale
1.
Bertolini-Bartels 70; 2. Gollin-Hezemans 66; 3. Ramos-Negrao 52.5; 4. Fassler 48.5; 5. Deletraz 45.5.

Il campionato GT2 finale
1. Vilander-Bruni 93; 2. Malucelli-Ruberti 60.5; 3. Westbrook 51; 4. Montanari-Biagi 45; 5. Collard 41.

Gabriele Sbrana con l’ausilio di Fiammetta Celso

Condividi in

Autore

1 commento

  1. E’ stata una bella gara, la pista poi era bellissima, tutti i piloti l’hanno giudicata benissimo, grande merito agli organizzatori argentini. Per quanto riguarda il risultato la coppia Gollin-Hezemans era molto sfavorita fin dall’inizio, perchè alla Maserati bastava un piazzamento modesto per assicurarsi il titolo e anche se fossero riusciti a vincere la corsa le cose non sarebbero cambiate… Per quanto riguarda lo strano contatto post-gara Longin ha spiegato che entrambi (Saleen e Corvette) non avevano visto la bandiera a scacchi e stavano continuando a spingere, quindi se la sono cavata con due risate e la cosa è (fortunatamente) finita lì, un bel gesto di sportività di Longin, visto che nonostante la vittoria domani arriverà ovviamente il conto del carrozziere, visto che la fiancata sinistra e la sospensione posteriore sinistra erano ko :mrgreen:

Lascia un Commento

*
To prove you're a person (not a spam script), type the security word shown in the picture. Click on the picture to hear an audio file of the word.
Anti-spam image