F1 News – Jose Luis Alonso:“Fernando non è un arrogante”

F1 News – Jose Luis Alonso:“Fernando non è un arrogante”

00_alonso1

Jose Luis Alonso, padre di Fernando Alonso ha difeso il figlio dagli attacchi dei media che lo hanno definito un arrogante, affermando invece che la conquista dei due titoli mondiali non hanno cambiato il 27enne:

“E’ rimasto quello di sempre” ha detto alla rivista spagnola ‘El Pais’, “La stessa persona affettuosa e serena di sempre. Si comporta sempre allo stesso modo sia con me che con la sua famiglia o i suoi amici.”

“Non puoi bere una birra quando hai 120.000 persone che vengono a vederti correre” ha scherzato, “Sono quelle persone che non hanno la possibilità di frequentarlo che lo criticano maggiormente.”

Cristina Capruzzi

Condividi:

Cristina Capruzzi

5 commenti

gel0376 Scritto il21:30 - 2 Settembre 2008

se Alonso è arrogante allora Hamilton cos’è ?

Davide Mainò Scritto il10:57 - 3 Settembre 2008

Alonso è molto peggio di Hamilton. Su Lewis è stato attuato da parte della stampa (specialmente spagnola ed italiana) un accanimento mediatico vergognoso. Se gli italiani si degnassero di leggere o ascoltare le sue dichiarazioni IN LINGUA ORIGINALE, capirebbero che Hamilton non è quello spaccone che i giornalisti vorrebbero far credere per far notizia. Roba da Novella 2000

gel0376 Scritto il13:49 - 3 Settembre 2008

non è uno spaccone uno che dopo aver vinto 4 gare dice di sentirsi come Senna o Prost ed è pure convinto di aver gia vinto il campionato che ancora non si è concluso ?

Davide Mainò Scritto il19:52 - 3 Settembre 2008

Per quello che sta facendo,a mio avviso il paragone è più che lecito. Cmq il paragone lo hanno fatto i giornalisti (con Senna a Monaco), non lui. Te l’ ho detto, leggi le dichiarazioni in lingua originale, non quelle tradotte in modo truffaldino dalle testate per fare Audience.

gel0376 Scritto il14:17 - 4 Settembre 2008

Allora, Hamilton è un grandissimo pilota secondo me, dico solo che deve stare più calmo quando è davanti alle telecamere. Vedi dopogara GP Giappone 2007. I paragoni ci possono e ci devono stare ma non tra due piloti di due ere così diverse, e per di più tra un tre volte campione del mondo con 10 stagioni di Gran Premi sulle spalle e un giovanissimo, bravissimo, e promettente pilota che alla sua seconda stagione fa già paura ma ha ancora molto da dimostrare.

Lascia un commento