WTCC – Al via la stagione 2012: il calendario, i protagonisti e tutto quello che c’è da sapere sul Mondiale Turismo

0

a cura di Silvano Taormina

Sarà di nuovo dominio Chevrolet o qualcuno proverà a sottrarre lo scettro ai campioni del mondo? Questo è solo uno dei numerosi temi che caratterizzano la vigilia della prima gara stagionale del WTCC, il campionato mondiale per vetture turismo ideato e promosso dalla KSO di Marcello Lotti. Dopo un paio d’anni un po’ sottotono, contraddistinti dalla dipartita in veste ufficiale da parte di BMW e SEAT e dal costante avvicinamento alle posizioni che contano da parte degli Indipendenti, il Mondiale Turismo ritorna ad avere lustro grazie all’entrata immediata di un nuovo costruttore, la Ford, e quella prevista per il finale di stagione da parte dei giapponesi della Honda, presenti in pianta stabile a partire dal 2013. Senza contare il nuovo impegno semi-ufficiale della SEAT, anch’essa in procinto di gareggiare in veste ufficiale nella prossima stagione, e delle gare spot che la Lada disputerà in fase esplorativa. Tutto ciò compenserà senz’altro l’uscita di scena della Volvo.

Saranno venticinque le vetture attese al via di tutti gli appuntamenti, cinque in più rispetto allo scorso anno. Ai senatori della serie quali Muller, Tarquini, Menu e Coronel, si aggiungeranno un bel nugolo di giovani, talvolta giovanissimi, alla prima uscita nel WTCC, se non addirittura al volante di vetture a ruote coperte, fattore che contribuirà ad abbassare notevolmente l’età media dei partecipanti. Un altro elemento di interesse riguarda il calendario, caratterizzato dall’approdo in due Paesi fondamentali per il mercato dell’auto, Stati Uniti e Cina, e lo spostamento sempre più a est delle gare europee, in attesa dello sbarco in Russia nel 2013.

IL CALENDARIO – Dodici le tappe in calendario, tra conferme, novità assolute uscite di scena, come quelle clamorose di Inghilterra, Germania e Belgio oltre alla cancellazione all’ultimo momento della gara argentina di Cordoba. A differenza delle ultime stagioni, il WTCC prenderà il via dal Vecchio Continente. Il primo week-end è in programma a Monza, seguito dal classico appuntamento di Valencia a inizio aprile e da quello africano di Marrakech, di nuovo in calendario dopo i problemi organizzativi dello scorso anno. In primavera il circus si sposterà nell’Est Europa, con la novità assoluta della Repubblica Slovacca ad aprire un terzetto composto da Orechova Poton, Budapest e Salisburgo, prima di attraversare in largo il continente per la gara di Estoril a inizio giugno. Seguirà un mese di pausa che permetterà ai team di solcare l’oceano e presentarsi prima a Curitiba in Brasile, oramai presenza fissa nel calendario iridato, poi in California a Sonoma, sicuramente uno degli eventi più attesi dell’anno. Il finale di stagione si terrà nuovamente in suolo asiatico. Confermata la tappa sul corto di Suzuka, l’altra novità stagionale sarà rappresentata dall’Interational Circuit di Shanghai in luogo dello stretto e tortuoso Tianma proposto nel 2011. La season finale avrà luogo come da consuetudine sul toboga di Macao.

DATA CIRCUITO NAZIONE
11 marzo Monza Italia
1 aprile Valencia Spagna
15 aprile Marrakech Marocco
29 aprile Orechova Poton Repubblica Slovacca
6 maggio Budapest Ungheria
20 maggio Salisburgo Austria
3 giugno Estoril Portogallo
22 luglio Curitiba Brasile
23 settembre Sonoma Stati Uniti
21 ottobre Suzuka Giappone
4 novembre Shanghai Cina
18 novembre Guia Macao

I PROTAGONISTI– Confermato in toto lo schieramento dei campioni del mondo della Chevrolet, con il pluriridato Yvan Muller affiancato per il terzo anno consecutivo dagli esperti Alain Menu e Rob Huff, quest’ultimo accreditato come il principale sfidante dell’alsaziano. Line-up completamente nuova per il Bamboo Engineering, al via con i debuttanti Di Sabatino e MacDowell. A Monza, e forse anche in altri appuntamenti europei, ci sarà anche la Cruze schierata dalla filiale svedese per Rickard Rydell. In casa SEAT è stato effettuato un vero e proprio rimpasto, con le Leon ripartite tra i vari team privati che saranno assistiti dalla casa madre. Tarquini e Dedukalo gareggeranno per il Lukoil Racing, squadra sostenuta dal colosso petrolifero russo che si avvarrà ancora una volta del supporto tecnico dell’Ingegner Giancarlo Bruno. Dall’Inghilterra arriva lo Special Tuning Racing, formazione che fa capo a John Boardman, presente con due vetture per il rampollo Tom e per Darryl O’Young. Gli spagnoli della SunRed, abbondato il propulsore sviluppato autonomamente, si presenteranno al via con due Leon per i giovanissimi Andrea Barlesi e Fernando Monje, entrambi al debutto nel Mondiale Turismo. Un altro baby driver, Pepe Oriola, è stato confermato dopo le buone prestazioni dello scorso anno e farà coppia con l’esperto Tiago Monteiro in seno al nuovo Tuenti Racing Team. La novità assoluta della stagione si chiama Ford, attesa al via grazie al team Arena Motorsport. La compagine diretta da Mike Earle proporrà due Global Focus per Tom Chilton e James Nash, già vincitori del titolo indipendenti nel BTCC e con alle spalle diverse stagioni nella serie inglese. Team privati e supporto semi-ufficiale anche in casa BMW, che avrà ancora una volta il ROAL Motorsport come squadra di riferimento. Confermato l’olandese Tom Coronel, la struttura padovana diretta da Roberto Ravaglia raddoppierà il proprio impegno schierando una seconda vettura per Alberto Cerqui, una delle più belle promesse del motorsport italiano che approda nel WTCC dopo aver conquistato il titolo italiano della Superstars Series. Doppio impegno anche per gli ungheresi del Zengo Dension, attesi al via con due 320TC per il rampante Norbert Michelizs e per Gabor Weber, momentaneamente confermato fino alla tappa di Marrakech. Un’auto in meno per il Liqui Moly Engstler che al patron Franz affiancherà Charles Kaki Ng, pilota di Hong Kong già presente con il team tedesco nelle tappe asiatiche di fine 2011. Mehdi Bennani e Javier Villa saranno nuovamente gli alfieri del Proteam Motorsport, anche se sulla presenza dell’iberico aleggiano ancora delle nubi. Ai due si aggiungerà Isaac Tutumlu Lopez, spagnolo di origine turca proveniente dal GT. Torna in auge il binomio Wiechers Sport-Stefano D’Aste, con il pilota lombardo pronto a bissare il titolo Indipendenti conquistato nel 2007 proprio con la formazione teutonica.

NUM. PILOTA TEAM AUTO
1 Yvan Muller RML Chevrolet Cruze 1.6T
2 Robert Huff RML Chevrolet Cruze 1.6T
3 Gabriele Tarquini Lukoil Racing Team SEAT Leon
4 Aleksei Dudukalo Lukoil Racing Team SEAT Leon
5 Norbert Michelisz Zengo Motorsport BMW 320TC
6 Franz Engstler Liqui Moly Engstler BMW 320TC
7 Charles Kaki Ng Liqui Moly Engstler BMW 320TC
8 Alain Menu RML Chevrolet Cruze 1.6T
9 Rickard Rydell Nika Racing Chevrolet Cruze 1.6T
11 Alex MacDowell Bamboo Engineering Chevrolet Cruze 1.6T
12 Pasquale Di Sabatino Bamboo Engineering Chevrolet Cruze 1.6T
14 James Nash Team Aon Ford Focus
15 Tom Coronel ROAL Motorsport Ford Focus
16 Alberto Cerqui ROAL Motorsport BMW 320TC
18 Tiago Monteiro Tuenti Racing Team SEAT Leon
20 Darryl O’Young Special Tuning Racing SEAT Leon
22 Tom Boardman Special Tuning Racing SEAT Leon
23 Tom Chilton Team Aon Ford Focus
24 Isaac Tutumlu Lopez Proteam BMW 320TC
25 Mehdi Bennani Proteam BMW 320TC
26 Stefano D’Aste Wiechers Sport BMW 320TC
27 Gabor Weber Zengo Motorsport BMW 320TC
40 Andrea Barlesi SunRed Engineering SEAT Leon
74 Pepe Oriola Tuenti Racing Team SEAT Leon
88 Fernando Monje SunRed Engineering SEAT Leon

Condividi in

Autore

Lascia un Commento

*
To prove you're a person (not a spam script), type the security word shown in the picture. Click on the picture to hear an audio file of the word.
Anti-spam image