WEC – 6 ore di Spa-Francochamps: trionfa l’R18 Ultra di Dumas-Duval-Genè. Poker dell’Audi.

0

a cura di Alessandro Roca.

Il poker è servito. Nessun colpo di scena al vertice delle Lmp1, categoria che ha assistito al dominio della casa di Inglostadt. Quattro Audi R18 nei primi quattro posti. Tuttavia c’è stata una sorpresa: non è stata una delle nuovissime Audi E-Tron a vincere, bensì una delle “vecchie” R18 Ultra, precisamente quella guidata da Dumas-Duval-Genè.

La prima parte di gara si è svolta con pista bagnata e le nuove E-Tron erano decisamente più veloci delle altre due R18. A mano a mano che la pista andava asciugandosi, sono tornate alla ribalta le R18 Ultra. Il cambio al vertice è stato un azzardo di Marc Genè, ex pilota Pegeot, che ha montato le gomme slik, trovando la soluzione ideale che gli ha permesso di rimontare su Andre Lotterer. Il sorpasso è stato compiuto da Duval su Treluyer. Dopo il sorpasso non ci sono stati problemi per l’equipaggio vincitore, che ha chiuso con più di 40″ di vantaggio sui diretti inseguitori. Terzo posto per l’altra R18 Ultra, quella guidata da Bonanomi e Jarvis che hanno sfumato le disavventure della vettura #2. La prima vettura che non appartiene allo squadrone Audi è stata la Lola-Toyota del Rebellion Racing guidata da Prost-Jani-Heidfeld che ha chiuso con tre giri di ritardo.

Nella Lmp2 ha trionfato la Zytek-Nissan del team Jota pilotata da Simon Dolan e Sam Hancock che ha superato la Oreca 03-Nissan #25 che si è dovuta fermare per uno splash ando go. Terzo posto per l’Oreca 03-Nissan di Firth-Hughes-Hartley.

Nella classe GT, trionfa la Porche di Lieb-Litz, quest’ultimo bravissimo nel resistere agli attacchi della Ferrari 458 dell’AF Corse. Chiude il podio la 458 di Frédéric Makowiecki e Jaime Melo.

Twitter: @alessandroroca

Condividi in

Autore

Lascia un Commento

*
To prove you're a person (not a spam script), type the security word shown in the picture. Click on the picture to hear an audio file of the word.
Anti-spam image