Superbike – Donington, Superpole: Checa il più veloce, screzi tra Biaggi e Melandri: è polemica

0

Il secondo round del mondiale Superbike si disputa sul tracciato inglese di Donington Park: temperature basse e condizioni atmosferiche non favorevoli “accolgono” oggi la sessione di Superpole che decreterà lo schieramento finale.

La prima fase di qualificazione si apre con la brutta caduta di Eugene Laverty: il pilota corre un grosso rischio dato che la moto gli vola letteralmente sopra, ma fortunatamente non subisce conseguenze e corre ai box per prendere la seconda moto. Alla fine della Q1 è inaspettatamente Tom Sykes in sella alla Kawasaki ufficiale a siglare il crono più veloce, seguito da un Haslam galvanizzato dal round di casa, mentre Checa appare davvero costante da subito. Vengono eliminati Laverty, che non riesce ad avere la confidenza giusta dopo la caduta, Guintolì, Berger e Xaus.

La Q2, più che per la successioni di tempi veloci, è segnata dagli screzi in pista tra Biaggi e Melandri, che riaccendono le vecchie rivalità fra loro. Durante una fase piuttosto concitata della seconda Superpole, Max Biaggi infatti ostacola Melandri nel pieno del suo giro veloce. L’italiano di Yamaha risponde chiudendo la traiettoria al romano proprio alla curva successiva. A fine sessione è però Melandri a farne le spese: l’italiano, non essendo riuscito nel suo giro, viene scalzato dalla Q3 proprio dal tempo dell’ altro pilota Aprilia Leon Camier. Assieme a Melandri non passano il turno Corser, Fabrizio e Lascorz.

La Superpole 3 è siglata dal crono velocissimo di Carlos Checa: lo spagnolo di Ducati Althea conquista la pole il 1′ 28.099, a più di due decimi dal secondo classificato Leon Haslam, mentre Tom Sykes chiude terzo. Ma gli “errori” in pista di Max Biaggi non finiscono qui: il Corsaro, infatti, ancora una volta ostacola Noriyuki Haga nel conseguimento della pole provvisoria. A fine turno Haga è solamente 5°, mentre Biaggi chiude 6°.

Gli screzi, però, non accennano a finire nemmeno al termine della Superpole. Biaggi e Melandri, infatti, si accusano a vicenda in un confronto verbale davvero concitato, mentre Marco Borciani, team manager di Haga, accende la polemica contro il pilota romano affermando che qualcuno dovrebbe prendere provvedimenti. La sfida è accesa più che mai: non resta che attendere Gara 1 e Gara 2 per vedere come andrà.

 

Beatrice Moretto

 

Donington – SUPERBIKE – Superpole
1. Carlos Checa (Althea Racing) Ducati 1098R 1’28.099
2. Leon Haslam (BMW Motorrad Motorsport) BMW S1000 RR 1’28.365
3. Tom Sykes (Kawasaki Racing Team Superbike) Kawasaki ZX-10R 1’28.556
4. Jakub Smrz (Team Effenbert-Liberty Racing) Ducati 1098R 1’28.561
5. Noriyuki Haga (PATA Racing Team Aprilia) Aprilia RSV4 Factory 1’28.673
6. Max Biaggi (Aprilia Alitalia Racing Team) Aprilia RSV4 Factory 1’28.702
7. Leon Camier (Aprilia Alitalia Racing Team) Aprilia RSV4 Factory 1’28.737
8. Jonathan Rea (Castrol Honda) Honda CBR1000RR 1’29.514
9. Marco Melandri (Yamaha World Superbike Team) Yamaha YZF R1 1’28.803
10. Troy Corser (BMW Motorrad Motorsport) BMW S1000 RR 1’28.836
11. Michel Fabrizio (Team Suzuki Alstare) Suzuki GSX-R1000 1’29.135
12. Joan Lascorz (Kawasaki Racing Team) Kawasaki ZX-10R 1’29.422
13. Eugene Laverty (Yamaha World Superbike Team) Yamaha YZF R1 1’29.312
14. Sylvain Guintoli (Team Effenbert-Liberty Racing) Ducati 1098R 1’29.879
15. Maxime Berger (Supersonic Racing Team) Ducati 1098R 1’30.002
16. Ruben Xaus (Castrol Honda) Honda CBR1000RR 1’30.076
17. Ayrton Badovini (BMW Motorrad Italia SBK Team) BMW S1000 RR 1’30.169
18. Roberto Rolfo (Team Pedercini) Kawasaki ZX-10R 1’30.680
19. Mark Aitchison (Team Pedercini) Kawasaki ZX-10R 1’31.117
20. Chris Vermeulen (Kawasaki Racing Team) Kawasaki ZX-10R 1’31.485

 

Condividi in

Autore

reporter Moto Gp-Superbike

Lascia un Commento

*
To prove you're a person (not a spam script), type the security word shown in the picture. Click on the picture to hear an audio file of the word.
Anti-spam image