IndyCar – Ganassi crea un team satellite per Rahal

0

In una conferenza stampa oggi all’Indianapolis Motor Speedway, Chip Ganassi ha annunciato l’espansione del suo team, che schiererà due ulteriori vetture nella prossima stagione della IZOD IndyCar Series. Il team sarà gestito in coabitazione da Ganassi e dall’ex protagonista della NHRA (la maggiore categoria di corse per dragster) Don ‘The Snake’ Prudhomme, la cui organizzazione ha sede a pochi chilometri da Indianapolis. Come svelato da diversi rumors, i piloti saranno due americani: Graham Rahal e Charlie Kimball. Il primo, come annunciato in autunno, sarà appoggiato dal gruppo TBC Retail Group, che rappresenta un insieme di brand legati all’industria automobilistica, mentre Kimball sarà seguito come nei suoi due anni in Firestone Indy Lights dall’azienda farmaceutica Novo Nordisk. “E’ un giorno emozionante per la nostra squadra e per la IndyCar“, ha detto Ganassi. “Le sponsorizzazioni sono la linfa vitale delle corse automobilistiche, ed è bello avere persone che la pensano allo stesso modo e che capiscono come funziona e come si vuole far funzionare la propria attività. Entrambe le organizzazioni sono al centro della scena, e noi vogliamo rimanere competitivi e stare in prima linea. Io penso che si debba sempre guardare al di fuori, a quei piloti che stanno venendo fuori. Non sto spingendo Scott (Dixon) e Dario (Franchitti) fuori dalla porta, ma loro sono di un’altra epoca. Abbiamo voluto assicurarci l’opportunità di lavorare anche con dei piloti giovani. Molti non lo sanno, ma noi seguivamo Charlie da un certo numero di anni, dai tempi della F3 in Europa e in Indy Lights. Siamo entusiasti di avere l’opportunità di trasformare questo rapporto di lunga data in una reale collaborazione.” Per Rahal, il più giovane poleman e il più giovane vincitore di una gara IndyCar, si tratta di un ritorno a tempo pieno dopo aver guidato per quattro diversi team nel corso dell’ultimo anno. “Questo è il tipo di opportunità che sogna ogni pilota“, ha detto Rahal. “Ho lavorato tanto per entrare nell’organizzazione di Chip e ora questa è diventato una realtà. Sono entusiasta di far parte di questa grande organizzazione e sono ansioso di trarre il massimo da questa opportunità. L’anno scorso è stata interessante; un sacco di alti e bassi. Ti fa apprezzare di più quando poi hai un’opportunità come questa.” Kimball ha terminato invece l’ultima stagione al quarto posto della classifica della Indy Lights. Il pilota americano potrebbe diventare il primo malato di diabete a qualificarsi alla 500 Miglia di Indianapolis. “Sono onorato di unirmi a Ganassi ed entusiasta di correre in IndyCar“, ha detto Kimball. “Questo è un sogno che si avvera e sono molto orgoglioso di lavorare con Novo Nordisk e continuare a diffondere il messaggio che il diabete non deve rallentare chi ne viene colpito.”

Condividi in

Autore

Lascia un Commento

*
To prove you're a person (not a spam script), type the security word shown in the picture. Click on the picture to hear an audio file of the word.
Anti-spam image