Tag: Dpr

GP2 Asia – Abu Dhabi, gara 2 – Un fantastico Valsecchi ipoteca il titolo

Dopo la maiuscola prestazione fatta segnare anche in gara 2, Davide Valsecchi mette una seria ipoteca sulla conquista del titolo che 12 mesi fa fu conquistato da Kobayashi. Bella e combattuta la gara negli emirati arabi, caratterizzata da molti sorpassi e molta azione. Da evidenziare anche Jules Bianchi, che alla prima gara con la Dallara GP2, ha fatto registrare un numero considerevole di sorpassi.

La cronaca

Difficoltà nella partenza, con Villa prima e Bianchi poi, che fanno abortire le prime due procedure di partenza. Allo spegnersi dei semafori, Chilton non ha un ottimo spunto dalla prima fila e subito viene sopravanzato da Herck, Rossi e Ricci. Un contatto a tre tra Kral, Perez e Filippi mette fuori gioco il primo, mentre Filippi è costretto a visitare i box. Quando la vettura viene rimossa e la safety car si congeda, Ricci non si fa cogliere impreparato e scavalca Rossi, seguito a ruota da Valsecchi. La classifica vede Herck al comando, seguito dal compagno di squadra Ricci, poi Valsecchi, Rossi e Chilton.

Inizia a dare spettacolo Jules Bianchi, che essendo partito dalla pit lane, è costretto ad una rimonta a suon di sorpassi. Il francese mette a segno una serie di sorpassi decisi, scalando la classifica. Il vincitore di gara 1, Turvey, non riesce a resistere a Perez, mentre al decimo giro Pic supera Bratt, campione dell’Euro3000 2009. Rossi perde un altra posizione in favore di Perez.

Valsecchi intanto si è avvicinato a Ricci, superandolo sul rettilineo, con Giacomo che cede solo per salvare l’arrivo a podio. Valsecchi, non contento, si getta all’inseguimento di Herck. Il sorpasso avviene prima dell’inizio dell’ultimo giro. Contatto al tornantino tra Arabadzhiev e Van Der Garde, con ulteriore salto in avanti di Bianchi. Vittoria quindi di Davide valsecchi, la seconda dopo la prova di apertura dello scorso novembre, seguito dall’accoppiata Herck-Ricci, che costituiscono la rinascita del team DPR dopo l’avvenuto cambiamento di tecnici ed ingegneri (alcuni sembra siano stati concessi proprio dall’uscente Durango). Settima posizione finale Per Jules Bianchi. Davvero un ottimo inizio.

Abu Dhabi, gara 2

1 – Davide Valsecchi – iSport – 21 giri 41’00″566
2 – Michael Herck – DPR – 1″969
3 – Giacomo Ricci – DPR – 4″227
4 – Sergio Perez – Addax – 11″618
5 – Oliver Turvey – iSport – 12″235
6 – Max Chilton – Ocean – 19″619
7 – Jules Bianchi – ART – 20″018
8 – Charles Pic – Arden – 20″686
9 – Alexandre Rossi – Meritus – 26″380
10 – Vlaimir Arabadzhiev – Rapax – 27″038
11 – Javier Villa – Arden – 27″400
12 – Marcus Ericsson – Super Nova – 28″307
13 – Dani Clos – Trident – 29″574
14 – Christian Vietoris – Dams – 30″993
15 – Daniel Zampieri – Rapax – 31″691
16 – Edoardo Piscopo – Dams – 32″213
17 – Luca Filippi – Meritus – 34″854
18 – Alberto Valerio – Coloni – 39″649
19 – Giedo Van Der Garde – Addax – 63″697
20 – Plamen Kralev – Trident – 67″219

Giro più veloce: Davide Valsecchi 1’52″061

Ritirati
19° giro – Will Bratt
17° giro – Fabio Leimer
1° giro – Josef Kral
1° giro – Sam Bird

Marco Borgo

Gp2 Series- Test day 2: I tempi confermano l’ottima forma di Jakes

139484

 Si conferma tra i piloti più veloci e più in forma l’inglese Jakes, che, dopo un promettente week end di gara in Gp2 Asia, è sempre rimasto fra i primi nei di test di queste settimane. Oggi la prima sessione è tutta sua e mantiene il primato del miglior tempo di giornata; bene Herck, leader assoluto ieri, a mantenere il podio virtuale nella mattinata.

Migliora decisamente Coletti con DAMS, quarto nella prima sessione, e si confermano Razia, autore della pole nel secondo turno, Vietoris, Bird e Turvey. Ericsson in prova con Arden chiude ai piedi della top ten, formando un terzetto di esordienti con Pic e Rossi.

Nel pomeriggio migliora l’italiano Ricci e si impongono Bratt e Bianchi. Colpiscono le prestazioni di Da Costa e Vasiliauskas.

prima sessione

1 – James Jakes – Super Nova – 1’12”346 – 28 giri
2 – Luiz Razia – Barwa Addax – 1’12”518 – 42
3 – Michael Herck – DPR – 1’12”523 – 25
4 – Stefano Coletti – DAMS – 1’12”594 – 27
5 – Christian Vietoris – Barwa Addax – 1’12”594 – 40
6 – Sam Bird – Arden – 1’12”600 – 41
7 – Oliver Turvey – iSport – 1’12”627 – 35
8 – Roldan Rodriguez – Racing Engineering – 1’12”663 – 34
9 – Jerome d’Ambrosio – Ocean – 1’12”760 – 29
10 – Alexander Rossi – Piquet GP – 1’12”784 – 30
11 – Charles Pic – Racing Engineering – 1’12”837 – 42
12 – Marcus Ericsson – Arden – 1’13”128 – 53
13 – Antonio Felix Da Costa – Ocean – 1’13”176 – 39
14 – Jules Bianchi – ART – 1’13”195 – 38
15 – Kazim Vasiliauskas – Trident – 1’13”328 – 53
16 – Jan Charouz – ART – 1’13”337 – 24
17 – Giacomo Ricci – DPR – 1’13”347 – 26
18 – Max Chilton – iSport – 1’13”369 – 45
19 – Will Bratt – PartyPoker by Coloni – 1’13”424 – 33
20 – Vladimir Arabadzhiev – Piquet GP – 1’13”528 – 33
21 – Fabio Leimer – DAMS – 1’13”738 – 20
22 – Josef Kral – Super Nova – 1’13”883 – 21
23 – Andrea Caldarelli – Party Poker by Coloni – 1’14”191 – 34
24 – Plamen Kralev – Trident – 1’14”521 – 44

seconda sessione

1 – Luiz Razia – Barwa Addax – 1’12″416
2 – James Jakes – Super Nova – 1’12″434
3 – Jules Bianchi – ART – 1’12″451
4 – Will Bratt – PartyPoker Coloni – 1’12″465
5 – Antonio Felix Da Costa – Ocean – 1’12″497
6 – Roldan Rodriguez – Racing Engineering – 1’12″500
7 – Jerome D’Ambrosio – Ocean – 1’12″533
8 – Oliver Turvey – iSport – 1’12″559
9 – Sam Bird – Arden – 1’12″620
10 – Kazimieras Vasiliauskas – Trident – 1’12″664
11 – Christian Vietoris – Barwa Addax – 1’12″743
12 – Marcus Ericsson – Arden – 1’12″806
13 – Giacomo Ricci – DPR – 1’12″885
14 – Alexander Rossi – Piquet GP – 1’12″912
15 – Max Chilton – iSport – 1’12″995
16 – Stefano Coletti – Dams – 1’13″114
17 – Andrea Caldarelli – PartyPoker Coloni – 1’13″123
18 – Fabio Leimer – Dams – 1’13″419
19 – Josef Kral – Super Nova – 1’13″480
20 – Jan Charouz – ART – 1’13″589
21 – Vladimir Arabadhziev – Piquet GP – 1’13″724
22 – Plamen Kralev- Trident – 1’15″076

Gp2 Series- Paul Ricard: primato di giornata per Herck

 

137384 herck

 

 

Giornata piena e tutta al top per il pilota Dpr Michael Herck che segna il miglior tempo e conquista la vetta della classifca in entrambe le sessioni.  Insieme a lui si confermano le new entry Leimer, Bird e Turvey mentre spetta all’altro inglese, Jakes, chiudere la “top eight” dei piloti entro l’1′ 12″. Migliorano i tempi del rookie Rosenzweig.

Fra coloro che in Gp2 sono già di ruolo, buona prestazione di Valsecchi, Chandhok e D’Ambrosio.

I tempi della seconda sessione

1 – Michael Herck – DPR – 1’12″271 – 33 giri
2 – Fabio Leimer – Racing Engineering – 1’12″619 – 36
3 – Sam Bird – ART – 1’12″746 – 30
4 – Oliver Turvey – iSport – 1’12″764 – 34
5 – Davide Valsecchi – iSport – 1’12″771 – 34
6 – Karun Chandhok – PartyPoker Coloni – 1’12″786 – 32
7 – Jerome D’Ambrosio – Barwa Addax – 1’12″839 – 21
8 – James Jakes – Super Nova – 1’12″929 – 26
9 – Stefano Coletti – Piquet GP – 1’13″032 – 32
10 – Luiz Razia – Arden – 1’13″066 – 49
11 – Esteban Gutierrez – Arden – 1’13″262 – 27
12 – William Bratt – PartyPoker Coloni – 1’13″303 – 23
13 – Jake Rosenzweig – Super Nova – 1’13″387 – 42
14 – Alexander Rossi – Dams – 1’13″402 – 40
15 – Max Chilton – Barwa Addax – 1’13″565 – 35
16 – Christian Vietoris – Racing Engineering – 1’13″568 – 22
17 – Alberto Valerio – Dams – 1’13″574 – 27
18 – Vladimir Arabadzhiev – Piquet GP – 1’13″710 – 45
19 – Charles Pic – Ocean – 1’13″802 – 35
20 – Rodolfo Gonzalez – Ocean – 1’14″049 – 43
21 – Jan Charouz – ART – 1’14″121 – 31
22 – Giacomo Ricci – DPR – 1’14″141 – 17
23 – Kevin Nai Chia Chen – Trident – 1’14″991 – 41
24 – Plamen Kralev – Trident – 1’16″766 – 22

GP2

Gp2 Asia- Dubai, test e squadre in pista

pell9157

 

 

 

Saranno forse cinque gli italiani a partecipare alla prossima stagione di Gp2 Asia, la cui griglia di partenza, oltre alla conferma di Valsecchi venuta nei giorni scorsi con Isport, Zampieri in Piquet Gp, Piscopo con Dams, potrebbe vedere anche Ricci confermato da Dpr e Filippi con Meritus (i due piloti hanno già corso in Gp2 Asia con questi team).

I test di Jerez hanno messo in luce e dato accesso a numerosi piloti provenienti dalla F.Master che, a a parte i due fuoriclasse Leimer e Rossi, (entrambi con Ocean), lancia Kral e Arabadzhiev. In vista dei test prestagione di Abu Dhabi, Arden prova con il francese Pic,(al debutto nella Serie, con alle spalle un test nella sessione invernale di Gp2 lo scorso anno; terzo in Euro Cup F.Renault 2.0 nel 2007, sesto nel World Series Renault 2008 e attualmente vicecampione 2009 nella stessa categoria), e il venezuelano Gonzalez (nella compatizione asiatca 2008-2009 e in Euro Series 3000 con Fmsi-Coloni nel 2009).

Jakes, dopo due anni di test con Supernova semba essere uno dei candidati (insieme appunto a Kral ) e il connazionale Bird sarà affiancato con tutta probabilità dallo svedesino Ericsson (Bianchi correrebbe per la sola Main Series come il suo predecessore Hulkenberg); Chilton sarà con Barwa-Addax ; Bratt con Coloni che conferma anche Rodriguez, “vecchia” conoscenza del team FMSI, e Turvey è pronto ad essere a disposizione della squadra non solo nella classe maggiore ma anche per il “winter trophy” asiatico.

Grande assente il team Durango.

Così in pista per la prima di Abu Dhabi:

Arden
Charles Pic
Rodolfo Gonzalez

ART
Marcus Ericsson
Sam Bird

Barwa Addax
Max Chilton
Luiz Razia

Coloni
Roldan Rodriguez
William Bratt

 Dams

Christian Vietoris
Edoardo Piscopo

DPR
Michael Herck?
Giacomo Ricci?

 

iSport
Oliver Turvey
Davide Valsecchi

Meritus
Luca Filippi ?
Diego Nunes ?

Ocean
Alexander Rossi
Fabio Leimer

Piquet GP
Vladimir Arabadzhiev
Daniel Zampieri

Super Nova
James Jakes
Josef Kral

Trident
Johnny Cecotto
Plamen Kralev

 

GP2

Gp2 Asia- Cecotto Jr con Trident; esordio per il bulgaro Kralev

14-03272009110224

 Il ventenne venezuelano figlio d’arte Johnny Cecotto Jr, dopo la terza piazza nel campionato di F3 tedesca 2008 e la stagione corrente divisa fra la partecipazione al campionato Euro Series di F3 (con HRB) e la Gp2 (nelle gare di Monza e Portimao con Dpr), sarà con Trident ad Abu Dhabi per la prima gara della Serie Asia. L’altra vettura sarà affidata al pilota di gran turismo bulgaro Plamen Kralev, (come annunciato dallo stesso team Trident), da due anni nel mondo del motorsport. Primo pilota bulgaro nella storia delle corse a disputare la 24 Ore di LeMans (nel 2008 con Porsche nella categoria Gt2; nella 1000 km di Spa nel 2009 con la Ferrari F420 sempre in Gt2)

 Con Barwa-Addax insieme a Chilton si segnala la presenza di Razia (con Coloni Party-Poker nel corso del 2009 per la Main Series Gp2).

GP2

Gp2 Series- Terzo giorno di test, sessione sotto la pioggia

 

 

125366clos

 

Tempi alti per la sessione della mattina  a Jerez, caratterizzata da pioggia e tempo instabile.Si mette al primo posto Clos, tornato a bordo della vettura con cui ha corso durante il campionato, seguito da D’Ambrosio, uni dei protagonisti indiscussi di queste tre giornate di test, da Razia (in prova con Barwa Addax) e Mortara tornato in pista con Arden.

In vista Bratt, Herck e Turvey, rimasti indietro nelle scorse sessioni e si afferma migliorando la propria prestazione il campione di F.Master Fabio Leimer che chiude all’ottavo posto.

Bene anche Valsecchi e Onidi.

 

Loeb, al debutto in questa categoria, segna i suoi primi giri e si mette al diciottesimo posto mentre l’altro pilota d’eccezione Bruno Senna effettua il primo test di giornata con Isport (con cui è stato vicecampione 2008).

Ericsson che ieri ha girato con il team inglese di Paul Jackson, oggi prova Art.

 

 

1 – Dani Clos – Racing Engineering – 1’28″875 – 17 giri
2 – Jerome D’Ambrosio – Racing Engineering – 1’28″936 – 26
3 – Luiz Razia – Barwa Addax – 1’29″095 – 35
4 – Edoardo Mortara – Arden – 1’29″372 – 23
5 – Will Bratt – PartyPoker Coloni – 1’29″527 – 22
6 – Michael Herck – DPR – 1’29″850 – 33
7 – Oliver Turvey – iSport – 1’29″932 – 17
8 – Fabio Leimer – Ocean – 1’30″071 – 20
9 – Roldan Rodriguez – Arden – 1’30″125 – 24
10 – Filip Salaquarda – Trident – 1’30″197 – 30
11 – Davide Valsecchi – Super Nova – 1’30″489 – 10
12 – James Jakes – Super Nova – 1’30″498 – 7
13 – Fabio Onidi – Trident – 1’30″611 – 25
14 – Bruno Senna – iSport – 1’30″995 – 26
15 – Vladimir Arabadzhiev – Piquet GP – 1’31″039 – 28
16 – Rodolfo Gonzales – Ocean – 1’31″128 – 25
17 – Jon Lancaster – Dams – 1’31″391 – 34
18 – Sebastien Loeb – DPR – 1’31″487 – 32
19 – Max Chilton – Barwa Addax – 1’32″083 – 22
20 – Marco Bonanomi – PartyPoker Coloni – 1’32″210 – 19
21 – Alexander Rossi – Dams – 1’33″592 – 35
22 – Francesco Castellacci – Durango – 1’34″135 – 7
23 – Marcus Ericsson – ART – 1’41″867 – 22
24 – Chris Van der Drift – Piquet GP – 1’42″140 – 25
25 – Jan Charouz – ART – 1’43″143 – 15

GP2

Gp2 Series- Portimao, gara2: Filippi vince una gara concitata; paura per Petrov ed Herck

 filippi-supernova

 Paura al primo giro  con Herck (in gara 2 nonostante la squalifica in gara1 che gli fa perdere il sesto posto e i primi punti per il team Dpr) che tampona alla partenza Petrov. Il pilota russo, partito più lentamente, viene colpito con violenza dall’avantreno di Herck e per i due si teme il peggio. Entra in pista la safety car per via dei numerosi detriti lasciati sulla pista dall’incidente mentre i due piloti vengono soccorsi dai medici. Herck non riporta fratture nonostante la paura iniziale e Petrov riesce ad uscire, sebbene sotto shock, dalla sua vettura. (gara comunque iniziata in modo concitato quando il rookie Cecotto Jr al giro di installazione era rimasto fermo sulla griglia).

Leadership a questo punto per Zuber che ha l’opportunità di mettere a segno un risultato importante per la sua squadra e per il suo campionato alquanto sfortunato nel corso della stagione. Secondo Valsecchi seguito da Kobayashi che con un guizzo ha superato alla ripartenza Lucas DiGrassi mentre il campione Hulkenberg è comunque scattato già bene al via ed è quinto quando da dietro si innesca la rimonta furiosa di Filippi.

Il pilota italiano, dopo l’ottimo secondo posto in gara1, è autore di un mirabile sorpasso in sequenza prima su Kobayashi e poi anche su DiGrassi, ma per molti piloti è in agguato la penalità.Drive trough per manovre pericolose alla ripartenza in regime ancora di safetycar e i piloti di testa rientrano ai box mentre Filippi si avvantaggia. Davanti a lui solo Valsecchi, in una questione tutta italiana in cui però è il neo entrato in barwa Addax ad avere la peggio e a perdere una ghiotta opportunità per vincere la gara.

Penalizzato anche lui con il passaggio obbligato in pitlane, rimane solo Filippi che va a vincere, seguito da Perez, Villa, Clos e Parente.

– Luca Filippi – Super Nova – 24 giri
2 – Javier Villa – Super Nova – 8″3
3 – Dani Clos – Racing Engineering – 9″0
4 – Alvaro Parente – Ocean – 9″4
5 – Diego Nunes – iSport – 13″6
6 – Giedo Van der Garde – iSport – 13″9
7 – Alberto Valerio – Piquet GP – 19″3
8 – Edoardo Mortara – Arden – 21″6
9 – Davide Rigon – Trident – 21″8
10 – Jerome D’Ambrosio – Dams – 24″0
11 – Sergio Perez – Arden – 4″1
12 – Andreas Zuber – PartyPoker Coloni – 30″2
13 – Karun Chandhok – Ocean – 33″4
14 – Davide Valsecchi – Barwa Addax – 33″8
15 – Lucas Di Grassi – Racing Engineering – 34″7
16 – Nico Hulkenberg – ART – 35″0
17 – Luiz Razia – PartyPoker Coloni – 39″5
18 – Johnny Cecotto – DPR – 50″6
19 – Kamui Kobayashi – Dams – 51″7
20 – Pastor Maldonado – ART – 52″5
21 – Ricardo Teixeira – Trident – 1 giro

GP2

GP2 – Johnny Cecotto con DPR a Monza e Portimao

Johnny Cecotto

Martedì 8 settembre. Il Team DPR è lieto di annunciare che Johnny Cecotto affiancherà Michael Herck nella ultime due gare del Campionato GP2 Series.

Cecotto prende il posto di Frank Perera, che tutto il Team DPR ringrazia per il contributo e la professionalità. Dispiace che Frank in più occasioni non abbia potuto dimostrare il suo valore per discutibili decisioni dei commissari sportivi che lo hanno escluso sia dalla gara 1 di Budapest che dalle due gare di SPA per essere andato oltre il 107% (a Budapest per essere stato spinto fuori pista da Grosjean, mentre a SPA per un problema tecnico).

Johnny Cecotto, classe 1989, ha debuttato su una monoposto nel 2005 in Formula BMW e successivamente in Formula Renault 2000. Nel 2006 ha disputato gare in Formula Renault 2000 e in Formula 3, debuttando nello stesso anno inoltre in una gara dell’Euroseries 3000. L’anno successivo disputa il campionato International Formula Master mentre nel 2008 gareggia nella Formula 3 tedesca, dove vince due gare e conclude al terzo posto in classifica (a pari punti con il secondo) nonostante abbia disputato due gare in meno. In questa stagione ha corso in Formula 3 Euroseries. Per Johnny, che compie venti anni il 9 settembre, si tratta del debutto in GP2 Series.

Con questa scelta il Team DPR guarda avanti e pone le basi per un solido futuro in cui diventare un team di riferimento per i giovani talenti dell’automobilismo sportivo.

Johnny Cecotto

“Sono felicissimo di questa opportunità, ma sono anche cosciente che sarà per me una sfida difficilissima, dato che non conosco affatto la vettura e per regolamento non è possibile effettuare sessioni di test privati. Dovrò quindi utilizzare la mezz’ora di prove libere per imparare velocemente i segreti di questa monoposto badando a non commettere errori. Il mio unico obiettivo in queste quattro gare è quello di accumulare quanti più chilometri possibile e maturare esperienza. Fortunatamente il debutto avverrà a Monza, una pista che conosco molto bene: un piccolo aiuto in più. Ringrazio il Team DPR per questa opportunità e spero di ripagare la loro fiducia con delle buone prestazioni in pista.”

Comunicato Stampa DPR

Ricordiamo, a titolo di cronaca,  che Johnny Cecotto jr è figlio arte. Il padre , il venezuelano Johnny Cecotto, è stato un famoso motociclista negli anni Settanta che ha corso ad altissimi livelli prima di abbandonare il mondo delle due ruote a fine stagione nel 1980, quando ha optato per una carriera sulle ruote scoperte. Prima l’approdo in F2 con il team Minardi; due anni più tardi sfiorerà il titolo con il team March-BMW, perdendo l’alloro a favore dell’italiano  Corrado Fabi , per via del sistema punteggio vigente allora.  La grande occasione arriva nel 1983, anno in cui debutta in F1, nel primo gran premio stagionale in Brasile con Theodore. Nella massima serie colleziona diciotto partenze su ventitrè partecipazioni in gran premi iridati. A questi va aggiunto ad onor di cronaca, anche una mancata presenza con Osella nel 1982 al gp di Italia. Un incidente a Brands Hatch nel 1984, anno in cui era compagno di scuderia di Ayrton Senna in Toleman, mette fine alla sua carriera ad alti livelli nelle ruote scoperte . Il suo bottino, in F1, è rappresentato da un punto iridato conquistato a Long Beach 1983, nel suo secondo gran premio disputato.

Gp2 Series- Nurburgring:nuova chance per Perera

toyotagrandprixlongbeachko-ezmynif7l

 Il pilota francese Franck Perera ( quarto nel campionato F3 Euro Series nel 2005, decimo all’appuntamento di Macau; nel 2006 esordisce in Gp2; nel 2007 si trasferisce negli States e partecipa al campionato Champ Car Atlantic per poi arrivare in Indycar nel 2008 e disputare parte della stagione oltre al campionato Indy Lights. Quinto in Superleague Formula col team AS Roma) che attualmente prosegue la carriera in Indy Car e Champ Car Atlantic, è stato scelto dal team DPR per disputare la prossima gara di Gp2 sul tracciato del Nurburgring.

Il pilota francese sostituisce l’italiano Giacomo Ricci.

WSR – Piloti GP2 in World Series a Budapest per conoscere la pista

MOTORSPORT/WSR SPA 2009

Il prossimo fine settimana la World Series by Renault sarà impegnata sulla pista ungherese di Budapest. Con l’occasione scenderanno in pista sulle dallara WS due piloti provenienti dalla GP2, Edoardo Mortara , schierato dal team di Chris Horner Arden,e Michael Herck, del David Price Racing.

I due approfittano dei sedili che si sono liberati nei team SG e Interwetten per macinare chilometri sulla pista ungherese con una vettura che prestazionalmente si avvicini alla GP2 con cui correranno nella stessa pista il prossimo mese. Mortara prenderà posto sulla Dallara del team SG che Bianchi ha condotto per la prima volta a Montecarlo con i colori del team francese affiancando Netbilisky, mentre Herck condurrà la monoposto austriaca targata Interwetten al posto del romeno Marinescu. Michael si troverà come compagno di squadra il sudafricano Adrian Zaugg.

Il team italiano RC Motorsport non intende schierare un altra vettura  per l’appuntamento ungherese concentrando gli sforzi sulla vettura di Pasquale Di Sabatino.

Marco Borgo